Fine del sogno per Didier Santini (ex LOSC), sconfitto dall’AS Saint-Etienne nella sua corsa alla Ligue 1

Fine del sogno per Didier Santini (ex LOSC), sconfitto dall’AS Saint-Etienne nella sua corsa alla Ligue 1
Fine del sogno per Didier Santini (ex LOSC), sconfitto dall’AS Saint-Etienne nella sua corsa alla Ligue 1
-

Impegnato nell’ultima partita tra squadre di Ligue 2 questo venerdì, il Rodez AF di Didier Santini non ha potuto competere con l’AS Saint-Etienne, vincendo davanti al pubblico di casa (2-0) nella ricerca dell’ascesa nell’élite.

Vincitore del Paris FC ai rigori pochi giorni prima, Rodez sperava di poter continuare la sua folle stagione. Questo venerdì, sul prato dello Stade Geoffroy Guichard, l’ostacolo era tuttavia troppo grande nella finale dei playoff della Ligue 2, il sedicesimo bilancio del campionato, i Ruthenois hanno sofferto per tutta la partita, approfittando innanzitutto della mancanza di efficienza gli Stéphanois per restare in vita. Nelle sue gabbie, Ewen Jaouen ha posticipato la scadenza come meglio poteva. Quello che doveva succedere, invece, è successo allo scoccare dell’ora, quando Irvin Cardona ha superato Serge-Philippe Raux Yao tagliando, con un cross di testa, il cross di Dylan Chambost (1-0, 65′) sul primo palo. L’estasi poi prende il pubblico. Alla fine il portiere ospite ha ceduto, dopo aver appena deviato un calcio di punizione sulla traversa (59′). Poi è stato nel recupero che la partita è cambiata definitivamente, con un numero di Nathanaël Mbuku (90+6′) per il gol del break. I Verdi non sono mai stati così vicini al ritorno in Ligue 1. Affronteranno l’FC Metz negli spareggi, il 30 maggio e poi il 2 giugno.

Questa battuta d’arresto segna la fine di un’epopea per Rodez, guidato da Didier Santini. L’ex residente del LOSC non è apparso particolarmente deluso al fischio finale, consapevole che il passo era troppo alto per una squadra che non era programmata per quello: “Voglio fare i complimenti ai miei giocatori per la stagione, per il loro abnegazione e per l’energia che hanno dato. Anche se non è stata una bella partita, è mancata soprattutto la carica e la lucidità per essere più corretta tecnicamente. Dovremmo ricordare solo il lato positivo, è stato straordinario. Abbiamo messo in dubbio grandi squadre. I miei giocatori hanno mostrato tutto il loro talento, di questa stagione avrò solo bei ricordi. Ci credevamo, ma mancava una piccola scintilla. Saranno sempre dei bellissimi ricordi”.ha confidato al microfono delle squadre di fare sport al termine dell’incontro.

-

NEXT Memorial Cup: Owen Beck e gli Spirit si dirigono verso la finale, dominando Moose Jaw 7 a 1