Quando le spugne non avevano scheletri

-

Ricostruzione 3D dell’animale ricavata dalla spugna fossile. YUAN XUNLAI

HAvicino a coralli, spugne. Chiaramente, l’attuale ricerca zoologica apprezza gli animali poco conosciuti. O meglio quelli di cui molti non sanno che appartengono al regno animale. Il 28 maggio la revisione Scienza aperta della Royal Society pubblicò così una descrizione dell’orgia sessuale in cui si abbandonavano i coralli in un acquario giapponese. Uno spettacolo tanto emozionante quanto impressionante di cui abbiamo parlato. Il 5 giugno è la volta di Natura di pubblicare un articolo sorprendente che aggiunge un nuovo tassello, potenzialmente importante, ad una vecchia controversia relativa alle prime spugne, uno degli animali più primitivi che conosciamo.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati I coralli sono bestie sessuali

Aggiungi alle tue selezioni

Perché, ricordiamolo qui, le spugne sono animali. Niente cervello, niente muscoli, niente sistema digestivo. Semplicemente un corpo costruito attorno a canali, che filtra l’acqua, respinge i rifiuti, il tutto attaccato ad una roccia. Tuttavia, la natura delle cellule la riproduzione, con la presenza di spermatozoi, o anche la modalità di alimentazione collocano indiscutibilmente le circa 15.000 specie elencate del phylum Porifera – il suo nome scientifico – nella grande famiglia delle creature.

Se la questione è risolta fin dal 1850, un’altra controversia affascina gli “sponisti”: l’origine del loro animale preferito. O, più precisamente, da quanto tempo esiste e in quale forma? La genomica moderna permette infatti di tornare indietro nel tempo. E le lancette di questo orologio molecolare puntano ben oltre il Cambriano, un periodo di esplosione della diversità iniziato 539 milioni di anni fa. Biomarcatori rinvenuti nelle rocce, presunte testimoni dei poriferi, confermano questi dati. Le spugne compaiono almeno 650 milioni di anni fa. Manca solo una cosa: i fossili. I campioni precambriani sono molto avanzati. Nel 2021, già dentro Natura, un articolo ha addirittura riportato l’orologio indietro a 890 milioni di anni fa. Ma la comunità scientifica rimane in gran parte dubbiosa.

Uno studio morfologico

L’ultimo articolo è meno goloso. Il fossile che il team internazionale (Cina, Regno Unito e Stati Uniti), guidato da Shuhai Xiao, del dipartimento di geoscienze del Virginia Tech, negli Stati Uniti, colloca in un intervallo che oscilla tra 551 e 539 milioni di anni. Prima dell’inizio del Cambriano, quindi. Per trovarlo, gli scienziati cinesi hanno viaggiato attraverso la valle dello Yangtze nel Sichuan. Gli agricoltori locali utilizzano la pietra calcarea Shibantan sui tetti degli edifici. Un fossile scoperto su una piastrella di un porcile ha permesso loro di prendere di mira una cava. Ed è lì che hanno trovato la loro gemma rara.

Ti resta il 33,15% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

PREV Inaugurazione strade elettriche in Francia, mattoncini di polvere di meteorite Lego, orologio Jacob & Co di Bugatti: i 3 video top
NEXT App OpenAI per macOS aggiornata in risposta al fiasco della chat non crittografata