È in programma un dibattito Biden-Trump-RFK?

È in programma un dibattito Biden-Trump-RFK?
È in programma un dibattito Biden-Trump-RFK?
-

Il crescente profilo di Robert F. Kennedy Jr. sta sollevando la questione se potrebbe apparire su un palco di dibattito con il presidente Biden e Donald Trump – e quale impatto ciò potrebbe avere sulla corsa presidenziale.

Non è ancora chiaro se Kennedy, che ha visto sondaggi sparsi nel corso della sua candidatura, sarà in grado di qualificarsi per un forum televisivo, dato che il candidato indipendente deve ancora raccogliere firme sufficienti per la maggior parte delle votazioni statali.

Ma il malcontento nei confronti dei portabandiera dei due partiti ha aperto una potenziale terza scelta, soprattutto una con accesso a ingenti somme di denaro, facendo un confronto tra le tre figure polarizzanti una possibilità.

“Se Bobby riuscirà costantemente a sondare il 15% e meglio da adesso [until] In autunno, insieme al crescente accesso al voto, ha una possibilità legittima di entrare nella fase del dibattito”, ha detto a The Hill un alleato di Kennedy che ha familiarità con la strategia di messaggistica della campagna.

Il primo dibattito presidenziale nel calendario della commissione è previsto per il 16 settembre in Texas, seguito da una vicepresidenza il 25 settembre in Pennsylvania. Altre due produzioni sono previste per ottobre in Virginia e Utah.

Kennedy ha fatto sapere di voler intervenire nel dibattito azione. Sta cercando di scontrarsi con Biden e Trump e ha chiesto un aperto scambio di idee e critiche alla politica esistente di fronte al pubblico americano. Vuole che gli elettori immaginino le elezioni di novembre che guardino oltre una triste rivincita bipartitica.

“Dovrei avere un posto in quei dibattiti”, ha detto Kennedy in un’apparizione su Fox News questa settimana. “Ci sono tutti questi problemi davvero esistenziali e nessuno dei due riesce davvero ad affrontarli.”

“Ci troviamo in una polarizzazione e divisione più tossica che in qualsiasi momento dai tempi della guerra civile americana”, ha detto.

Man mano che il dramma si sviluppa, Biden e Trump non sono stati entusiasti dell’idea di litigare con Kennedy, che entrambi vedono come una minaccia, indipendentemente dall’ospite o dalla cronologia del dibattito.

Per prima cosa, potrebbe semplicemente elevare il contendente terzo poiché Trump e Biden si confrontano testa a testa. Kennedy ha un cognome riconosciuto, ma non è così conosciuto come l’attuale o l’ex presidente, che gode dei vantaggi di aver ricoperto la Casa Bianca.

A questo punto della corsa, non è nemmeno chiaro quale campagna potrebbe scuotere in modo più drastico. Biden e Trump chiedono sostegno agli elettori coperti che si sentono frustrati dalla politica di Washington. Ciò include gli indipendenti, che notoriamente oscillano in entrambe le direzioni e con i quali Kennedy ha cercato di identificare questo ciclo.

Aaron Kall, direttore del dibattito presso l’Università del Michigan, ha detto Kennedy potrebbe anche lanciare un altro “jolly” sulla scena dato che Biden e Trump vogliono entrambi attirare l’attenzione ed evitare errori tra domande sulla loro età e forma mentale.

Per ora, democratici e repubblicani vedono ancora Kennedy come un candidato improbabile, anche se prestano maggiore attenzione alla sua campagna rispetto al passato. Il suo circuito mediatico consisteva principalmente in podcast e programmi alternativi con apparizioni selezionate nelle notizie via cavo. Presentarsi davanti a un pubblico nazionale in contrasto con i suoi due concorrenti potrebbe metterlo in mostra di fronte a un pubblico molto più ampio.

Tuttavia, c’è una questione fondamentale: se Biden e Trump discuteranno tra loro. Sebbene Trump abbia affermato che avrebbe discusso di Biden “in qualsiasi momento, ovunque, in qualsiasi luogo”, l’ex presidente ha saltato tutti i dibattiti delle primarie repubblicane svoltisi in questo ciclo, una mossa criticata da molti dei suoi ex concorrenti e dalla campagna di Biden. Non c’è alcuna garanzia che non lo farà di nuovo.

Il Team Biden, nel frattempo, si è detto “felice” di discutere con Trump, andando forse più di alcuni dei suoi commenti più esitanti sulla prospettiva negli ultimi mesi.

Trump, mentre era a New York questa settimana per il suo processo segreto, ha affermato di non “sapere nulla” di Kennedy, il candidato che ha definito in un recente post su Truth Social “un liberale della sinistra radicale che è stato nominato per aiutare Il disonesto Joe Biden”.

“Guarda, i sondaggi RFK sono molto bassi. Non è un candidato serio”, ha detto Trump a Manhattan, quando gli è stato chiesto se avrebbe discusso o meno gli indipendenti.

“Dicono che fa del male a Biden – non so chi fa del male, potrebbe ferire me, non lo so. Ma ha numeri molto bassi, non certo numeri con cui poter discutere. E deve far salire i suoi numeri molto più in alto prima di essere credibile”, ha aggiunto Trump.

Alcuni strateghi ritengono che Biden abbia un vantaggio sui suoi due rivali Il conflitto legale in corso di Trump e le domande sulla vitalità di Kennedy.

“Penso che il presidente Biden uscirà chiaramente vincitore se tutti e tre saliranno su quel palco”, ha detto la stratega democratica Kristen Hawn, mentre nuovi sondaggi suggeriscono che la candidatura di Kennedy potrebbe causare più danni a Trump.

Hawn ha anche osservato che la cronologia dei processi penali di Trump è ancora in sospeso e che gli obblighi legali potrebbero complicare i piani per un dibattito o semplicemente attirare maggiore attenzione su di essi.

Lo hanno detto alcuni alleati di Kennedy che, nonostante i suoi problemi con la legge, Trump potrebbe comunque voler impegnarsi sul palco se ne avesse la possibilità. “È aperto a mescolare le cose”, ha detto la fonte che ha familiarità con la campagna di Kennedy. “È più che disposto a discutere con Bobby.”

I sostenitori di Biden, anche all’interno del Comitato Nazionale Democratico, tuttavia, potrebbero essere molto meno disposti a consigliare al presidente in carica di discutere con Kennedy. I democratici hanno chiarito che lo vedono come qualcuno che diffonde teorie cospirative sui vaccini e il cui super PAC allineato prende soldi dai donatori di Trump.

“Il DNC farà tutto il possibile per negare a Bobby un podio”, ha ipotizzato la fonte pro-Kennedy.

Kennedy e l’apparato del Partito Democratico sono stati in disaccordo per gran parte di quest’anno, con Kennedy che li ha separati per essere prevenuti nei confronti di Biden e i funzionari del comitato che hanno criticato la sua offerta come un modo per elevare Trump e costruire una narrazione secondo cui è uno “spoiler”.

“Il DNC ha orchestrato primarie democratiche notevolmente distorte, facendo emergere Biden come loro candidato. Ora sono bloccati con Biden, che non può battere Trump”, ha scritto Kennedy su X venerdì. “Qualcuno può dargli un senso?”

Kennedy ha convocato una conferenza stampa mercoledì a New York City nel tentativo di ribaltare il copione su Biden, sostenendo che il presidente non può battere Trump in una gara a tre e lo è il suo propria stima, il vero “spoiler” – un punto che probabilmente affronterebbe in un contesto di dibattito.

I democratici si sono affrettati a definire il briefing di Kennedy semplicemente come un espediente per distogliere l’attenzione dal suo sforzo a lungo termine.

“Nient’altro che una trovata mediatica intesa a distrarre dal fatto che non ha alcuna strada per ottenere i 270 voti del collegio elettorale necessari per vincere”, ha detto Doug Gordon, uno stratega democratico.

“Dato che non può vincere, la sua candidatura servirà solo a togliere voti agli altri candidati. E nessuna acrobazia cambierà la situazione”, ha detto Gordon. “Restare in una gara senza alcuna strada per vincere è la definizione di spoiler.”

Kall, lo studioso del dibattito presidenziale, ha espresso scetticismo sulla qualificazione di Kennedy attraverso la Commissione sui dibattiti presidenziali (CPD), l’organismo che ha sponsorizzato per decenni tutti i dibattiti presidenziali sulle elezioni generali. Uno dei requisiti del CPD, insieme a una soglia del 15% nei sondaggi qualificati, è che il nome di un determinato candidato deve apparire su un numero sufficiente di schede statali per avere “almeno una possibilità matematica di ottenere la maggioranza del collegio elettorale” nel 2024. I critici dicono che potrebbe essere duro per Kennedy.

La campagna di Trump ha le sue preoccupazioni riguardo a questo processo. Frustrato dalla data di inizio settembre del CPD, questa settimana ha chiesto ad altre reti di aggirare il sistema e ospitare dibattiti al di fuori di quel programma.

“Se torniamo alla vecchia configurazione in cui si trattava solo di reti diverse [hosting debates] e avrebbero la capacità di avere i propri criteri”, ha detto Kall, allora la partecipazione di Kennedy potrebbe essere più probabile anche se Trump e Biden potrebbero dover negoziare.

Indipendentemente dal fatto che Kennedy abbia o meno i requisiti per il tirocinio, l’attuale e l’ex presidente hanno “molto più da guadagnare dal dibattito” che no, ha affermato Tammy Vigil, professore di scienza dei media dell’Università di Boston specializzato in campagne politiche.

“Dovrebbe davvero fare un’impennata di consensi”, ha detto Vigil di Kennedy. “Non penso che sia molto probabile, anche se sarebbe davvero interessante vedere quel dibattito.”

Copyright 2024 Nexstar Media Inc. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.

-

PREV Cosa fare a Villefranche-sur-Mer in 48 ore?
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez