Crescita eccessiva di peli, acne e infertilità sono tra i sintomi: cos’è la PCOS, la malattia di cui soffre Prisca Thevenot?

Crescita eccessiva di peli, acne e infertilità sono tra i sintomi: cos’è la PCOS, la malattia di cui soffre Prisca Thevenot?
Crescita eccessiva di peli, acne e infertilità sono tra i sintomi: cos’è la PCOS, la malattia di cui soffre Prisca Thevenot?
-

“Ho due ragazzi sani ma per molto tempo ho pensato che non sarebbe stato possibile perché ho quella che viene chiamata PCOS che è una delle cause di infertilità”dice Prisca Thevenot.

In un video pubblicato domenica 12 maggio sul suo account X, la portavoce del governo ha reagito agli annunci fatti qualche giorno prima da Emmanuel Macron su natalità e salute delle donne nelle colonne della rivista Lei.

Prisca Thevenot ha parlato della sua sindrome dell’ovaio policistico, una malattia ormonale nota anche come PCOS.

“La sindrome dell’ovaio policistico è considerata il disturbo endocrino più comune tra le donne in età fertile in tutto il mondo”, ha riassunto la principale federazione di endocrinologi americani nel 2015.

È difficile determinare la frequenza esatta di questo disturbo ma le stime si aggirano intorno a un decimo delle donne in età fertile.

A causa della produzione eccessiva di ormoni maschili – androgeni – le ovaie subiscono un accumulo di follicoli che interrompono l’ovulazione. Non si tratta quindi di cisti, contrariamente a quanto suggerisce il nome della sindrome.

Il disturbo è noto anche come sindrome di Stein-Leventhal, dal nome del chirurgo che per primo lo descrisse negli anni ’30.

Crescita eccessiva dei capelli, sovrappeso e infertilità

Gli effetti sono molto vari. I pazienti di solito hanno un ciclo mestruale interrotto e possono avere difficoltà a concepire. Questa sindrome è una delle principali cause di infertilità.

Molti pazienti soffrono anche di irsutismo, cioè di crescita eccessiva di peli, legata a livelli elevati di androgeni.

Tra di loro, questi elementi – presenza di follicoli nelle ovaie; sovrapproduzione di androgeni caratterizzata in particolare da irsutismo; disturbi del ciclo o della fertilità – permettono di formulare una diagnosi: è sufficiente che siano presenti due di essi.

Questo quadro clinico variabile spiega in parte perché la PCOS rimane difficile da diagnosticare e poco conosciuta al grande pubblico.

Soprattutto perché molte manifestazioni cliniche non rientrano nei criteri diagnostici in senso stretto, ma sono spesso osservate nei pazienti: acne, sovrappeso, caduta dei capelli, ecc.

Verso un trattamento?

Anche i meccanismi di questa sindrome rimangono poco definiti. Resta da stabilire, ad esempio, se i disturbi ormonali abbiano origine nelle ovaie, nel sistema nervoso centrale o in entrambi.

Tuttavia, negli anni 2010 sono stati compiuti progressi significativi. Il ricercatore Paolo Giacobini, basandosi sul lavoro sui topi e più recentemente sugli esseri umani, ha aperto la strada verso una migliore comprensione dei meccanismi di trasmissione ereditaria della PCOS.

L’esposizione del feto agli ormoni maschili durante la gravidanza sembra quindi favorire la comparsa della sindrome in età adulta. A lungo termine, questa ricerca fornisce spunti di riflessione verso un trattamento che mirerebbe questa sindrome alla radice.

Per il momento però siamo lontani da questo e le uniche cure mirano solo a rispondere ai sintomi. Pertanto, le pillole contraccettive vengono spesso prescritte per combattere l’irsutismo o altri sintomi legati all’iperandrogenismo.

In caso di infertilità e desiderio di avere un figlio si possono prendere in considerazione diversi trattamenti, come la stimolazione ovarica, la chirurgia ovarica mediante perforazione o, come ultima risorsa, la fecondazione in vitro.

-

PREV 25 anni dopo – Il diluvio dell’Ascensione e della Pentecoste 1999
NEXT Kevin Costner è a Cannes emozionato