Malmö nei colori di un’Eurovisione oscurata dalla guerra di Gaza

Malmö nei colori di un’Eurovisione oscurata dalla guerra di Gaza
Malmö nei colori di un’Eurovisione oscurata dalla guerra di Gaza
-

Dopo concerti e prove sullo sfondo delle manifestazioni contro la guerra a Gaza, l’Eurovision Song Contest farà tremare Malmö, dove sabato rappresentanti di 26 paesi si sfideranno per succedere alla Svezia.

Croazia, Svizzera e Ucraina sono le favorite per questa grande massa annuale di kitsch, seguite nel 2023 da 162 milioni di persone.

Lato destro: la Malmö Arena, dove tutto è luci al neon, costumi scintillanti e ritmi orecchiabili. Dall’altro lato: il balletto incessante di agenti di polizia pesantemente armati di pattuglia.

In tutta la città, pompon e stendardi dai colori vivaci si affiancano alle bandiere palestinesi appese alle finestre.

Giovedì più di 5.000 persone hanno marciato pacificamente lungo la principale arteria pedonale per protestare contro la partecipazione di Israele, la cui candidata Eden Golan, stasera, avrebbe tentato di piazzarsi in finale, ha notato una squadra.

“Quest’anno boicotteremo completamente”, ha confidato Cecilia Brudell, 31 anni, tra la folla, tra cui anche l’attivista per il clima Greta Thunberg.

Nella Malmö Arena, l’organizzazione ha, come di consueto, vietato qualsiasi bandiera diversa da quella dei partecipanti e qualsiasi striscione con un messaggio politico.

L’anno scorso, l’Unione europea di radiodiffusione (EBU), che supervisiona la competizione, ha vietato al presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj di parlare lì.

Ma la neutralità della tribuna è stata scossa martedì, durante la prima semifinale, dal cantante svedese Eric Saade che portava una kefiah al braccio.

Un gesto rammaricato dall’EBU e dalla televisione pubblica svedese SVT, che rivendicano il carattere apolitico di questo incontro popolare.

“È un mondo a sé stante (…) molto gioioso e colorato, un mondo in cui mi sento sicuro”, confida Nemo, artista svizzero non binario.

Per i fan – la città attende fino a 100.000 visitatori – “quello che conta è quello che c’è sul palco: i contributi, gli artisti e la musica, e non la politica”, insiste il professore di storia delle idee, Andreas Önnerfors, specialista dell’Eurovision.

Quasi settant’anni, l’Eurovision è “una dimostrazione di tolleranza europea che non troviamo in altre forme o in altri luoghi”, sottolinea.

“La politica è ovunque”

Tuttavia, per gli artisti ucraini “la politica è ovunque”.

Quest’anno, il conflitto in Ucraina è stato messo in ombra dalla guerra a Gaza, iniziata il 7 ottobre quando i commando di Hamas hanno effettuato un attacco contro Israele che ha provocato più di 1.170 morti, per lo più civili, secondo un bilancio stabilito da dati ufficiali israeliani.

Secondo l’esercito, più di 250 persone sono state rapite e 128 rimangono prigioniere a Gaza, di cui si ritiene che 36 siano morte.

In risposta, l’esercito israeliano ha lanciato un’offensiva a Gaza, che finora ha causato la morte di 34.844 persone, la maggior parte civili, secondo il Ministero della Sanità di Hamas.

“Ci devono essere manifestazioni, la gente deve esprimere le proprie opinioni, la gente deve boicottare”, assicura Magnus Børmark, candidato per la Norvegia con il suo gruppo Gåte, che, come altri otto partecipanti, ha pubblicamente chiesto un cessate il fuoco duraturo.

I rappresentanti di alcuni paesi una volta avevano preso in considerazione l’idea di boicottare il concorso per protestare contro la presenza di Israele, ma non l’hanno fatto.

“I primi giorni della settimana dell’Eurovision sono stati calmi. Stiamo indagando su un caso di presunto incitamento all’odio razziale”, nota il portavoce della polizia Jimmy Modin.

Anche se la Svezia ha alzato il livello di allerta lo scorso anno dopo alcuni atti di profanazione del Corano, “non possiamo ovviamente escludere la possibilità che succeda qualcosa, ma non c’è alcuna minaccia diretta contro il Corano”. ‘Eurovision’, insiste.

I rinforzi della polizia arrivarono da tutta la Svezia, ma anche dalla Danimarca e dalla Norvegia.

All’interno della comunità ebraica alcuni intendono lasciare la città per il fine settimana.

“Con l’Eurovision c’è una sorta di intensificazione. La sensazione di insicurezza è aumentata dopo il 7 ottobre, molti ebrei sono preoccupati”, spiega il portavoce Fredrik Sieradzki.

“Non vedo l’ora che arrivi l’Eurovision, anche se in linea di principio come comunità pensiamo che sia positivo che qui a Malmö tutti siano i benvenuti, compreso Israele”, riassume. “Ma abbiamo preferito che non ci esponesse a nulla.”

Secondo lui, però, le numerose manifestazioni filo-palestinesi non hanno dato luogo ad appelli contro gli ebrei della città.

La sicurezza intorno alla sinagoga è stata comunque rafforzata.

Sui social sono arrivate minacce contro Eden Golan, che scenderà in campo per la seconda semifinale in programma alle 19.00.

Allo stesso tempo, gli attivisti organizzeranno una Falastinvision, un concorso musicale in solidarietà con i palestinesi.

-

PREV La cifra enorme che riceverà lo Stade Rennais grazie all’accordo del CVC
NEXT Campo profughi bombardato: Benjamin Netanyahu afferma che lo sciopero di Rafah è “un tragico incidente”