Formula 1 | La McLaren F1 giustifica la presenza di Trump, Norris ha ‘molto rispetto’ per lui

-

Rendere di nuovo grande la McLaren? Lando Norris ha salutato Donald Trump dopo la vittoria di ieri al Gran Premio di Miami, al quale ha partecipato l’ex presidente degli Stati Uniti.

Domenica Trump ha incontrato il CEO della McLaren Racing Zak Brown in pista prima della gara. La squadra ha indicato che non era presente come ospite, ma gli è stato chiesto di permettergli di visitare il loro garage. Ciò fa seguito al rifiuto degli organizzatori di affittargli uno spogliatoio che avrebbe potuto essere utilizzato per raccogliere fondi per la sua campagna elettorale (leggi qui).

Norris ha incontrato Trump solo dopo la gara.

“Non l’ho visto nel box. Ero impegnato a prepararmi per la gara. Ma lui mi ha visto dopo ed è venuto a congratularsi con me. Quindi immagino sia un onore, perché ogni volta che hai qualcuno così, deve essere è un onore per lui venire da te, prendersi del tempo dalla sua vita, renderti omaggio per quello che hai fatto.”

“Paperino mi ha detto che era il mio portafortuna perché è stato il giorno in cui ho vinto. Quindi non so se verrà ad altre gare adesso.”

“Ma ci sono un sacco di persone speciali o simpatiche che sono venute qui questo fine settimana. Donald è qualcuno di cui avere molto rispetto in molti modi.”

“Affinché qualcuno del genere riconosca ciò che puoi fare e riconosca l’etica del lavoro che ne deriva, devi essere grato per questo, e lo ero. Quindi un bel momento, tutto qui.”

Trump, che è stato eletto presidente nel 2016 ma non è riuscito a ottenere la rielezione quattro anni dopo, è una figura polarizzante. Ha rifiutato di ammettere la sconfitta nel 2020 ed è stato accusato di incitamento alla folla a invadere il Campidoglio il 6 gennaio 2021, provocando la morte di cinque persone, tra cui un agente di polizia.

Attualmente è sotto processo a New York per presunta falsificazione di documenti aziendali per nascondere un pagamento “segreto” a una star del cinema per adulti. È una delle numerose minacce legali che Trump deve affrontare: sono previsti altri casi che coinvolgono il suo presunto ruolo nell’insurrezione del 6 gennaio, conservazione illegale di documenti riservati, interferenza elettorale, diffamazione e frode.

Trump è stato fotografato dopo la gara, con indosso un cappello con lo slogan della sua campagna elettorale, insieme a Norris e al presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem.

La McLaren F1 ha dovuto rilasciare un comunicato stampa esplicativo.

“La McLaren è un’organizzazione apolitica, ma riconosciamo e rispettiamo l’ufficio del Presidente degli Stati Uniti, quindi quando è stata avanzata la richiesta di visitare il nostro garage il giorno della gara, abbiamo concordato insieme al Presidente della FIA e agli amministratori delegati di Liberty Media e della Formula 1.”

“Siamo stati onorati che la McLaren Racing sia stata scelta come rappresentante della F1, dandoci l’opportunità di mostrare l’ingegneria di livello mondiale che portiamo nel motorsport”.

In passato altri piloti di Formula 1 hanno espresso commenti meno favorevoli nei confronti di Trump. Lewis Hamilton in precedenza aveva definito la sua vittoria alle elezioni del 2016 “un anno davvero terribile per il mondo”.

Quanto a Bernie Ecclestone, ovviamente aveva un’opinione completamente diversa: per lui Trump lo era “la cosa migliore che sia mai capitata al mondo”…


-

PREV “La Guinea resta come sempre accanto al popolo iraniano” (Morissanda)
NEXT I prezzi del petrolio scendono per paura di un calo della domanda a causa degli alti tassi di interesse negli Stati Uniti