Il sonno è davvero più riposante prima di mezzanotte?

Il sonno è davvero più riposante prima di mezzanotte?
Il sonno è davvero più riposante prima di mezzanotte?
-

La notte deve durare dalle sei alle nove ore per essere ristoratrice.

Il corpo si rigenera durante la fase di sonno profondo a onde lente.

Le prime tre o quattro ore della notte sono le più vantaggiose.

Segui la copertura completa

Dormi: tuffati tra le braccia di Morfeo

“Il sonno è più riposante prima di mezzanotte”, “le ore prima di mezzanotte contano il doppio”. Come tutti i vecchi adagi, li teniamo in mente, senza sapere se sono veri. Ma allora? È davvero necessario andare a letto prima di mezzanotte per essere in forma? Te lo spiegheremo.

  • Leggi anche

    Conosci il latte della luna, questa pozione ancestrale che favorisce il sonno?

Cos’è il sonno ristoratore?

Prima di sapere che ora della notte è, devi prima capire cos’è il sonno ristoratore. Questo è “quando ti svegli in buona forma e rimani così per tutta la giornata”spiega la dottoressa Pascale Ogrizek, specialista del sonno, intervistata da Rivista sulla salute. Ma per produrre questo effetto, il sonno deve essere sufficientemente lungo, cioè durare dalle sei alle nove ore, a seconda delle esigenze e dello stile di vita di ogni persona. Un sonno di buona qualità è anche la chiave per una notte riposante. Ciò richiede un’adeguata alternanza tra le diverse fasi del riposo, con un sonno profondo e sufficientemente lungo. Fondamentale è anche la regolarità delle notti, con orari fissi per andare a dormire e per alzarsi.

Tieni presente, tuttavia, che ogni persona reagirà più o meno all’applicazione di questi concetti. L’importante è che la persona si svegli riposata e in buona forma per affrontare la giornata.

Sonno profondo a onde lente

Ogni ciclo del sonno è diviso in tre fasi: sonno leggero a onde lente, sonno profondo a onde lente e sonno paradossale. Il sonno profondo a onde lente è il più ristoratore della notte, perché tutte le funzioni vitali vengono rallentate. Questa fase permette di recuperare dalla fatica fisica, poiché “il nostro metabolismo è ridotto, il nostro consumo di ossigeno è inferiore, il nostro tono muscolare è basso e tutta la nostra attività cerebrale è rallentata”, spiega la dottoressa Pascale Ogrizek. Questo è anche il momento in cui il corpo secerne la maggior parte degli ormoni della crescita, che partecipano alla rigenerazione cellulare.

Le ore più riposanti del sonno

Il sonno profondo a onde lente più ristoratore si verifica nelle prime tre o quattro ore della notte. Contrariamente a quanto si crede, non sono le ore prima della mezzanotte le più benefiche per l’organismo, ma le prime ore di riposo.

Tuttavia, il sonno profondo a onde lente non sarà così lungo e riposante se vai a letto più tardi del solito, ad esempio alle 3 del mattino invece che alle 22:00. In effetti, il tuo orologio biologico, che sa che il tuo solito orario di veglia è vicino, non ti permetterà di immergerti nel sonno profondo a onde lente a lungo termine.

Nessuna ora di andare a dormire è quindi considerata quella giusta. Ognuno è libero di sviluppare il ritmo che preferisce, tenendo presente che sono necessarie dalle sei alle nove ore di sonno ogni notte. I ricercatori dell’Università di Exeter, in Gran Bretagna, hanno stimato che l’ora ideale per andare a dormire è tra le 22 e le 23 perché ciò ridurrebbe il rischio di malattie cardiovascolari.


Chloe BENOIST per TF1 INFO

-

PREV Boeing sta per mandare per la prima volta gli astronauti nello spazio
NEXT I misteri del Messico