Il ministro liberale dice che ha dovuto abortire a 18 anni

Il ministro liberale dice che ha dovuto abortire a 18 anni
Il ministro liberale dice che ha dovuto abortire a 18 anni
-

Mentre una folla molto più ridotta rispetto agli anni precedenti marciava per le strade di Ottawa per chiedere il divieto dell’aborto in Canada, la ministra di Montreal Soraya Martinez Ferrada ha rivelato davanti al Parlamento di aver interrotto una gravidanza indesiderata in gioventù.

“A 18 anni, quando sono tornata in Cile, mi sono resa conto di essere incinta, senza diritti e senza scelte”, ha condiviso giovedì la ministra del Turismo davanti ai suoi colleghi della Camera.

Era la prima volta che rivelava così pubblicamente di essere stata “salvata” dalla libertà di scelta che prevale in Canada. “L’unico modo per combattere questa minaccia ai diritti delle donne è rompere il tabù e il silenzio. Ecco perché l’ho fatto”, ha poi spiegato Dovere.

A prova di questa “minaccia”, afferma, il Partito conservatore canadese tollera con orgoglio i parlamentari contrari alla scelta. Due di loro erano presenti anche giovedì pomeriggio alla manifestazione annuale contro l’aborto, chiamata “Marcia per la vita”.

Si tratta dei deputati del Canada occidentale Cathay Wagantall e Arnold Viersen. Il primo ha tentato per tre volte di riaprire il dibattito sull’aborto attraverso progetti di legge, il secondo ha presentato martedì al Parlamento una petizione composta da 47 nomi che denuncia “i circa 100mila bambini non ancora nati che muoiono ogni anno a partire dalla decisione Morgentaler, la decisione della Corte Suprema del 1988 aborto depenalizzato.

Entrambi hanno menzionato Dio nei loro discorsi davanti a una folla di circa 1.700 persone, secondo le stime del Servizio di protezione parlamentare. Il numero dei manifestanti è crollato negli ultimi anni, anche se l’evento ha già attirato decine di migliaia di partecipanti e un numero maggiore di parlamentari conservatori.

I manifestanti presenti hanno comunque applaudito più forte al leader del Christian Heritage Party of Canada, Rod Taylor, che ai due funzionari eletti venuti a sostenerli.

Pochi manifestanti

Alcune decine di contro-manifestanti hanno cercato di seppellire i discorsi ufficiali con i loro slogan. Gabrielle Pelletier, coordinatrice dell’Ottawa Sexual Assault Center, ha partecipato per l’undicesima volta per dimostrare il suo impegno a favore della libera scelta.

“Dobbiamo essere sempre vigili per i diritti delle donne”, dice la donna che afferma di non essere davvero rassicurata dal fatto che il leader conservatore Pierre Poilievre sia favorevole alla scelta sin dalla corsa alla leadership del suo partito nel 2022.

Il manifestante anti-aborto Gilles Guibord, di Chénéville nell’Outaouais, ritiene che “l’opzione pro-vita non ha diritto di apparire sui media”, e si rammarica che Justin Trudeau non accetti nelle sue file gli oppositori della destra all’aborto.

“ [Pierre Poilievre] è l’unico che ti permette di esprimerti, ma è controllato dai filo-abortisti, dice. Chi controlla i partiti politici? Finanza, altissima finanza. Penso che in Canada non esista un partito democratico. »

Il suo amico André Plamondon, di Saint-André-Avellin, tiene con orgoglio un cartello con l’immagine della Beata Vergine che porta il messaggio “Con Maria diciamo SÌ alla vita”. “La cosa migliore è continuare a venire qui, a comparire davanti al Parlamento, quanto più saremo numerosi, forse questo può aiutare”, ha detto, deluso nel vedere che il suo gruppo è effettivamente meno numeroso rispetto all’anno precedente.

Pierre Poilievre nel mirino

Nonostante l’entusiasmo relativamente modesto per la “Marcia per la Vita” di quest’anno, gli eletti liberali, ma anche del Nuovo Partito Democratico e del Bloc Québécois, sono rimasti scandalizzati nel vedere che alcuni mettevano in discussione il diritto all’aborto.

Mercoledì, il giorno prima della marcia, diversi ministri del governo Trudeau si sono presentati davanti ai media durante un’uscita improvvisata per accusare Pierre Poilievre di voler attaccare i diritti delle donne, o addirittura di utilizzare le disposizioni della Carta canadese dei diritti e delle libertà per ottenere Questo.

“Il leader dell’opposizione si vanta di utilizzare qualcosa che non è mai stato utilizzato dal governo federale [la disposition de dérogation]e hai un deputato conservatore che […] presenta una petizione per limitare il diritto di scelta delle donne”, ha cantato il Ministro per le Donne, l’Uguaglianza di Genere e la Gioventù, Marci Ien.

“Nessuno dovrebbe credere alle parole di [Pierre] Poilievre. Ha mostrato la sua posizione contro i diritti delle donne, contro l’accesso a questa scelta”, ha detto il leader del Nuovo Partito Democratico, Jagmeet Singh, andando a stringere la mano ai contro-manifestanti, pro-choice, davanti al Parlamento.

“Ancora una volta il circo anti-scelta è in città. È tornata la grottesca dimostrazione di intimidazione contro le donne, i funzionari eletti e i medici. […] Questo mondo si definisce a favore della vita mentre sono semplicemente contro le donne», si è lamentata davanti al Parlamento la deputata del Bloc Québécois Andréanne Larouche.

L’ufficio del leader dell’opposizione ufficiale ha confermato che alle truppe conservatrici non è stata inviata alcuna istruzione per incoraggiare o vietare la loro presenza alla “Marcia per la Vita”. Una raccolta delle posizioni di Pierre Poilievre negli ultimi 20 anni realizzata da Il dovere dimostra che il politico ha votato a favore di cinque testi criticati perché scritti per riconoscere i diritti del feto. Come leader, promette di non approvare leggi contro l’aborto, ma di consentire “voti liberi” su questi temi.

Da vedere in video

-

PREV Morte di un bambino di 5 anni trovato senza vita in un fiume in Alsazia
NEXT La continua forza del dollaro riduce i profitti delle imprese statunitensi