Nadal, la sua toccante confessione prima del Roland-Garros

Nadal, la sua toccante confessione prima del Roland-Garros
Nadal, la sua toccante confessione prima del Roland-Garros
-

Vittorioso al primo turno a Roma questo giovedì, Rafael Nadal osa pianificare il Roland-Garros. Pur confidando le sue apprensioni.

È stato faticoso, ma questo giovedì Rafael Nadal ha superato il belga Zizou Bergs nel primo turno del torneo di Roma (4-6, 6-3, 6-4). A fine partita, il maiorchino si è presentato alla stampa per fare il punto sulla sua ultime tre settimane sul circuito. Con aspetti positivi, ovviamente, ma anche l’ammissione delle sue profonde paure. Come un lucchetto da rompere da qui agli Open di Francia.

Il miglioramento più grande è che continuo a giocare. Questa è la cosa più importantesussurra il 37enne spagnolo, riportato da L’Equipe. Oltre a ciò, servo molto meglio che a Barcellona. Mi sento anche come se fossi più veloce. A volte gioco troppo lontano dalla linea di fondo. Questo è qualcosa su cui devo migliorare. Devo organizzare un po’ meglio la mia posizione in campo rispetto a oggi… »

“È ora di spingere”

Fatta questa osservazione, Rafael Nadal sa che dovrà spingere la macchina ancora di più, se possibile ai suoi limiti estremi, mentre il Roland-Garros si avvicina rapidamente (dal 26 maggio al 9 giugno). “ Se succede qualcosa, succede qualcosa. Ho il Roland Garros tra sole due settimane e mezzo, quindi… Arriva il momento in cui devo dimostrare a me stesso che sono capace di spingere il mio corpo al limite necessario per sentirmi pronto per quello che verrà. […] Ho bisogno di perdere questa paura. Partite come quella di oggi mi aiutano. A volte mi muovevo più velocemente, altre volte no. Devo abituarmi a questo, correre questo rischio. Se succede qualcosa di brutto, lo accetteremo. Ma ora è il momento di spingere. Mi sento più pronto a provarci rispetto a prima. »

Devo provare a giocare al 100%, insiste. Devo sfogare un po’ di paura che ho su certi scatti. A Brisbane (a gennaio, ndr), Ho avuto una lacrima nel punto in cui ho subito un intervento chirurgico l’anno scorso. Con questo intervento, è stato necessario rimuovere una parte significativa del mio tendine psoas e ora devo far lavorare molti muscoli attorno ad esso molto più di prima. Devi adattare questi muscoli a questa nuova configurazione, trovare il momento giusto per farlo, ma in realtà non ho quel tempo. Questo è il problema. »

-

PREV paura per Mike Tyson due mesi prima del suo incontro contro Jake Paul
NEXT Gli Oilers furono nuovamente affondati dal motore del loro tosaerba