I ministri della Difesa americano e cinese si incontreranno presto

I ministri della Difesa americano e cinese si incontreranno presto
I ministri della Difesa americano e cinese si incontreranno presto
-

AFP

Israele non si ferma dopo il riconoscimento dello Stato di Palestina da parte dei paesi europei

Israele non perde la rabbia giovedì dopo la decisione di tre paesi europei di riconoscere lo Stato di Palestina, nel mezzo di una guerra tra il suo esercito e Hamas palestinese nella Striscia di Gaza dove continuano i bombardamenti Giovedì scorso, una squadra dell’AFP ha riferito di attacchi nel settore di Rafah (sud), mentre testimoni hanno notato intensi bombardamenti a Gaza City, nel nord del territorio devastato da più di sette mesi di guerra implacabile. Spagna, Irlanda e Norvegia hanno annunciato mercoledì la loro decisione di riconoscere congiuntamente uno Stato palestinese nella speranza di indurre altri paesi a fare lo stesso, mentre la soluzione dei due Stati è, secondo Madrid, “in pericolo”. Lo Stato palestinese appare una prospettiva molto incerta, soprattutto a causa dell’assenza di colloqui in questa direzione e della colonizzazione ebraica nella Cisgiordania occupata. Ma questo riconoscimento è considerato una vittoria diplomatica per l’Autorità Palestinese di Mahmoud Abbas mentre lo Stato di La Palestina è riconosciuta, secondo lei, da 142 dei 193 stati membri dell’ONU, soprattutto non occidentali. E rappresenta una nuova battuta d’arresto per Israele dopo che il procuratore della Corte penale internazionale Karim Khan ha chiesto mandati di arresto contro il primo ministro Benjamin Netanyahu per presunti “crimini contro l’umanità”, così come contro i leader di Hamas: “Israele non resterà in silenzio su questa questione”. riconoscimento, ha tuonato il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz, annunciando la convocazione degli ambasciatori di Spagna, Irlanda e Norvegia, e il richiamo per consultazioni degli ambasciatori israeliani in questi tre paesi. Dopo il loro annuncio, la Colombia ha confermato il suo progetto di aprire un’ambasciata a Ramallah , una città nella Cisgiordania occupata dove ha sede l’Autorità Palestinese di Mahmoud Abbas. All’inizio di maggio, il presidente della Colombia, il cui paese era un alleato chiave di Israele in America Latina, ha annunciato la rottura dei rapporti diplomatici tra i due paesi, definendo “genocida” il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu nella sua condotta della guerra in Gaza.- “Ricompensa” per Hamas -Il riconoscimento dello Stato di Palestina è “una ricompensa per il terrorismo”, ha lanciato Benjamin Netanyahu, accanito oppositore dell’idea di un simile Stato accanto a Israele. “Non possiamo dare uno Stato a questo Male.” “Dopo che l’organizzazione terroristica Hamas ha perpetrato il più grande massacro di ebrei dai tempi della Shoah (…) questi paesi hanno scelto di premiare Hamas (… ) e di riconoscere uno Stato palestinese”, – ha sottolineato Katz. I tre stati europei hanno annunciato la loro decisione mentre infuria la guerra tra Israele e Hamas dopo l’attacco senza precedenti lanciato il 7 ottobre 2023 dai commando del movimento islamico palestinese infiltrati dalla vicina Striscia di Gaza nel sud di Israele nella morte di oltre 1.170 persone, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP basato su dati ufficiali israeliani. Delle 252 persone prese in ostaggio il 7 ottobre, 124 sono ancora detenute a Gaza, di cui 37 morte, secondo l’esercito. Le famiglie di cinque soldati israeliani tenuti in ostaggio a Gaza mercoledì hanno autorizzato la diffusione delle immagini della loro cattura Le giovani donne, alcune con le facce insanguinate, sedevano a terra in pigiama, con le mani legate dietro la schiena dai sequestratori, prima di essere portate via con una jeep. In risposta all’attacco, Netanyahu ha promesso di annientare Hamas L’esercito ha lanciato un’offensiva devastante nella Striscia di Gaza, dove Hamas, considerata un’organizzazione terroristica da Israele, Unione Europea e Stati Uniti, ha preso il potere nel 2007. Almeno 35.709 palestinesi, in maggioranza civili, sono morti in questa offensiva, secondo i dati Ministero della Sanità del governo del territorio palestinese guidato da Hamas – “Gusci vuoti” – Mercoledì il movimento islamico palestinese ha accolto il riconoscimento come un “passo importante” e l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), unico rappresentante ufficiale del governo palestinese. i palestinesi sulla scena internazionale hanno parlato di “momenti storici”. Anche i paesi arabi lo hanno accolto con favore. Ma a Rafah, una città nel sud di Gaza soggetta quotidianamente ai bombardamenti israeliani, Ahmed Ziad, 35 anni, ha denunciato “proiettili vuoti se l’America e altri paesi europei (…) non sostengono” tale riconoscimento sostenitore, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha ribadito che “uno Stato palestinese (deve) nascere attraverso negoziati diretti tra le parti, non attraverso il riconoscimento unilaterale”.- “Più mirati” a Rafah – Questi ultimi sviluppi arrivano mentre i soldati israeliani continuano la loro battaglia operazioni “contro obiettivi di Hamas” nella zona di Rafah Gli Stati Uniti, che hanno minacciato di bloccare alcune consegne di armi a Israele in caso di un’offensiva di terra su larga scala a Rafah dove sono intrappolati più di un milione di civili, hanno giudicato mercoledì. che l’operazione è ora “più mirata e limitata”, pur esprimendo preoccupazione per la sorte dei civili sul posto. Entrando con i loro carri armati nella parte orientale di Rafah, i soldati hanno preso il controllo anche del lato palestinese dell’omonimo valico con l’Egitto. , il principale punto di ingresso degli aiuti umanitari, e poi lo ha chiuso. Da allora, la consegna degli aiuti è praticamente ferma mentre, secondo le Nazioni Unite, 1,1 milioni di palestinesi a Gaza affrontano “livelli di fame catastrofici”. bur-gl/ib.

-

NEXT Il dollaro USA supera le 16.300 rupie, modello di valore della rupia migliore rispetto ad altri paesi