5 spettacoli da vedere al Festival di Santa Teresa

-

La città di Sainte-Thérèse dà il via all’estate dei festivalieri con l’ottava edizione del Festival di Santa Teresa, che si svolgerà fino a domenica.

I festeggiamenti iniziano giovedì con una serata dedicata esclusivamente all’umorismo. Arnaud Soly è l’headliner della giornata. A partire dalle 19:30, accoglierà Pierre-Yves Roy-Desmarais, Maude Landry, Daphné Létourneau, Julien Corriveau e Mona de Grenoble sul palco principale all’aperto.

Sarà la musica a prendere il sopravvento e a prendere il sopravvento a partire da venerdì. Ecco cinque artisti da non perdere.

Émile Bourgault

Scena all’aperto gratuita

Venerdì 10 Maggio, 20 H

Con il suo look da liceale, Émile Bourgault si distingue nei concorsi dal 2022. Finalista dell’edizione 2022 di Francouvertes, ha vinto Ma Première Place des Arts e il Grand Competition del Granby International Song Festival nel 2023.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Il cantautore Émile Bourgault

Foto: per gentile concessione dell’artista

Prima di una serie di vittorie, il giovane cantautore ha pubblicato due EP, Azzurro (2020) e Avremo sempre il cielo (2021). Il suo primo album completo, Molto megliodiretto da Félix Dyotte, è uscito il 5 aprile.

Famoso per la sua sensibilità e il suo lato sognante, fa oscillare il pubblico tra lacrime, risate e riflessioni.

Sullo stesso palco, la stessa sera, potremo vedere il finalista di Francouvertes 2024, Loïc Lafrance, alle 18, e la musica unificante del giovane gruppo Céréales Dauphin, alle 22.

Oli non essenziali

Bar Le Cha Cha

Venerdì 10 Maggio, mezzanotte

Questo è il nuovo progetto di Warren Spicer, cantautore del gruppo Plants and Animals. Esplorando il jazz, il folk e il tropicália (movimento psichedelico e hippie di origine brasiliana), l’artista si mostra sotto una nuova luce, rompendo con ciò che già sapevamo sulle sue affiliazioni.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Warren Spicer da Piante e animali

Foto: Radio-Canada / Karine Dufour

Curiosità: la musica di Unessential Oils è stata composta mentre Warren Spicer stava facendo un lunghissimo bagno.

L’artista è riconosciuto anche come produttore discografico. Ha prodotto in particolare i due album del gruppo Comment Debord, che si esibirà domenica alle 18:15 sul palco principale all’aperto.

Al Bar Le Cha Cha gli Unessentials Oils saranno preceduti dal gruppo R&B, soul e new wave Night Lunch.

MUZIONE

Grande scena

sabato 11 Maggio, 18 H 15

Il collettivo di rapper cult della scena underground di Montreal, formato dai cantautori del Quebec di origine haitiana Dramatik, Imposs e J.Kyll, è considerato un pioniere dell’hip-hop francofono in Quebec.

>>Sul set di Bonsoir bonoir cantano i membri del gruppo Muzion.>>

Apri in modalità a schermo intero

Muzion si esibisce al “Bonsoir bonoir!” »nel 2019

Foto: La produzione è ancora giovane inc. /Karine Dufour

I tre componenti del trio sono ancora attivi da solisti, ma ci riporteranno ai primi anni 2000 con la loro musica che non è invecchiata in alcun modo, gli album Mentalità triste e triste (non capivano) (1999) e Mi sto rivoluzionando (2002) sono ancora attuali.

Sul palco principale all’aperto, la serata rap culminerà con il rapper francese di origine algerina e guadalupana Ziak, che appare sempre mascherato e non rivela nulla della sua identità.

Chloe Jara-Buto

Il Sacro Graal

domenica 12 Maggio, 18 H 30

Chloé Jara-Buto produce suoni imperfetti che risuonano magnificamente. Le sue canzoni rock lo-fi dal sapore elettronico ci portano spesso a dire Farò marcia indietro perché non sono sicuro di aver capito tutto..

Il suo album più recente L’anno del coniglio, uscito lo scorso dicembre, ricorda il suo amore per i suoni delicati, le voci che vanno e vengono, per poi svanire.

I numerosi cambi di tempo e temi unici cattureranno l’attenzione degli amanti della novità.

Seguirà Chloé Jara-Buto beatmaker queer Montrealer Soraï, alle 19:30

Bibi Club

Grande scena

domenica 12 Maggio, 19 H 15

Il duo formato da Adèle Trottier-Rivard e Nicolas Basque propone, per sua stessa ammissione, musica del tipo festa in soggiorno. Prima di moltiplicare gli spettacoli in tutto il Quebec e in Francia, Bibi Club presenterà al pubblico di Santa Teresa il suo nuovissimo album, Luce di guardiain uscita questo venerdì 10 maggio.

>>Una persona si trova davanti a un microfono.>>

Apri in modalità a schermo intero

Bibi Club

Foto: Radio-Canada

Con canzoni in francese e inglese, Adèle Trottier-Rivard e Nicolas Basque esplorano tutte le possibilità del minimalismo. In coppia, producono così tanti suoni complessi e precisi che quasi ti chiedi quale scopo possano servire tutti i membri in gruppi di tre o più persone.

La coppia, che ha formato il loro Club nel 2019, ha vinto il premio Espoir 2023 al GAMIQ ed è stato nominato nella categoria Rivelazione dell’anno al GalaADISQ. Il primo album dei Bibi Club, Il sole e il mare (2022) è stato nominato nella lista lunga del Polaris Music Prize 2023.

Sul palco principale, l’ultima serata di Santa Teresa si concluderà con lo spettacolo di Daniel Bélanger alle 20:20.

L’intero programma del Festival di Santa Teresa è disponibile online (Nuova finestra).

-

PREV Patrick André, capo del dipartimento dipartimentale Prevenzione Maif: “È importante che gli anziani mettano in discussione le proprie capacità”
NEXT Albi: un ministro in visita a Cantepau