Thorsten Fink, il nuovo allenatore tedesco del Genk ed ex quadruplo campione con il Bayern, giudica la Germania: “Siamo forti come la Francia”

Thorsten Fink, il nuovo allenatore tedesco del Genk ed ex quadruplo campione con il Bayern, giudica la Germania: “Siamo forti come la Francia”
Thorsten Fink, il nuovo allenatore tedesco del Genk ed ex quadruplo campione con il Bayern, giudica la Germania: “Siamo forti come la Francia”
-

“Vi do il benvenuto in Germania. Eri già qui per i Mondiali del 2006? Vi garantisco uno spettacolo ancora migliore durante questa edizione.” L’uomo che ci accoglie per parlare della Mannschaft durante la partita inaugurale è Thorsten Fink (56), il nuovo allenatore del Genk. Fink ha giocato nove stagioni per il Bayern Monaco, con il quale ha vinto quattro titoli e una Champions League.

Fink in duello con Anelka durante la semifinale di Champions League in casa del Real Madrid (2-0). ©FotoNotizie

Fink è stato votato il terzo miglior allenatore della Pro League dietro Alexander Blessin e Miron Muslic. Vedere gli allenatori tedeschi marcare la D1 belga in questo modo è la prima volta. Se Blessin resta all’Unione, Fink va ad esplorare un altro angolo del Limburgo e la sua regione mineraria. “Lo sai che mio padre era minorenne?”, dice l’ex centrocampista cresciuto nella Ruhr, vicino a Dortmund. “So che i tifosi del Sint-Truiden sono arrabbiati con me e li capisco. Lì ho vissuto una stagione indimenticabile. Ma la decisione di andare a Genk non è stata affatto difficile da prendere. Questo è un passo avanti nella mia carriera. (Dopo un silenzio) Ma abbiamo organizzato questo incontro per parlare della Germania, giusto? (Ride) Non vedo l’ora che inizi il torneo. Ho prenotato da tempo i biglietti per Germania – Scozia, che si gioca a Monaco, non lontano da casa mia”.

gabbiano

La selezione di Tah annunciata tramite una torta? Sembra di essere a scuola per babysitter.”

Iniziamo con il modo in cui sono stati annunciati i 26 nomi tedeschi. La notizia della scelta di Chris Führig, ad esempio, era stampata sui sacchetti dei pretzel di una panetteria vicino a Stoccarda. Quella di Jonathan Tah è stata annunciata in una torta offerta a una nonna di 93 anni.

“Sembra di essere all’asilo nido. Non ha senso. Non so se i giocatori siano stati avvisati anzitempo. Soprattutto i non selezionati devono essere disgustati. Ho pensato che fosse uno scherzo quando uno dei nomi è stato rivelato al telegiornale. Ma ehi, il calcio è sempre più una questione di affari e di marketing”.

E cosa ne pensi di questo gruppo senza Hummels, Goretzka e Gnabry?

“Hummels era molto forte alla fine della stagione. Ma ha avuto qualche problema fisico e ha avuto difficoltà contro Mbappé nella semifinale di Champions League tra Dortmund e PSG. L’assenza di Goretzka è ancora più sorprendente, vista la sua esperienza. So che il Bayern non ha avuto una buona stagione, ma comunque. Sono sempre stato dell’opinione che per un torneo importante servano giocatori esperti. Adesso non è il momento di mettere alla prova i giovani. Un Aleksandar Pavlovic (20 anni) del Bayern, che ha dovuto lasciare il campo a causa di un’infezione, ad esempio, non lo avrei ripreso. D’altro canto avrei preso Gnabry. So che si è infortunato spesso, ma a me piacciono questo tipo di giocatori. Ma è solo un’opinione personale”.

Vedere Deniz Undav agli Europei è un piacere in Belgio. Ha lasciato un’ottima impressione all’Unione, nonostante provenisse dalla D3 tedesca.

“Ecco, lo dici bene: veniva dalla D3. Ha avuto un’ottima stagione con lo Stoccarda (18 gol). Ma è sufficiente per giocare agli Europei? Miroslav Klose è stato bravo in ogni stagione. Non per niente è il detentore del record assoluto di gol segnati (16) ai Mondiali”.

Nagelsmann è riuscito a convincere a tornare in Nazionale Toni Kroos, che concluderà la sua carriera dopo il torneo…

“È una buona cosa che Kroos sia tornato. Sa controllare il gioco, è un trequartista nella posizione numero ‘6’. Non gioca in difesa, quindi la sua mancanza di velocità può essere mascherata dai giocatori veloci intorno a lui. Mi ha impressionato al Real, soprattutto nelle partite di Champions League contro il Bayern. E la sua decisione di fermarsi dopo l’Euro? È meglio che dover sentire da qualcun altro che sei troppo vecchio. Cappello !”

gabbiano

Musiala può essere una delle rivelazioni di questo Europeo, ma dribbla troppo”.

Musiala potrebbe essere una delle rivelazioni di questo Euro?

“In ogni caso ha le qualità. Ma trovo che ogni tanto esageri con i dribbling. A volte dovrebbe cercare di più la combinazione. È ancora giovane. A 28 anni potrebbe essere uno dei migliori giocatori al mondo”.

Il gesto di protesta dei tedeschi prima della partita contro il Giappone in Qatar. ©IMAGO/Ulmer/Teamfoto

Nagelsmann è l’allenatore di cui ha bisogno la Mannschaft, dopo il fallimento di Flick ai Mondiali?

“Vorrei innanzitutto dire che Flick, con cui ho giocato al Bayern, è tutt’altro che un cattivo allenatore. Ha vinto due titoli e una Champions League con il Bayern. Aveva bisogno di tempo per affermare il suo stile di gioco in Nazionale, tempo che non ha avuto. Anche in Qatar l’atmosfera non era buona. C’era questo messaggio politico da parte della squadra prima della partita contro il Giappone (Nota del redattore: i giocatori si mettono le mani sulla bocca per criticare la politica di ban della Fifa, che minacciava di sanzionare i capitani che indossavano la fascia arcobaleno). Ciò non è stato favorevole per vincere le partite. Era necessario un cambiamento all’interno della squadra. E Nagelsmann potrebbe riuscirci, sì. Non ha l’esperienza di Marcello Lippi e questo è il suo primo torneo importante. Ma dopo la vittoria amichevole in Francia a marzo (0-2), ci credo”.

Prima di allora, la Mannschaft aveva vinto solo tre delle ultime dodici partite. Attualmente sei solo 16° nel ranking Fifa.

“Stiamo uscendo da una spirale negativa. Non abbiamo mai perso così tanto in passato. La crisi era profonda. Ma bisogna sempre tenere conto della Germania in un grande torneo. Siamo un grande Paese calcistico. Quando vedrò che stagione ha appena fatto Rüdiger al Real. Tah è stato eccezionale con il Leverkusen. Possiamo sempre contare su Gündogan. Sané è un’ottima ala. Dobbiamo solo vedere se abbiamo un marcatore, ma Havertz ha esperienza internazionale e ha segnato i suoi gol in questa stagione. Secondo me abbiamo una squadra pari a quella della Francia o dell’Inghilterra. Posso assicurarvi che nessuno vorrà giocare contro la Germania! E il futuro è assicurato. Abbiamo vinto il Mondiale Under 17”.

gabbiano

Qui la pressione è sempre enorme. Alcuni club della D2 giocano davanti a 50.000 persone.”

La pressione deve essere enorme. L’ultimo torneo più o meno riuscito è stato Euro 2016, con una semifinale.

“È vero che abbiamo mancato i nostri ultimi tre tornei. Ma in Germania la pressione è ancora enorme. La popolarità del calcio è immensa. Basta guardare le presenze alle partite della D2. Allo Schalke, ad Amburgo o al Kaiserslautern ci sono quasi 50.000 persone nello stadio. Tutti i biglietti per le partite della Mannschaft sono esauriti da tempo. Ci sarà un’atmosfera grandissima”.

Dopo la tua stagione di successi in Belgio, riusciranno i Devils del tuo connazionale Tedesco a vincere il trofeo?

“SÌ. Ma se mi chiedete se sosterrò il Belgio o la Germania in uno scontro diretto, posso assicurarvi che sarò al 100% per la Germania (ride)”.

L’ex Müller e Kroos in rosa nell’amichevole contro l’Olanda di marzo. ©Copyright 2024 Associated Press. Tutti i diritti riservati.

Cosa ne pensi della seconda maglia rosa della Germania?

“Il rosa è speciale. Alcuni lo odiano, altri lo adorano. Io, nonostante i miei 56 anni, appartengo alla seconda categoria. A Sint-Truiden indossavo anche pantaloni da allenamento fluorescenti. Ma penso che dobbiamo mantenere i colori tradizionali come prima maglia ed è quello che ha fatto la Germania”.

Altro argomento controverso: dopo l’Euro, il produttore di attrezzature Adidas verrà sostituito da Nike, che pagherà 100 milioni all’anno.

“Come leggenda del Bayern, sono sempre stato un fan dell’Adidas. Mannschaft è sempre stato sinonimo di Adidas. Se Adidas avesse offerto 5 milioni in meno rispetto a Nike, avrebbe potuto prolungare il contratto. Ma lì il divario era troppo grande (Adidas ha offerto ‘solo’ 50 milioni). I valori sono una cosa. Ma il denaro è ancora più importante. E tanto di cappello a Nike: ha dimostrato di non dormire”.

Fink si congratula con Elber e Sergio dopo uno dei suoi gol con il Bayern nel 2001. ©Photo News

Hai menzionato il Bayern. Dopo 11 titoli consecutivi, la tua ex squadra si è dovuta accontentare del 3° posto. Ciò potrebbe avere un impatto sulla Mannschaft, che ha sei giocatori del Bayern in selezione?

“NO. Ricordo, dai tempi del Bayern, che i nazionali erano felici di partire per la Nazionale quando c’era una crisi al Bayern e viceversa. A Monaco ero rimasto solo io, con Michael Wiesinger e alcuni feriti”.

Come spieghi il fatto che non hai giocato nemmeno una partita con la Mannschaft?

“È un mistero (ride). Con il Bayern ho giocato 236 partite ufficiali, di cui 51 in Champions League. In questo momento, con così tante partite per il Bayern, sarebbe impensabile non essere inserito nella Nazionale. Ma a quel tempo la selezione era più ridotta e non c’era rotazione. I miei rivali per il ruolo di centrocampista difensivo erano Jens Jeremies e Dieter Eilts. Ricordo di essere stato selezionato una volta. L’allenatore federale Berti Vogts aveva tirato fuori tutte le sue riserve… tranne me. Nonostante ciò, a questo Europeo sarò un grande fan della Mannschaft (ride) !”

-

PREV Una multa record per la petroliera americana Marathon a causa delle sue “dannose” emissioni di gas serra
NEXT Morte dell’attrice americana Shelley Duvall – Notizie