Vevey: il Vibiscum Festival annulla la sua 3a edizione

-

Vibiscum conferma la sua cancellazione

Pubblicato oggi alle 17:02 Aggiornato 1 ora fa

“È trapelato, non avrebbe dovuto. Ma posso confermare che Vibiscum è cancellato. Domani, giovedì 16 maggio alle ore 11, un comunicato stampa ufficiale fornirà maggiori informazioni.” Contattato telefonicamente dopo un articolo di “Blick”l’ufficio eventi di Vevey non mantiene la suspense: non ci sarà una terza edizione.

Si sarebbe dovuto tenere dal 30 maggio al 2 giugno e sperava di riunire artisti rap (Hamza) e rock (Shaka Ponk) sulla Place du Marché di Vevey, oltre a un palco gigante e, se possibile, 15.000 persone a sera. elettronica (Hardwell) e classica (Juan Diego Florez).

Anno finanziario 2023 complicato

L’anno scorso, le cifre non hanno raggiunto queste aspettative, soprattutto durante un venerdì sera che aveva chiaramente lasciato la piazza di Vevey nuda e appesantiva un deficit che il festival, sostenuto in gran parte da sponsor prestigiosi e con Nestlé come partner principale, non ha voluto confermare la scala esatta.

Nonostante la spettacolare performance di OrelSan, in apertura della sua 2a edizione lo scorso giugno di Vibiscum si parlò soprattutto per le sue polemiche. Per cominciare, appunto, sollecitando il rapper francese, in una guerra di offerte senza precedenti nella Svizzera romandas che avrebbe portato il suo compenso a 500.000 franchi, cifra smentita dal festival ma confermata da numerosi attori dell’intrattenimento francofono.

In ogni caso, le ambizioni di Vibiscum, che aveva schierato anche DJ Snake per un compenso della stessa entità, sarebbero state deluse dagli incassi dell’edizione 2023. Era stato criticato anche dai frequentatori del festival per la sua goffa infrastruttura. la difficoltà nell’ottenere acqua gratuita e problemi audio durante il concerto di OrelSan. La prossima edizione, con un quartetto di star in particolare del rap (Hemza, Jola, Josman) o l’olandese DJ Hardwell, ha avuto doppio o niente valore.

Smettere, probabilmente.

François Barras è giornalista nella sezione culturale. Dal marzo del 2000 racconta la musica attuale, passata e forse futura.Più informazioni

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

7 commenti

-

PREV In diretta dall’AIBD, nuovi dettagli sull’aereo finito fuori strada
NEXT un progetto che collega due paesi che stanno per vedere la luce – La Nouvelle Tribune