La funzione Recall di Windows 11, un incubo per la privacy?

-

Prima di tutto è importante ricordare cosa Richiamare. Questa nuova funzione mira a trasformare profondamente il modo in cui effettuiamo una ricerca sotto Windows 11 e, soprattutto, il modo in cui il sistema operativo Trovare ciò che l’utente sta cercando. Non è più necessario ricordare il nome del file smarrito, basta inserire una parola chiave (un termine presente nel file, ad esempio) o la descrizione di un oggetto nel campo di ricerca.

Microsoft ha molto da dimostrare

Recall visualizzerà quindi una sequenza temporale che raggruppa le azioni passate relative alla richiesta. Tutto quello che devi fare è “scorrere” la timeline per mettere le mani sul documento o sulle informazioni che stai cercando. La funzionalità in realtà si basa sul riconoscimento dei caratteri (OCR) per analizzare gli screenshot. Un video vale più di mille parole, quindi ecco come si presenta questa funzionalità:

È l’operazione di Recall che solleva interrogativi. Windows 11 scatterà a intervalli regolari delle “istantanee” (screenshot) di ciò che accade sul PC: le app utilizzate, i siti web visitati e perfino i caratteri inseriti. Microsoft ha ovviamente messo in atto delle misure di salvaguardia: le informazioni di richiamo sono crittografate e conservate localmente ed è possibile escludere app e siti Web dalla registrazione. Inoltre, non verrà effettuata alcuna registrazione quando il browser è in modalità privata.

Leggi Windows 11: con Recall, Microsoft registrerà tutte le tue attività sul tuo PC

Ma quando inizi a scavare, i limiti di Recall cominciano ad apparire. La “lista nera” dei siti web riguarda quindi solo Edge; altri browser Chromium bloccheranno la registrazione solo durante la navigazione privata. Recall ricorderà tutte le manipolazioni e la navigazione web da qualsiasi altro browser (vedi questo foglio di supporto Microsoft).

Nel Regno Unito l’Information Commissioner’s Office (ICO), l’equivalente inglese del Cnil, è ufficialmente preoccupato dal Recall. L’istituto ha chiesto informazioni a Microsoft per “ comprendere le misure di salvaguardia messe in atto per proteggere la privacy degli utenti “. E l’ICO ricorda che l’industria deve tenere conto della protezione dei dati” fin dall’inizio e valutare rigorosamente i rischi per i diritti e le libertà delle persone prima di commercializzare i prodotti “.

Oltre a ciò, buona parte della comunità di esperti di sicurezza e riservatezza si è espressa come un unico uomo, come Abeba Birhane, ricercatore di intelligenza artificiale e membro di Mozilla, che attacca: “ Questo si chiama sorveglianza costante, tracciamento e alla fine verrà utilizzato per influenzare e controllare le masse. “. Per non parlare del fatto che un vigoroso travaso dei dati archiviati da Recall darebbe agli hacker un accesso pieno e completo alla vita delle loro vittime.

Registrare un sito web nella “lista nera” di Recall. ©Microsoft

Microsoft ha quindi molto lavoro da fare per convincere le persone della sicurezza di questa funzione, annunciata pochi giorni dopo il fermo impegno dell’azienda a “mettere la sicurezza al di sopra di ogni altra cosa”. La storia recente ha dimostrato che non è necessariamente così, e in questo ambito l’azienda ha molto da dimostrare e fare ammenda.

A ciò si aggiunge la cattiva reputazione dell’IA generativa, la cui “intelligenza” si basa sull’analisi di quanti più dati possibili, la cui provenienza a volte è dubbia. OpenAI, il primo partner di Microsoft, ha contribuito a creare questa immagine torbida che suscita legittima diffidenza tra gli utenti.

Tuttavia, va ricordato che Recall sarà inizialmente disponibile solo su una manciata di computer (il famoso Copilot+PC). Le istantanee richiamate potranno inoltre essere cancellate in qualsiasi momento, sarà possibile disattivare il salvataggio delle acquisizioni. Infine, la funzione sarà facoltativa.

-

PREV Rivelate le prossime specifiche della GPU GeForce RTX 50 di NVIDIA
NEXT Buon affare – L’oggetto connesso di Netatmo Teste termostatiche connesse per radiatori Valvola aggiuntiva “5 stelle” a 59,99 € (-22%)