Inondazioni in Africa orientale: colpite oltre 635.000 persone (OIM)

Inondazioni in Africa orientale: colpite oltre 635.000 persone (OIM)
Inondazioni in Africa orientale: colpite oltre 635.000 persone (OIM)
-
Immagine illustrativa

Le piogge torrenziali che cadono attualmente in questa regione orientale del continente hanno causato “inondazioni devastanti e senza precedenti” in Burundi, Kenya, Ruanda, Somalia, Etiopia e Tanzania. Queste inondazioni, talvolta seguite da smottamenti, hanno già causato numerose vittime e ingenti danni materiali. Lì furono danneggiati strade, ponti e dighe.

Secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), “637.000 persone sono state colpite (di cui 234.000 sfollati)” da questi disastri.

“Questi disastri non solo sono costati molte vite, ma hanno anche peggiorato la sofferenza delle popolazioni colpite e aumentato il rischio di malattie trasmesse dall’acqua”, ha avvertito ieri mercoledì l’OIM.

Queste “inondazioni devastanti e senza precedenti” mostrano la triste realtà del cambiamento climatico in Africa. Un’Africa che tuttavia contribuisce solo per il 4% circa alle emissioni di gas serra nel mondo. Questa “ingiustizia climatica” nei confronti dell’Africa è stata denunciata con forza nel settembre 2023 alle Nazioni Unite da Macky Sall, allora presidente della Repubblica del Senegal.

“I progetti verdi in Africa sono finanziati ricorrendo al debito commerciale, mentre dovrebbero essere soggetti e sostenuti dalla mobilitazione dei 100 miliardi di dollari all’anno concordati dalla COP 15 (…) per finanziare l’azione per il clima. La giustizia climatica richiederebbe che un continente che contribuisce per meno del 4% alle emissioni, e che soffre di più, non sia condannato a indebitarsi per riparare e prevenire danni di cui non è responsabile”, ha dichiarato Macky Sall durante il suo intervento alla 78th Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York (Stati Uniti).

Mamadou Baïlo Keïta per Guineematin.com

Tel: 622 97 27 22

-

PREV Reazioni alle esercitazioni militari cinesi intorno a Taiwan
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez