Philippe Cruette, ex direttore generale del gruppo Bordeaux Nord Aquitaine Santé, licenziato per inflazione

Philippe Cruette, ex direttore generale del gruppo Bordeaux Nord Aquitaine Santé, licenziato per inflazione
Philippe Cruette, ex direttore generale del gruppo Bordeaux Nord Aquitaine Santé, licenziato per inflazione
-

Se n’è andato, lasciando un post sul social network professionale Linkedin. Sobrio e dignitoso: “È con il cuore pesante che dico queste parole. Lascio la GBNA, non volevo questa situazione ma rispetto la decisione degli azionisti. » Philippe Cruette, 47 anni, è stato licenziato dal suo mandato di direttore generale del gruppo Bordeaux Nord Aquitaine Santé, dopo sedici anni di “servizio buono e leale”, un approccio visionario alla posizione regionale di questo gruppo familiare e un acuto senso di la missione di sanità pubblica.

Céline Etchetto, oggi vicedirettrice generale dell’Istituto Bergonié, durante il Covid ha delegato la fornitura di cure e preparazione a situazioni sanitarie eccezionali presso l’Agenzia sanitaria regionale della Nuova Aquitania, ricorda: “Non dimenticherò la solidarietà nel 2020 e nel 2021 durante la crisi del Covid , del policlinico Bordeaux-Nord, il trasferimento dei pazienti in qualsiasi momento…” Philippe Cruette, che allora era anche il direttore, ha accettato di fare un bilancio di questi anni e di ritornare senza risentimento sulle ragioni del suo licenziamento.

Cosa è successo ufficialmente? Perché sei stato licenziato dal tuo mandato di direttore generale della sanità GBNA e come lo hai scoperto?

Gli azionisti mi hanno avvertito a fine gennaio 2024 che si stava valutando la revoca del mio mandato di amministratore delegato, non me lo aspettavo affatto. Ufficialmente, dietro questa decisione c’erano ragioni economiche. Nel 2023 il gruppo non ha rispettato le previsioni. D’ora in poi gli azionisti vogliono controllare anche il 100% dei mandati del gruppo, mentre io come amministratore delegato avevo un’autonomia, sicuramente definita all’interno del consiglio di gestione. Ho potuto definire una politica generale e assumerla sia internamente che esternamente.

Il gruppo è fiorente, avendo appena acquisito un nuovo stabilimento in Dordogna a Périgueux. Parli di difficoltà economiche, quali sono?

Inflazione, l’attuale crisi delle cliniche private. Questo storico movimento di scioperi, con le porte che si sono chiuse ovunque in Francia tra il 3 e il 5 giugno, mostra come abbiamo sopportato tutto il peso di questa inflazione. Il governo ha scelto di privilegiare la tariffazione dell’ospedale pubblico, senza vedere che anche noi siamo attori sanitari essenziali e che siamo in difficoltà. Per quanto mi riguarda, il deficit del 2023 è legato all’aumento della spesa energetica, la nostra bolletta è triplicata, siamo grandi consumatori di energia, soprattutto in sala operatoria, sulle piattaforme tecniche, in radiologia, ecc. La guerra in L’Ucraina ha creato grosse difficoltà nell’approvvigionamento.

“’Non c’è vento favorevole al marinaio che non conosce la sua rotta’: questa frase di Seneca mi ha guidato per tutta la vita”

Qual è stato il tuo percorso all’interno del gruppo?

Già vengo dal mondo della sanità, i miei genitori erano medici, ma a differenza di loro avevo voglia di economia. Ho iniziato un percorso professionale in questa direzione, con l’idea di intraprendere un giorno la carriera di direttore di una struttura sanitaria. “Non c’è vento favorevole al marinaio che non conosca la sua rotta”: questa frase di Seneca mi ha guidato per tutta la vita. Quando sedici anni fa entrai al policlinico Bordeaux-Nord, assunto dal direttore generale, il defunto Guy-Paul Guichard, fondatore del gruppo, la struttura era economicamente fragile e soffriva di mancanza di organizzazione. Nel 2008 contava 800 dipendenti. Ho lavorato fianco a fianco con Guy-Paul Guichard, il mio ufficio accanto al suo, con scambi costanti. Aveva rigore, buon senso, ma anche la voglia permanente di mettersi alla prova, di andare avanti. In dieci anni abbiamo cambiato gruppo…

Qual è stata la strategia allora e come avete cambiato rotta?

Per cambiare rotta bisogna già fare il punto della situazione. Bordeaux-Nord non era chirurgicamente al posto giusto, ma c’era chiaramente una nicchia da conquistare. Abbiamo triplicato il numero delle sale operatorie operando sezione per sezione, assunto chirurghi di tutte le specialità e, in due anni, tutto era completo. Tra il 2012 e il 2019 abbiamo raddoppiato le nostre dimensioni. Le emergenze della zona di Bordeaux Affidandoci al solo Ospedale Universitario di Bordeaux, abbiamo deciso di coinvolgere le emergenze. In dieci anni ci sono stati tre programmi di espansione. Oggi effettuiamo 35.000 visite all’anno, lo stesso numero di visite del CHU per adulti.

Nel 2020 sei stato nominato amministratore delegato del gruppo. È stata una dimostrazione di fiducia, vero?

Diciamo che questa nomina è stata “naturale” nel contesto. Per un anno sono stato amministratore delegato del gruppo e direttore del policlinico Bordeaux-Nord, con una tabella di marcia definita dagli azionisti e una missione: svilupparsi in Nuova Aquitania, per diventare il riferimento dell’ospedalizzazione privata dell’intera regione. E ‘fatto. GBNA santé conta oggi 12 stabilimenti situati principalmente nella Gironda, ma anche nel Béarn, nella Dordogna e nella Charente.

-

NEXT Scopri dove guardare live streaming e trasmissioni televisive in India