“il nuoto è re e noi raccogliamo le briciole”

“il nuoto è re e noi raccogliamo le briciole”
“il nuoto è re e noi raccogliamo le briciole”
-

A Tarbes (Alti Pirenei), i nuotatori dell’associazione Nuoto Artistico non hanno posti riservati per i loro allenamenti. La città non li fornisce. La causa: un conflitto tra l’associazione e un circolo nautico, che sembra difficile da risolvere.

L’immagine è difficile da immaginare: una decina di ragazzine, nel bel mezzo di un allenamento di nuoto sincronizzato, in mezzo ad una piscina… piena di gente. Tuttavia, queste sono le condizioni attuali per i nuotatori del Club di Nuoto Artistico Tarbes (NAT). La giovane associazione, nata 10 mesi fa, non riserva posti riservati ai propri iscritti nelle piscine cittadine.

Una situazione complicata, che i suoi membri denunciano in un video Instagram e in una petizione, condivisi il 3 maggio. L’associazione si chiede: “Ingiustizia? Favoritismo? Negligenza e disinteresse?” Come spiegare questo stato di cose, quando il club conta 40 tesserati e 5 allenatori?

Nel 2023, Anne-Laure Guin, allora allenatrice e nuotatrice dell’EPSTN (Entente Pyrénées Séméac Tarbes Natation) decide di lasciare il club e creare un’associazione focalizzata esclusivamente sul nuoto artistico. “I soldi dei nostri abbonamenti sono andati al nuoto, lei dice. Volevamo competere, avere attrezzature migliori ed evolverci.” Con lei guida tutti gli ex studenti dell’Epstn. “Si tratta di un conflitto amministrativo e legale tra il presidente dell’EPSTN e Anne-Laure Guin, assicura Thomas Da Costa, assistente sportivo del municipio di Tarbes. E il“NAT ha registrato i suoi membri, senza assicurarsi che avessero degli slot.”

“Abbiamo chiesto dei posti ma la città ce li ha rifiutati, dice Anne-Laure Guin. Ci dicono che a Tarbes esistono già due associazioni nautiche e che sono loro a possedere gli slot. Sabato i 5 nuotatori EPSTN sono soli a metà di una grande piscina, mentre noi siamo fuori. Al NAT siamo 5 allenatori, mentre loro hanno un solo MNS (bagnino) pagato in piscina.”

“Tutti gli arbitrati sono concepiti in modo da non togliere spazi al pubblico, dice Thoma Da Costa. Abbiamo proposto una soluzione: l’EPSTN è d’accordo a reintegrare i nuotatori NAT nei suoi posti, a condizione che Anne-Laure Guin non sia presente al bordo della piscina durante l’allenamento.” È passato un mese e da allora il consigliere comunale ha assicurato che la NAT non ha risposto a questa richiesta.

Da parte sua, Anne-Laure Guin sottolinea che il NAT lo è “l’unico club specializzato nel nuoto sincronizzato degli Alti Pirenei. È uno sport poco conosciuto e poco considerato. Il nuoto la fa da padrone e noi raccogliamo le briciole.” Ma per Thomas Da Costa, “Affermare che il nuoto artistico sia uno sport marginale è totalmente falso e diffamatorio. La petizione lanciata dalla NAT è una sciocchezza, è scandalosa. La nostra porta rimane aperta, vogliamo trovare una soluzione seguendo la proposta che abbiamo fatto.”

Anne-Laure Duguin ricorda che i suoi nuotatori hanno recentemente partecipato allo spettacolo Swim Artistic a Cahors, dove hanno vinto “Il premio speciale preferito dalla giuria, anche se ci alleniamo in pessime condizioni.” Il club spera di presentare presto un gala a Lourdes.

-

PREV Pierre-Louis Costes semifinalista ad Antofagasta
NEXT Elite 1 – Finale: metti fine alla carestia! L’Albi Rugby League punta al titolo di campione di Francia questa domenica