Mbappé svela le sue verità sul livello di attacco del PSG

Mbappé svela le sue verità sul livello di attacco del PSG
Mbappé svela le sue verità sul livello di attacco del PSG
-

Dopo sette anni trascorsi al Paris Saint-Germain, Kylian Mbappé ha deciso di lasciare la Ville Lumière per realizzare il suo sogno: approdare al Real Madrid. Prima di ciò, il nazionale francese (79 presenze, 47 gol) proverà a vincere il primo Europeo della sua carriera mentre i Blues giocheranno la competizione questo lunedì contro l’Austria. Inserita nel Gruppo D, la squadra di Didier Deschamps sfiderà poi Olanda e Polonia. In un’intervista rilasciata a Francia occidentale, i Bondynois hanno iniziato quest’estate con un esercizio a dir poco insolito: presentare i 25 giocatori che compongono il gruppo convocato in Germania. Dopo aver parlato della difesa e dell’ambiente dei vice-campioni del mondo, il capocannoniere della storia del PSG ha parlato dei sette attaccanti francesi, e in particolare di tre suoi ex compagni di squadra con i Rouge et Bleu: Bradley Barcola, Ousmane Dembélé e Randal Kolo Muani.

Il resto dopo questo annuncio

Barcola ha scioccato Mbappé!

Per il primo citato, anche l’ex monegasco ha fatto furore. Arrivato dall’OL lo scorso agosto, il lionese si è gradualmente affermato nel collettivo guidato da Luis Enrique. Con 5 gol e 9 assist in 42 partite tra tutte le competizioni, il numero 29 parigino – che si appresta a disputare la sua prima competizione internazionale importante con la A – è poi diventato un pilastro imprescindibile per il tecnico spagnolo. Un’ascesa fulminea che non ha mancato di sorprendere il KM7. “Bradley, è una bella sorpresa. La verità è che non mi aspettavo che diventasse titolare al PSG quando è arrivato la scorsa estate. Onestamente, avevamo un attacco Messi – Neymar – me, quindi non potevo immaginare che un ragazzino del Lione, che aveva trascorso sei mesi all’OL, sarebbe arrivato e avrebbe lasciato il segno.ha ammesso Mbappé prima di descrivere dettagliatamente il suo percorso nella capitale francese.

Leggere
Luis Enrique ha vinto la maglia di Mbappé al Barcellona

“È arrivato timidamente, ha avuto un inizio difficile. È stato molto criticato, a torto. L’allenatore (Luis Enrique) lo ha davvero aiutato. La svolta è stata la partita contro il Newcastle in Champions League. Entra, sbaglia occasioni, ma il mister lo ha subito affiancato nello spogliatoio a fine partita. Abbiamo tutti insistito sul fatto che la cosa più importante era creare occasioni, come ha fatto lui, e che non le perdesse in ogni partita. Dopodiché, penso che qualcosa sia scattato. Come se avesse capito cosa poteva portare a questa squadra. Da allora non ha più giocato le stesse partite. Sono davvero sorpreso dalla sua stagione e sono molto felice per lui. Per questo Euro può fare il guastafeste! Lui arriva con lo status del piccolo che arriva, ma ormai ho giocato tante gare e so che la squadra che inizia raramente è quella che finisce. Preparati Bradley! Chi lo sa ?”ha concluso infine il capitano dei Blues.

Il resto dopo questo annuncio

Dembélé-Mbappé, un legame che va oltre il campo…

Complimenti su Barcola, il nuovo attaccante del Real Madrid si è soffermato anche sulla sua relazione con un certo Ousmane Dembélé (27 anni). Sotto i colori dell’Ile-de-France, i due uomini sono stati, infatti, spesso i detonatori del gruppo guidato da Luis Enrique. Un legame bellissimo che il diretto interessato ha voluto dettagliare. “OH ! Mio amico. Posso raccontare tanti aneddoti che occuperebbero tutta l’intervista (sorride). Ci vediamo continuamente. Non giochiamo più a FIFA, ma a NBA 2K. Sono più forte di lui. No, sul serio, non c’è nemmeno un dibattito! Questo ragazzo è malato (ride). Ma è così tenero. Ha questa leggerezza contagiosa, che lo rende amato in ogni spogliatoio in cui è stato. Nel gruppo è un elemento importante. Francamente non troverete mai un giocatore che vi parli male di Ousmane Dembélé..

Conquistato dalla capacità di adattamento dell’ex giocatore del Barcellona, ​​Mbappé è tornato anche alla bravura tecnica del connazionale, autore di 6 gol e 14 assist in 42 partite in tutte le competizioni per la sua prima stagione a Parigi. Il tutto con un tono insolito, persino divertente. “Il suo talento è innegabile. Cerco di spingerlo al massimo, sempre. Capisco cosa intende Luis Enrique quando dice che è il giocatore più sbilanciato del mondo. Ha due piedi, può andare in tutte le direzioni. Sono così felice di quello che gli sta succedendo al PSG, dove sta prosperando, ha avuto una stagione intera, senza un problema. Lo inseguiva da molto tempo. Con noi ha fatto un bel Mondiale 2022, purtroppo offuscato dalla finale. Adesso tocca a lui fare un buon euro. Ne è capace. Forza Ousmane!” Infine, l’uomo forte dei Blues non ha mancato di citare il caso di Randal Kolo Muani, l’ultimo Habs di questo attacco parigino.

Il resto dopo questo annuncio

Il capitano dei Blues non è preoccupato per l’RKM…

A differenza dei suoi due amici offensivi, l’ex giocatore dell’FC Nantes e dell’Eintracht Francoforte ha avuto un inizio molto più caotico con la maglia dell’Ile-de-France. Spesso criticato per la sua prestazione sotto porta (9 gol, 6 gol) e regolarmente lasciato in panchina dal suo allenatore, lo sfortunato finalista dell’ultimo Mondiale in Qatar – che si è visto deviare il suo tiro da Emiliano Martinez negli istanti finali – ora cercherò di sfruttare l’avventura blu per trovare i colori. Interrogato in merito, Mbappé non ha voluto però gravare sul suo compagno. “Il mancato faccia a faccia con Martinez? Non ne parliamo. Deve essere già abbastanza difficile per lui. Non devo parlargli di nuovo di questo. Lo lascio. Tutti abbiamo quei momenti di cui ci pentiamo nella nostra carriera. Fa parte della storia e non è colpa sua se non abbiamo vinto. È colpa di tutti noi. Ci siamo messi nei guai perdendo 2-0”.. E per ritornare, più in generale, alla traiettoria del numero 23 parigino.

“Gli inizi della carriera di Randal sono stati fatti di grandi passi successivi. I Mondiali del 2022 gli hanno cambiato la vita. Aveva appena lasciato il Nantes per Francoforte, dove ha avuto un inizio di carriera onorevole, ma non ai massimi livelli, come oggi. Attenzione: a Nantes era già fortissimo. Per conoscere bene la Ligue 1, recarsi a La Beaujoire è sempre complicato. Ma la sua stagione a Francoforte inizialmente lo ha portato oltre il limite. Randal è un amico. Il nostro rapporto è fantastico, ancora di più ora che abbiamo condiviso un anno a Parigi, dove è cambiato di nuovo. Abbiamo trascorso la stagione insieme. Ho cercato di integrarlo al meglio, di spiegargli il contesto parigino. Ha avuto una stagione difficile, ma sono sicuro che se lavorerà come dovrebbe, se continuerà ad avere questo spirito di non arrendersi, potrà avere successo a Parigi. È molto difficile farlo, ma è bellissimo. Ne vale la pena”. Prima di approdare al Real Madrid e seguire da lontano l’evoluzione dei suoi tre ex compagni di squadra, Kylian Mbappé vorrà comunque brillare accanto ai parigini del gruppo francese e offrire così una nuova incoronazione ai Blues sulla scena internazionale . Inizio delle ostilità? Questo lunedì contro l’Austria (ore 21).

Pub. IL 14/06/2024 11:21
Aggiornamento 14/06/2024 11:45

-

PREV MotoGP, Massimo Rivola pensa già all’inizio dell’anno scolastico: “punteremo a quattro Aprilia nella top ten”
NEXT Griezmann, denunciato uno scandalo in Spagna!