Il presidente del Mozambico afferma che la città del nord è sotto attacco da parte degli islamisti

Il presidente del Mozambico afferma che la città del nord è sotto attacco da parte degli islamisti
Il presidente del Mozambico afferma che la città del nord è sotto attacco da parte degli islamisti
-

L’esercito del Mozambico sta combattendo i ribelli islamici che venerdì mattina hanno lanciato un grave attacco contro la città settentrionale di Macomia, ha detto il presidente Filipe Nyusi in un discorso televisivo.

La città si trova a Cabo Delgado, una provincia settentrionale ricca di gas dove i militanti legati allo Stato islamico hanno iniziato un’insurrezione nel 2017. Nonostante una significativa risposta in termini di sicurezza, si è registrato un aumento degli attacchi da gennaio di quest’anno.

“Macomia è sotto attacco da questa mattina. Lo scontro a fuoco continua”, ha detto intorno alle 10.00 GMT, aggiungendo che i militanti si erano inizialmente ritirati dopo circa 45 minuti di combattimento, ma poi sono stati raggruppati e ritornati.

L’attacco di venerdì sembra essere il più grave compiuto dai militanti da qualche tempo. I media locali hanno riferito che un gran numero di combattenti erano coinvolti e che molti residenti erano fuggiti.

Una forza regionale della Comunità per lo sviluppo dell’Africa australe, schierata in Mozambico nel 2021, ha iniziato a ritirarsi il mese scorso, con il suo mandato che terminerà a luglio.

Nyusi ha affermato che gli attacchi potrebbero aver luogo in tali periodi di transizione e spera che le forze della SADC siano in grado di intervenire e aiutare. Non è chiaro se fossero ancora schierati nella zona o se prendessero parte ai combattimenti.

Il Ruanda ha anche schierato truppe in Mozambico per aiutare a combattere l’insurrezione.

L’offensiva arriva mentre la compagnia petrolifera francese TotalEnergies cerca di rilanciare un terminale di gas naturale liquefatto da 20 miliardi di dollari a Cabo Delgado che era stato bloccato nel 2021 a causa dell’insurrezione. Questo progetto si trova a circa 200 chilometri a nord di Macomia, la città sotto attacco.

Anche ExxonMobil, con il partner Eni, sta sviluppando un progetto GNL nel nord del Mozambico e la scorsa settimana ha dichiarato di essere “ottimista e di andare avanti” grazie al miglioramento della situazione della sicurezza del carburante.

-

PREV Israele non ha vinto la guerra… che non può perdere
NEXT L’eccellente TV LG OLED C3 da 65 pollici è finalmente a metà prezzo, un anno dopo la sua uscita