Hamas non accetterà “nessun accordo” che non preveda la fine della guerra, dice il funzionario

Hamas non accetterà “nessun accordo” che non preveda la fine della guerra, dice il funzionario
Hamas non accetterà “nessun accordo” che non preveda la fine della guerra, dice il funzionario
-

Il desiderio di porre fine alla guerra impedisce una tregua? “Le notizie secondo cui Israele ha accettato di porre fine alla guerra come parte di un accordo di scambio di prigionieri o che Israele consentirà una mediazione per garantire la fine della guerra sono imprecise. Finora Hamas non ha abbandonato la sua richiesta di porre fine alla guerra e, così facendo, ostacola la possibilità di raggiungere un accordo di tregua, ha detto sabato un funzionario israeliano.

Un funzionario del movimento islamico palestinese Hamas, dal canto suo, ha precisato che i colloqui di sabato al Cairo con i mediatori (Egitto, Qatar, Stati Uniti) non hanno visto “nessuno sviluppo” e che il movimento, che attualmente sta negoziando una tregua in Palestina Il Cairo, nella Striscia di Gaza, “non accetterebbe in nessun caso un accordo che non preveda esplicitamente la fine della guerra”.

“Le nostre informazioni confermano che (Benjamin) Netanyahu sta rallentando personalmente un accordo attraverso calcoli personali”, ha affermato anche questo funzionario, che ha chiesto l’anonimato, a proposito del primo ministro israeliano che insiste per fermare la guerra in corso da 7 mesi prima di aver distrutto il gruppo islamista movimento.

Mesi di trattative

I media hanno riferito sabato mattina che Washington aveva assicurato ad Hamas che Israele avrebbe accettato un cessate il fuoco una volta raggiunto un accordo di tregua.

Per mesi, i mediatori hanno supervisionato i negoziati indiretti tra Hamas e Israele per raggiungere una tregua nella Striscia di Gaza, dove bombardamenti e combattimenti infuriano da quasi sette mesi.

Questa tregua dovrebbe includere in particolare una pausa nell’offensiva israeliana e il rilascio dei detenuti palestinesi in cambio di quello degli ostaggi rapiti durante l’attacco senza precedenti effettuato dal movimento palestinese dalla Striscia di Gaza il 7 ottobre nel sud di Israele. che ha dato inizio alla guerra.

Dal 7 ottobre Israele e Hamas hanno concluso una sola tregua, quella di fine novembre. Durò una settimana e consentì il rilascio di 105 ostaggi, tra cui 80 israeliani e con doppia nazionalità, scambiati con 240 palestinesi detenuti da Israele.

Venerdì Hamas ha dichiarato che si recherà al Cairo con “uno spirito positivo per raggiungere un accordo”, pur precisando di restare “determinato” ad ottenere “la cessazione totale dell’aggressione israeliana”, “il ritiro delle forze di occupazione” e “un serio accordo di scambio” di ostaggi per i prigionieri palestinesi.

Il destino di Rafah è in sospeso

Ma il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ribadisce più volte la sua determinazione a portare avanti una grande offensiva su Rafah, cittadina nel sud della Striscia di Gaza che considera l’ultima roccaforte di Hamas, ed esclude di fermare la guerra prima per aver distrutto il Movimento islamista.

Commenti che, secondo Hamas, “mirano chiaramente a far fallire ogni possibilità di accordo”.

Migliaia di persone, tra cui i parenti degli ostaggi, hanno manifestato sabato sera a Tel Aviv per chiedere al governo Netanyahu di concludere un accordo di tregua che consenta la restituzione degli ostaggi.

-

PREV Giro: tre corridori scappano, il gruppo retrocede a tre minuti, segui in diretta la 13a tappa
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez