La NASA sta per confermare la vita aliena su un altro pianeta

La NASA sta per confermare la vita aliena su un altro pianeta
La NASA sta per confermare la vita aliena su un altro pianeta
-

Rappresentazione artistica della veduta del mondo iceano.

Shang-Min Tsai/UCR

Lo scorso autunno è stato ampiamente riferito che un possibile segno di vita era stato trovato su un altro pianeta. La prova è arrivata dal telescopio spaziale James Webb, che ha identificato la presenza di una molecola chiamata dimetilsolfuro su un esopianeta chiamato K2-18b.

Sulla Terra, il DMS è prodotto dal fitoplancton negli oceani.

Prove di vita?

La NASA ha scoperto prove di vita altrove nel cosmo? Non è probabile, sostiene un nuovo studio pubblicato questa settimana su Lettere del diario astrofisico. Afferma che non esiste un DMS intorno a K2-18b e che il rilevamento pubblicato lo scorso autunno non era corretto.

Questa interpretazione negativa della scoperta iniziale non ha impedito ai notiziari di pubblicare le stesse storie dell’autunno sulla NASA che aveva trovato prove di vita. Abbondano titoli falsi da parte dei media che non hanno nemmeno letto lo studio precedente, per non parlare di quello più recente.

Ecco cosa c’è In realtà sta succedendo.

ForbesPossibile segno di vita trovato su un pianeta distante 120 anni luce

Intrigante pianeta extrasolare

K2-18b è un esopianeta intrigante, un pianeta che orbita attorno a una stella diversa dalla nostra. Questo è distante 120 anni luce e orbita attorno a una fredda stella nana rossa. È nella costellazione del Leone nel nostro cielo notturno.

Un esopianeta 8,6 volte più massiccio della Terra, è classificato come “super Terra” e “sub-Nettuno”, il che significa che è più grande della Terra ma più piccolo di Nettuno. Tali pianeti sembrano essere il tipo più comune nella Via Lattea, ma non esistono pianeti come loro nel nostro sistema solare.

K2-18b è stato scoperto dal telescopio spaziale Kepler della NASA nel 2015. Nel 2019, il telescopio spaziale Hubble ha trovato prove di vapore acqueo nella sua atmosfera.

“Mondo Iceano”

K2-18b è considerato l’archetipo del pianeta extrasolare “Iceano”. La sua abbondanza di metano e anidride carbonica – e la carenza di ammoniaca – suggeriscono che un oceano potrebbe trovarsi al di sotto di un’atmosfera ricca di idrogeno.

Non solo il DMS è considerato una firma biologica – prova di vita passata o presente – ma K2-18b ha anche alcune caratteristiche potenzialmente abitabili, tra cui un oceano simile alla Terra, un’atmosfera e all’incirca la stessa quantità di luce solare.

“Questo pianeta riceve quasi la stessa quantità di radiazione solare della Terra. E se si esclude l’atmosfera come fattore, K2-18b ha una temperatura vicina a quella terrestre, che è anche una situazione ideale in cui trovare la vita”, ha affermato Shang-Min Tsai, autore dello studio e scienziato del progetto presso l’Università di California, Riverside.

Luce stellare filtrata

Ciò che gli scienziati planetari sanno sugli esopianeti è essenzialmente la luce stellare filtrata attraverso la loro atmosfera. I risultati rivelano firme molecolari. “Il segnale DMS proveniente dal telescopio Webb non era molto forte e si presentava solo in certi modi durante l’analisi dei dati”, ha detto Tsai. “Volevamo sapere se potevamo essere sicuri di quello che sembrava un indizio sulla DMS.”

Utilizzando modelli computerizzati della fisica e della chimica del DMS e dell’atmosfera basata sull’idrogeno del pianeta, i ricercatori hanno concluso che il DMS su K2-18b è improbabile. “Il segnale si sovrappone fortemente al metano e riteniamo che distinguere il DMS dal metano vada oltre le capacità di questo strumento”, ha affermato Tsai. Sebbene sia stato rilevato più DMS di quello presente sulla Terra, il suo rilevamento è stato considerato inaffidabile a meno che non si accumulasse fino a circa 20 volte di più di quello presente sulla Terra.

Ti auguro cieli sereni e occhi spalancati.

-

PREV “Mathieu aveva molte richieste da Agen”… il Comptoir national de l’or arriva in centro città
NEXT Cyril Hanouna ha speso generosamente: scopri il prezzo esorbitante della sua nuova casa a Saint-Tropez