I dispositivi indossabili possono ora raccogliere i dati del nostro cervello. L’Australia ha bisogno di riforme urgenti sulla privacy

I dispositivi indossabili possono ora raccogliere i dati del nostro cervello. L’Australia ha bisogno di riforme urgenti sulla privacy
I dispositivi indossabili possono ora raccogliere i dati del nostro cervello. L’Australia ha bisogno di riforme urgenti sulla privacy
-

(MENAFN- The Conversation) Le tendenze recenti mostrano che gli australiani acquistano sempre più dispositivi indossabili come smartwatch e fitness tracker. Questi dispositivi elettronici tracciano i movimenti del nostro corpo o i segni vitali per fornire dati durante il giorno, con o senza l’aiuto dell’intelligenza artificiale (AI).

C’è anche una nuova categoria di prodotti che interagisce direttamente con il cervello. Fa parte di ciò che l’UNESCO definisce ampiamente come l’industria emergente della “neurotecnologia”:

Gran parte della neurotecnologia è ancora in fase di sviluppo o confinata alla ricerca e al contesto medico. Ma i consumatori possono già acquistare diverse cuffie che utilizzano l’elettroencefalografia (EEG).

Spesso commercializzati come fasce per la meditazione, questi dispositivi forniscono dati in tempo reale sull’attività cerebrale di una persona e li inseriscono in un’app.

Tali cuffie possono essere utili per le persone che desiderano meditare, monitorare il proprio sonno e migliorare il benessere. Tuttavia, sollevano anche problemi di privacy: l’attività cerebrale di una persona è intrinsecamente un dato personale. Ciò è particolarmente preoccupante quando si tratta di cuffie EEG e dispositivi indossabili progettati per i bambini.

Il sottile scorrimento dei dati neurali e cognitivi che i dispositivi indossabili sono in grado di raccogliere sta provocando una “corsa all’oro” dei dati, con le aziende che estraggono anche il nostro cervello in modo da poter sviluppare e migliorare i loro prodotti.

Una seria preoccupazione per la privacy

In un documento informativo pubblicato all’inizio di quest’anno, la Commissione australiana per i diritti umani ha identificato diversi rischi per i diritti umani che la neurotecnologia può comportare, compresi i diritti alla privacy e alla non discriminazione. Gli studiosi di diritto, i politici, i legislatori e il pubblico devono prestare seria attenzione alla questione.

La misura in cui le aziende tecnologiche possono raccogliere dati cognitivi e neurali è particolarmente preoccupante quando tali dati provengono da bambini. Questo perché i bambini non rientrano nella protezione fornita dalla legislazione australiana sulla privacy, in quanto non specifica un’età in cui una persona può prendere le proprie decisioni sulla privacy.

Il governo e le associazioni industriali interessate dovrebbero condurre un’indagine sincera per indagare in che misura le aziende neurotecnologiche raccolgono e conservano questi dati sui bambini in Australia.

Anche i dati privati ​​raccolti tramite tali dispositivi vengono sempre più inseriti negli algoritmi di intelligenza artificiale, sollevando ulteriori preoccupazioni. Questi algoritmi si basano sull’apprendimento automatico, che può manipolare i set di dati in modi difficilmente allineabili con il consenso fornito da un utente.

Cosa dice la legge sulla privacy?

Gli utenti dovrebbero avere la massima trasparenza su quali dati raccolgono i loro dispositivi indossabili e su come vengono utilizzati.

Attualmente, il Privacy Act e i Principi australiani sulla privacy regolano la raccolta, l’uso e la divulgazione delle informazioni personali in Australia.

Al momento, gli australiani non hanno alcuna protezione legale dalla violazione della privacy sui loro dati cerebrali e cognitivi. Le aziende tecnologiche possono estrarre i dati neurali degli australiani – compresi i bambini – e archiviare queste informazioni al di fuori dell’Australia.

Abbiamo urgentemente bisogno di aggiornare le leggi per fornire tutele della privacy più solide quando entra in gioco la neurotecnologia. Ciò proteggerebbe in modo proattivo la privacy degli australiani di tutte le età in ogni momento.

Con l’accesso dei bambini ai dispositivi indossabili, le preoccupazioni sulla privacy dei dati si intensificano. StoryTime Studio/Shutterstock Come dovremmo cambiare le leggi?

Una potenziale soluzione potrebbe essere quella di aggiornare la nostra legislazione sulla privacy per collaborare con la Therapeutic Goods Administration (TGA), che regola la fornitura di dispositivi medici in Australia.

Ciò garantirebbe che i dispositivi indossabili compatibili con le app mobili e i software che attualmente eludono il TGA rientrerebbero sotto la loro rigorosa supervisione. Tali dispositivi includono fitness tracker e smartwatch, ma anche fasce per EEG.

Ciò significherebbe che queste tecnologie invasive della privacy devono allinearsi alle normative della TGA, proteggendo i dati cognitivi e neurali degli australiani.

Potremmo anche stabilire ulteriori controlli sulla raccolta dati per monitorare la raccolta di dati neurali da parte di aziende all’interno e all’esterno dell’Australia. In questo modo, potremmo garantire il rispetto delle norme sulla privacy e mettere in atto misure che impediscano la raccolta o la sorveglianza non autorizzata dei dati tramite dispositivi indossabili.

Tali cambiamenti dovrebbero inoltre garantire agli utenti il ​​diritto di accedere ai propri dati neurali e cognitivi. Ad esempio, gli utenti dovrebbero sempre avere la possibilità di cancellare definitivamente i propri dati. Ciò garantirebbe che i dati degli australiani siano trattati in modo trasparente, etico e giuridicamente valido.

L’Australia è a un bivio cruciale. Dobbiamo affrontare i rischi associati alla raccolta di dati attraverso la neurotecnologia. L’industria dei dispositivi in ​​grado di accedere ai nostri dati neurali e cognitivi è destinata ad espandersi.

Se attuassimo queste riforme adesso, l’Australia potrebbe diventare un leader globale nella protezione della privacy. E tutti noi potremmo godere dei vantaggi della tecnologia indossabile sapendo che i nostri diritti alla privacy sono rigorosamente protetti.

MENAFN10052024000199003603ID1108196605

-

PREV Farmaci scadenti e contraffatti, una sfida urgente nella catena di fornitura che deve essere affrontata
NEXT Le famiglie devono affrontare le richieste di Eid al-Adha