Commento: i Voltigeurs sono da considerarsi favoriti

-

COMMENTO. Centocinquantuno. Questo è il numero di partite in più di esperienza che i giocatori dei Voltigeurs hanno nei playoff rispetto ai loro omologhi dei Drakkar.

Durante l’ultimo periodo di scambio, il direttore generale Yanick Lemay ha pagato un sacco di dollari per mettere le mani su tre campioni del Gilles Courteau Trophy e della Memorial Cup. Con un’esperienza di 55 giochi durante il ballo di primavera, Mikael Huchette detiene anche il premio di giocatore più esperto in tutto il QMJHL.

Nell’ultimo duello della semifinale contro i Tigres, è stato proprio Mikael Huchette a prendere in mano la situazione per i Voltigeurs. Dominante a tutti i livelli, sia sul tabellone che nell’ingaggio, il veterano ventenne è stato direttamente all’origine dei tre gol della sua squadra, spingendo così la squadra alla finale. Una prestazione titanica, sicuramente una delle più eccezionali che abbiamo visto sul ghiaccio del centro Marcel-Dionne negli ultimi 20 anni.

I giocatori dei Voltigeurs hanno 595 partite di esperienza nei playoff, contro le 444 di quelle dei Drakkar. (Foto d’archivio, Ghyslain Bergeron)

L’altra grande star di questa serata è stata senza dubbio Alexis Gendron. Come Huchette, quello che ha iniziato l’attuale campagna professionistica si è alzato quando la partita era in palio. Quando la pressione era al massimo, quando i giocatori meno esperti a volte rimangono paralizzati dalle emozioni, Gendron e Huchette sembravano uomini tra i bambini sul ghiaccio.

Potremmo aggiungere il nome di Vsevolod Komarov a questa lista di giocatori che sembrano prosperare sotto pressione e sono capaci di alzare un livello di gioco nei momenti difficili. O quello di Ethan Gauthier, che, in un momento da antologia, ha chiuso la stagione dei Tigers con un check clamoroso nei primi tempi supplementari.

Incredibile forza di carattere

Se ai miei occhi – e nonostante un distacco di sette punti a favore di Baie-Comeau nella stagione regolare – i Voltigeurs sono i favoriti per sconfiggere i Drakkar in finale, è anche per la sorprendente forza di carattere che la squadra ha saputo dimostrare. chiaro da qualche tempo. È come se tutte le prove che questo gruppo di giocatori ha attraversato negli ultimi 18 mesi, a cominciare dal licenziamento di Steve Hartley, abbiano cementato legami indissolubili all’interno di questo gruppo.

A questo proposito, mi sono ricordato di un’intervista che ho avuto con il capo scout Jean-Sébastien Perron circa un anno fa. Rileggendo le sue parole, mi sono chiesto se questo vecchio lupo dell’hockey avesse doti di chiaroveggenza! A quel punto, i protetti di Éric Bélanger accumulavano sconfitte su sconfitte, al punto che il loro posto ai playoff non era più assicurato. Quando la squadra aveva appena raggiunto il fondo del barile, Jean-Sébastien Perron vedeva le cose in modo diverso.

Jean-Sébastien Perron. (Foto d’archivio, Ghyslain Bergeron)

“Devi riconoscere che questi ragazzi non si sono mai arresi. Avevano tutte le opportunità per arrendersi, ma non lo fecero. Hanno resistito. Anche se alcuni giorni è stato difficile rimanere concentrati, hanno continuato a rappresentare i Voltigeurs al meglio delle loro possibilità. Sono molto orgoglioso di vedere questi ragazzi andare in guerra”.

“Credo molto in questa banda”, ha aggiunto l’uomo dell’hockey. Stanno diventando un gruppo molto affiatato. Tutto ciò che hanno vissuto li preparerà ad affrontare le sfide che incontreranno in futuro. Penso che li abbia aiutati a scoprire se stessi come individui e come gruppo. Sono convinto che una volta arrivati ​​ai playoff saranno pronti ad affrontare qualsiasi sfida”.

“Se è vero che le avversità ti rendono più forte ed è da lì che impari, ai miei occhi nessun altro club ha imparato tanto quanto noi quest’anno”, ha attento ad aggiungere chi supervisiona il reclutamento dei Reds dal 2016.

Solo poche settimane dopo, i Voltigeurs sorpresero i Tigres, provocando uno dei più grandi sconvolgimenti nella storia del QMJHL dato il divario di 25 punti che separava i due club.

Le sagge parole di Jean-Sébastien Perron mi hanno ricordato l’ultima conquista della Coppa del Presidente da parte dei Voltigeurs. Prima di spazzare via tutto sul suo cammino nel 2009, la truppa di Guy Boucher aveva attraversato una stagione di miseria l’anno precedente, essendo retrocessa a 60e e ultimo posto in Canada. Tutte queste sfortune avevano permesso alla squadra di rinsaldare legami che, l’anno successivo, erano diventati… indistruttibili.

Il mio pronostico: i Voltigeurs a settembre.

La previsione di Louis-Philippe Samson

Dopo 15 anni, riusciranno i Voltigeurs a mettere le mani su un secondo titolo di campionato QMJHL?

I Voltigeurs hanno vinto tre dei quattro scontri contro i Drakkar in questa stagione. (Foto d’archivio, Ghyslain Bergeron)

I Drakkar sono stati la squadra da battere per tutta la stagione e restano tali ai playoff. Presentato regolarmente dall’inizio del torneo primaverile, il livello dei Voltigeurs dovrà affrontare la prova più importante. È nel finale che i Voltigeurs si renderanno conto dell’impatto della perdita di Maveric Lamoureux al termine della stagione regolare.

Questa finale per l’ottenimento del Trofeo Gilles-Courteau e un passaggio al torneo Memorial Cup, non dimentichiamolo, dovrebbe senza dubbio offrire l’hockey più duro della stagione QMJHL 2023-2024 tra due squadre che attualmente giocano al top del loro gioco.

Inoltre, nella stagione regolare, i Voltigeurs hanno vinto tre dei quattro scontri contro il Baie-Comois, di cui uno con il punteggio di 4-0. Se il passato è davvero garante del futuro, i Reds sono legittimamente la squadra con le maggiori possibilità di sconfiggere i Drakkar.

Drummondville a settembre.

Esperienza nei playoff (incluso il torneo Memorial Cup)

Giocatori dei Voltigeurs: 595 partite

Giocatori Drakkar: 444 partite

Sylvain Favreau: 41 partite, inclusa una finale

Jean-François Grégoire: 31 partite

I giocatori del Voltigeurs festeggiano la vittoria per 4-0 contro i Drakkar l’1 febbraio. (Foto d’archivio, Ghyslain Bergeron)

Leggi anche: L’esperienza di Mikael Huchette, la saggezza di Justin Côté

I Drakkar dovranno restare in allerta, secondo Jean-François Grégoire

Philippe Boucher è felice per i suoi ex giocatori

Due Voltigeurs tra le squadre all-star

Partite 1 e 2 trasmesse al centro Marcel-Dionne

L’Express ti invita a scaricare la sua applicazione. Potrai continuare a leggere le tue notizie gratuitamente, in tempo reale. Non dimenticare di attivare le notifiche!

Apple: https://apps.apple.com/ca/app/lexpress-de-drummondville/id1575799821?l=fr-CA

Android: https://play.google.com/store/apps/details?id=ca.journalexpress.app&hl=fr

-

PREV Vyshyvanka Day celebrato dagli ucraini
NEXT Trump approvato dalla NRA