La risposta di Bradley Barcola a Daniel Riolo

La risposta di Bradley Barcola a Daniel Riolo
La risposta di Bradley Barcola a Daniel Riolo
-

Scelto da Didier Deschamps per giocare l’Europeo in Germania, Bradley Barcola è tornato sulle critiche mosse da Daniel Riolo lo scorso autunno nei suoi confronti.

Bradley Barcola ha finalmente convinto Didier Deschamps. Molto visibile dalla fine dell’autunno, l’ex lionese, dopo essersi affermato da titolare al PSG, è stato infatti scelto dal tecnico francese per giocare l’Europeo. I suoi primi tre mesi con i Rouge et Bleu non lasciavano presagire una simile traiettoria.

Molto impacciato contro il Newcastle in Champions League, il giovane esterno era stato anche bersaglio di critiche molto forti, in particolare da parte di Daniel Riolo. “Il responsabile non è lui, è Luis Enrique perché pensa di essere un giocatore capace di giocare la Champions League mentre in campionato bastava aprire gli occhi per vedere che è un agnellino. Stiamo parlando della Champions League, non può comportarsi come ha fatto! È al livello della Youth League” ha detto mentre il numero 29 parigino aveva sprecato cinque grandi occasioni contro i Magpies.

Per sua stessa ammissione, queste critiche lo stimolarono particolarmente. “Può solo farti crescere quando qualcuno ti viene incontro in quel modo. Ti incoraggia solo a dare il massimo. Dimostra che non sei un agnello come ho sentito dire e che sei migliore di così, che sei un buon giocatore e che sai cosa fai e cosa vuoi. Non avevo dubbi in quei momenti. Volevano seppellirmi ma io ho sempre continuato a credere in me stessa”ha confidato in un’intervista a France 3. Abbastanza per far reagire ancora una volta il polemista dell’RMC.

Daniel Riolo la rimette su Bradley Barcola

“Quello che Barcola dice oggi è che il suo orgoglio vacilla quando sente che, quando dico l’agnello… Flo non lo fa per tifarlo, ma perché vede qualità che io vedo meno. Difende un punto di vista, ma non è lì per sostenerlo. Già l’anno scorso aveva scoperto di avere qualcosa di speciale, su questo non sono d’accordo”. ha cominciato a spiegare prima di indignarsi ancora una volta per la presenza del giocatore parigino all’Euro.

“Non capisco come con una manciata di partite arriviamo alla squadra francese, si è offeso. OK nel 1986, Jean-Pierre Papin si unì alla squadra francese, ma dopo un’intera stagione e tanti gol. I tempi sono cambiati e penso che ci stiamo muovendo troppo in fretta”.

-

PREV il campo di questo stadio preoccupa i giocatori
NEXT Kylian Mbappé fa infuriare l’Olanda, forte la decisione del Real Madrid per il suo attacco