Delegazioni di Hamas e Israele, mediatori al Cairo… Cosa sappiamo dei negoziati per una nuova tregua a Gaza

Delegazioni di Hamas e Israele, mediatori al Cairo… Cosa sappiamo dei negoziati per una nuova tregua a Gaza
Delegazioni di Hamas e Israele, mediatori al Cairo… Cosa sappiamo dei negoziati per una nuova tregua a Gaza
-

Dopo quasi sette mesi di guerra devastante, Hamas discute questo sabato al Cairo, in Egitto, di un’offerta di tregua nel conflitto tra il movimento islamico palestinese e Israele a Gaza, nel momento in cui il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu minaccia di lanciare una assalto a Rafah.

Cosa c’è nell’offerta di tregua di Israele?

L’offerta di tregua proposta da Israele prevede una pausa di 40 giorni nell’offensiva israeliana a Gaza, accompagnata dal rilascio dei prigionieri palestinesi in cambio del rilascio degli ostaggi rapiti durante l’attacco senza precedenti di Hamas contro Israele, che ha dato inizio alla guerra, il 7 ottobre.

Da allora, Israele e Hamas hanno concluso una sola tregua, alla fine di novembre. Durò una settimana e consentì il rilascio di 105 ostaggi, tra cui 80 israeliani e con doppia nazionalità, scambiati con 240 palestinesi detenuti da Israele.

Da parte sua, cosa chiede Hamas?

Pur dichiarando che si recherà al Cairo “con uno spirito positivo”, Hamas, al potere a Gaza dal 2007, ha ribadito questo venerdì le sue richieste: “la cessazione totale dell’aggressione israeliana”, “il ritiro” delle forze israeliane da Gaza e “la cessazione totale dell’aggressione israeliana”. un accordo serio per lo scambio” di ostaggi con prigionieri palestinesi.

Perché questi negoziati promettono di essere difficili?

Le richieste di Hamas si scontreranno con il fermo rifiuto di Israele di un cessate il fuoco definitivo. Benyamin Netanyahu si è anche detto determinato a condurre un’offensiva di terra su Rafah, che costituisce, secondo lui, l’ultimo grande bastione del movimento islamico dove sono ammassati 1,2 milioni di palestinesi, la maggior parte dei quali sfollati a causa della guerra.

“Faremo ciò che è necessario per vincere e sconfiggere il nostro nemico, anche a Rafah”, ha ripetuto questa settimana Benjamin Netanyahu, ribadendo la sua intenzione di lanciare questa offensiva “con o senza un accordo” di tregua. Per Hossam Badran, membro dell’ufficio politico di Hamas, le minacce di Netanyahu contro Rafah “mirano chiaramente a far deragliare ogni possibilità di accordo” di tregua.

Sabato scorso, un alto funzionario israeliano ha criticato gli sforzi di Hamas nei negoziati. “Le notizie secondo cui Israele ha accettato di porre fine alla guerra come parte di un accordo di scambio di prigionieri o che Israele consentirà una mediazione per garantire la fine della guerra sono imprecise. Finora Hamas non ha abbandonato la sua richiesta di porre fine alla guerra e quindi ostacola la possibilità di raggiungere un accordo di tregua, ha detto il funzionario che ha chiesto l’anonimato.

Chi partecipa alle negoziazioni?

Ai negoziati parteciperà una delegazione di Hamas guidata da Khalil al-Hayya, numero due della politica di Gaza. Anche Israele dovrà inviare una propria delegazione, e ha detto di volerlo fare solo nel caso in cui si progredissero sul “quadro” di un possibile scambio di ostaggi con prigionieri palestinesi.

Un primo ciclo di trattative dovrebbe iniziare all’inizio del pomeriggio con “la presenza delle delegazioni di Qatar, Egitto e Stati Uniti”, i paesi mediatori, ha dichiarato un funzionario di Hamas in condizione di anonimato, sottolineando che restano ancora diversi punti da risolvere. Secondo il sito americano Axios, il capo della Cia, William Burns, si trova nella capitale egiziana.

Citando una “fonte senior”, Al-Qahera News, un media egiziano vicino all’intelligence, ha riferito che i mediatori egiziani avevano “raggiunto una formula consensuale sulla maggior parte dei punti di disaccordo”.

Quali reazioni a livello internazionale?

Diversi organismi internazionali temono il lancio di un nuovo assalto a Rafah. “Un’operazione militare su larga scala a Rafah potrebbe portare a uno spargimento di sangue”, ha avvertito venerdì Tedros Adhanom Ghebreyesus, capo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Gli Stati Uniti, grande alleato di Israele, hanno più volte espresso la loro opposizione al progetto. Secondo il segretario di Stato Antony Blinken, Israele non ha presentato alcun piano per proteggere i civili e quindi gli Stati Uniti non possono sostenere un’operazione del genere “perché il danno che causerebbe sarebbe oltre ciò che è possibile”.

Allo stesso tempo, il Segretario di Stato americano ha anche dichiarato che Hamas è “l’unico ostacolo tra il popolo di Gaza e il cessate il fuoco”. “Stiamo aspettando di vedere se davvero riusciranno ad accettare il cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi”, ha detto venerdì.

-

PREV Eberl schließt De Zerbi indirettamente als Bayern-Trainer aus
NEXT Jake Gyllenhaal canta nel finale della stagione 49