Campionato di wrestling arabo: bellissimo raccolto marocchino

Campionato di wrestling arabo: bellissimo raccolto marocchino
Campionato di wrestling arabo: bellissimo raccolto marocchino
-

Gli atleti marocchini che partecipano al Campionato Arabo di Stile Libero, Greco-Romano e Lotta Femminile (U17 e U23), che si svolge al Palazzo dello Sport di Amman, hanno aggiunto al loro portafoglio altre sette medaglie, di cui cinque d’oro e due d’argento, alla fine degli eventi della seconda giornata giocati venerdì.

La selezione femminile under 23 ha vinto due titoli grazie a Zineb Ech-Chabki, vincitrice nella finale dei -53 kg contro la tunisina Nourhene Medhli (11-08), e Zineb Hassoune che ha trionfato anche su un altro tunisino, in questo caso Chahd Jeljeli, nella finale dei -57 kg (4-1).

Tra gli uomini (-23 anni), Ismail Ettalbi (-63 kg) e Tarik Benhachem (-55 kg) sono saliti sul gradino più alto del podio nelle rispettive gare a scapito rispettivamente del saudita Munthir Abdullah Jandu (21-12 ) e dell’algerina Sefiane Guezzania (11-07), mentre Wissam Kouainso ha dominato la finale dei -97 kg sul giordano Yahia Hussein Abu Tabikh (12-08).

Da parte loro, Mouad Jahid (-60 kg) e Saad Amandar (-87 kg) hanno vinto l’argento nella lotta greco-romana, dopo aver battuto in finale il siriano Mhdassad Aldein Alosta (23-12) e il saudita Mahmoud Mansour. Hawsawi (17-14).

Durante la giornata inaugurale, i lottatori marocchini hanno vinto tre medaglie d’oro, rispettivamente Tarik Benhachem (-57 kg) e Saad Amandar (-86 kg), nella lotta libera, e Malak Sabry (-73 kg), nella lotta femminile.

“Siamo molto orgogliosi e molto soddisfatti dei risultati ottenuti dalle nostre lottatrici in questa competizione”, ha detto l’allenatore della nazionale femminile, la tunisina Faouzi Kharrazi.

“Con un totale di otto medaglie d’oro e due d’argento per nove lottatori iscritti, non potevamo sperare di meglio”, ha affermato in una dichiarazione al MAP, sottolineando che l’obiettivo è ripetere questa impresa nei prossimi eventi, a cominciare dall’under -17 mondiali in Giordania e campionato africano a Casablanca.

Della delegazione marocchina, guidata dal secondo vicepresidente della Federazione reale marocchina delle lotte associate, Mokhtar Fetouaki, nonché vicepresidente dell’Unione araba di disciplina, fanno parte anche i giudici Alaoui Moutouakil e Hicham Oubri.

Organizzato dalla Federazione Giordana di Lotta in collaborazione con l’Unione Araba, questo evento riunisce quasi 200 lottatori in rappresentanza di una decina di paesi.

-

PREV Tennis. Chi è Jack Draper, il vincitore di Carlos Alcaraz al torneo della Regina?
NEXT Tennis. Wimbledon – Johanna Konta: “Iga Swiatek, quello che fa è unico”