La lingua Fon del Benin ora disponibile su Google Translate

La lingua Fon del Benin ora disponibile su Google Translate
La lingua Fon del Benin ora disponibile su Google Translate
-

Tradurre da un’altra lingua a Fon o da Fon ad altri è ora possibile su Google. Fon o Fongbé è ora disponibile su Google Translate. In altre parole, è possibile tradurre Fongbé in altre lingue e viceversa direttamente da GoogleTraduzione.. Fongbé è una delle 110 nuove lingue che Google ha integrato nel suo servizio di traduzione. Tra queste 110 lingue recentemente integrate, ci sono 31 lingue parlate in vari paesi africani.

In Benin la notizia dell’integrazione di Fon con Google Translate sta suscitando molto entusiasmo e reazioni sui social network. Post sull’argomento stanno spuntando ovunque.

In un post sulla sua pagina Facebook, venerdì 28 giugno 2024, Fabroni Bill Yockounon, uno dei creatori di IamYourClounon, una piattaforma per la divulgazione e la promozione delle lingue beninesi su Internet e sui social media, si è detto felice. Il giovane beninese parla di “buone notizie”. Un annuncio che “viene a coronare i numerosi lavori di IamYourclounon, che negli ultimi anni hanno conosciuto un progresso contaminante”.

Sebbene felice, il giovane designer è consapevole che le sfide rimangono. “È ora di fare il passo successivo!” Abbiamo i mezzi. La lotta non è finita, ora è istituzionale”, ha detto.

Sul suo conto X Bonaventura Dossou ha reagito all’annuncio della notizia. È uno degli ideatori del software FFR, un programma informatico in grado di decifrare e tradurre le lingue occidentali nelle lingue locali del Benin. “Sono atterrato in paradiso. Quando ho iniziato la mia ricerca è stato perché non potevo comunicare con mia madre”, ha detto Bonaventure Dossou in inglese sul suo account X. “4 anni dopo, i miei contributi hanno reso questo possibile”, aggiunge.

Il Fon è parlato da una parte significativa della popolazione beninese, soprattutto nel sud del paese, in particolare nelle città di Cotonou, Abomey-Calavi, Abomey, Bohicon, Ouidah. Questa lingua non è usata solo in Benin. Viene utilizzato anche in alcune località della Nigeria e del Togo.

Altre lingue aggiunte anche da Google

Google ha recentemente spiegato in un post sul blog che le 110 nuove lingue aggiunte “rappresentano più di 614 milioni di parlanti e consentiranno di tradurre a circa l’8% della popolazione mondiale”.

Le 31 lingue africane aggiunte sono parlate in ogni angolo del continente. C’è il Fon del Benin, il Wolof del Senegal, l’Afar dell’Etiopia, il Baoulé degli ivoriani, il Bemba parlato in Zambia, il Luo della Tanzania, l’Nko del Mali, il Soso parlato in Sierra Leone, lo Swati parlato in Eswatini , Rundi che rappresenta il Burundi, Tiv nigeriano, Tumbuka del Malawi e Ga del Ghana,

Acholi e Kiga (Uganda), Alur, Kikongo e Kituba (RD Congo), Ndau e Dombé (Zimbabwe), Nuer e Dinka (Sud Sudan), Ndebele e Tswana (Sudafrica), Creole (Mauritius, Seychelles), nonché Tra le lingue aggiunte ci sono anche 2 versioni di Tamazight dal Nord Africa.

I Kanouri e i Fulani, ampiamente distribuiti nell’Africa occidentale, in particolare in Ciad, Niger, Burkina Faso, Benin, Mali, Nigeria, completano l’elenco. “Grazie alle nostre partnership con linguisti specializzati e madrelingua, continuiamo a fare grandi progressi”, ha assicurato Google.

Attraverso questa serie di aggiunte di nuove lingue africane, il colosso americano permette a Google Translate di eliminare alcune barriere linguistiche per milioni di utenti. Questo lavoro permette anche di rendere i contenuti audiovisivi accessibili a determinate popolazioni attraverso la sottotitolazione. Anche la stampa ne approfitterà per fornire a questi lettori contenuti nelle lingue locali africane.

L’ultima volta che Google ha aggiunto lingue africane al database della sua app di traduzione è stato nel 2022. Le lingue aggiunte sono state il Twi ghanese, il Togolese Ewe, il Bambara maliano e il Lingala congolese.

-

PREV il mitico Galaxy S24 è interessato da un’offerta Top
NEXT le cuffie professionali per i giocatori, le cuffie da gioco per i professionisti