Cosa significa l’ordine di silenzio di un giudice su Trump nel suo caso del silenzio – Winnipeg Free Press

-

NEW YORK (AP) – Praticamente ogni giorno del suo processo penale nascosto, l’ex presidente Donald Trump parla di come non può parlare del caso.

Un ordine di silenzio impedisce a Trump di commentare pubblicamente testimoni, giurati e alcuni altri collegati alla questione. Il giudice di New York ha già scoperto che Trump, il presunto candidato repubblicano alla presidenza, ha ripetutamente violato l’ordine, multandolo di 9.000 dollari e avvertendo che potrebbe seguire il carcere se non si adegua.

Ma l’ordine non impedisce a Trump di parlare delle accuse contro di lui o di commentare il giudice o il procuratore capo eletto. E nonostante una recente osservazione di Trump, ciò non gli impedisce di sottoporsi a test in tribunale se lo desidera.

L’ex presidente Donald Trump parla ai media mentre torna al processo presso la Corte penale di Manhattan, venerdì 3 maggio 2024, a New York. (Curtis Mezzi/Foto della piscina tramite AP)

Mentre combatte le accuse di reato contro di lui mentre si candida alla presidenza, Trump a volte ha suscitato confusione su ciò che può e non può fare nel caso. Si è dichiarato non colpevole.

Quindi cosa fa l’ordine, cosa no e da dove viene?

CHE COS’È UN ORDINE DI GAG?

In generale, un ordine di bavaglio è una direttiva di un giudice che vieta a qualcuno o persone coinvolte in un caso giudiziario di commentare pubblicamente alcuni o tutti gli aspetti dello stesso. Nel caso di Trump, si intitola “Ordine che limita le dichiarazioni extragiudiziali”, con il significato di “extragiudiziale” al di fuori del tribunale.

Gli ordini di silenzio, in particolare nei casi di alto profilo, hanno lo scopo di impedire che le informazioni presentate all’esterno di un’aula di tribunale influenzino ciò che accade all’interno.

Trump è inoltre soggetto a un ordine di silenzio nel suo caso di interferenza elettorale penale federale a Washington. Quell’ordine limita ciò che può dire sui testimoni, sugli avvocati del caso e sul personale del tribunale, anche se una corte d’appello lo autorizza a parlare del procuratore speciale Jack Smith, che ha portato il caso.

Nel suo recente processo per frode civile a New York, Trump è stato multato per un totale di 15.000 dollari per i commenti fatti sull’impiegato legale di quel giudice dopo che un ordine di silenzio vietava ai partecipanti al processo di “pubblicare, inviare e-mail o parlare pubblicamente” del personale del tribunale.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha riconosciuto che gli ordini di silenzio possono contrapporre il diritto al giusto processo al diritto alla libertà di parola. La corte ha annullato alcune ordinanze che vietavano alla stampa di riferire su determinati casi o procedimenti giudiziari e ha respinto perché troppo vaga una norma della corte del Nevada che limitava ciò che tutti gli avvocati potevano dire fuori dal tribunale.

TRUMP STA COMBATTENDO L’ORDINE DEL GAG?

SÌ. Prima del processo, ha chiesto a una corte d’appello statale di rinviare il processo mentre fa appello contro l’ordinanza di silenzio, ma la corte ha rifiutato. Il suo appello contro l’ordinanza stessa è in corso.

CHI È COPERTO DALL’ORDINE BAVAGLIO SU TRUMP?

Inizialmente imposto il 26 marzo, l’ordine di silenzio vieta a Trump di rilasciare o ordinare ad altri di rilasciare dichiarazioni pubbliche su qualsiasi giurato e sulla partecipazione di qualsiasi testimone “ragionevolmente prevedibile” alle indagini o al processo.

Vieta inoltre qualsiasi dichiarazione riguardante avvocati coinvolti nel caso, personale giudiziario, assistenti dell’accusa e parenti di tutti i suddetti soggetti, nella misura in cui le dichiarazioni siano intese a “interferire materialmente o a far sì che altri interferiscano materialmente con” il loro lavoro su caso “o con la consapevolezza che tale interferenza potrebbe derivarne”.

L’ordine non si applica al giudice Juan M. Merchan o al procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg, il cui ufficio sta portando avanti il ​​caso. Si applica tuttavia ai commenti sui loro familiari. Merchan ha aggiunto questa disposizione il 1° aprile dopo che Trump si è scagliato sui social media contro la figlia del giudice, una consulente politica democratica, e ha fatto un’affermazione su di lei che è stata successivamente ripudiata dai funzionari del tribunale.

Trump può anche parlare dei suoi avversari politici, come ha chiarito Merchan giovedì.

L’ordine inoltre non impedisce ai testimoni di commentare Trump. Michael Cohen, ex avvocato di Trump e atteso testimone, ha regolarmente attaccato il suo ex capo, portando Trump a lamentarsi di non essere in grado di rispondere allo stesso modo.

TRUMP PUÒ TESTIMONIARE?

SÌ. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha affermato che gli imputati penali hanno il diritto costituzionale di prendere posizione in propria difesa – o di non farlo.

C’è stata una certa confusione dopo che Trump ha detto giovedì che, a causa dell’ordine di silenzio, “non gli era permesso testimoniare”. Nel contesto, sembrava che in realtà si riferisse alla sua capacità di rispondere alla domanda in tribunale di un giornalista sulla testimonianza di un testimone quel pomeriggio.

Venerdì Trump ha chiarito ai giornalisti di aver capito che l’ordine non era un divieto sui test. Merchan ha sottolineato lo stesso in tribunale.

“Voglio sottolineare, signor Trump, che lei ha il diritto assoluto di testimoniare al processo, se è quello che decide di fare dopo essersi consultato con i suoi avvocati”, ha detto Merchan.

PERCHÉ TRUMP È STATO MULTATO? COSA NON PUÒ DIRE?

Merchan ha scoperto che Trump ha violato l’ordine di silenzio con i post sui social media che hanno colpito Cohen. Tra i post incriminati: uno che chiedeva se “l’avvocato e criminale caduto in disgrazia Michael Cohen fosse stato perseguito per MENTIRE”, una ripubblicazione di un articolo del New York Post che descriveva Cohen come uno “spergiuro seriale” e un post di Trump che si riferiva al conduttore di Fox News Jesse L’affermazione di Watters secondo cui gli attivisti liberali mentivano per infiltrarsi nella giuria.

Merchan ha osservato che il commento di Trump sul segmento Watters riportava erroneamente ciò che il conduttore aveva effettivamente detto, rendendo il commento “le parole dell’imputato stesso”.

D’altra parte, Merchan ha rifiutato di sanzionare Trump per un post del 10 aprile che si riferiva a Cohen e Stormy Daniels, l’attore porno che ha ottenuto un pagamento di 130.000 dollari in silenzio che è al centro del caso, come “borse squallide”.

Trump ha sostenuto che stava rispondendo a precedenti commenti di Cohen, e il giudice ha detto che il botta e risposta lo ha fatto riflettere sul fatto se quel post costituisse il limite per una violazione.

TRUMP POTREBBE DAVVERO ANDARE IN PRIGIONE PER L’ORDINE DEL GAG?

Stampa libera di Winnipeg | Notiziario

Quando Merchan ha multato Trump di 1.000 dollari a testa per nove violazioni – la multa massima consentita dalla legge – ha scritto che “il carcere potrebbe essere una punizione necessaria” per alcuni imputati ricchi che non si faranno scoraggiare da una tale somma.

Merchan ha aggiunto che “non tollererà continue violazioni intenzionali” dell’ordine di silenzio e che, se “necessario e appropriato”, “imporrà una punizione detentiva”, intendendo il carcere.

Non è chiaro cosa salirebbe al livello di “necessario e appropriato”.

L’avvocato difensore Todd Blanche ha dichiarato venerdì in tribunale che intende appellarsi alla conclusione del giudice della scorsa settimana secondo cui Trump ha violato l’ordine di silenzio.

I pubblici ministeri hanno chiesto a Merchan di disprezzare nuovamente Trump e di multarlo di 1.000 dollari per ciascuna delle quattro presunte violazioni dal 22 al 25 aprile. Ma l’accusa non chiede che l’ex presidente venga rinchiuso per questi commenti perché sono avvenuti prima dell’avvertimento di Merchan in prigione e perché “preferiremmo ridurre al minimo le interruzioni di questo procedimento”, ha detto il pubblico ministero Christopher Conroy.

-

PREV “Dal mio punto di vista, hanno vinto gli studenti”
NEXT I diversi scenari alla fine del 38° giorno | informazioni sulla partita – biglietto SMC