1,27 milioni di morti ogni anno nel mondo, più della metà dei quali prevenibili – Libération

1,27 milioni di morti ogni anno nel mondo, più della metà dei quali prevenibili – Libération
1,27 milioni di morti ogni anno nel mondo, più della metà dei quali prevenibili – Libération
-

La rivista medica “The Lancet” lancia questo giovedì, 23 maggio, un appello per combattere le infezioni causate da agenti patogeni resistenti ai farmaci antimicrobici.

Cosa fare se i batteri diventano resistenti agli antibiotici conosciuti? Questo scenario di resistenza agli antibiotici non è fittizio, sta effettivamente accadendo. Dei 7 milioni di decessi annuali causati dai batteri in tutto il mondo, 1,27 milioni sono direttamente attribuibili ad agenti patogeni che hanno imparato a bypassare gli antibiotici, secondo un rapporto pubblicato dalla rivista medica La Lancetta questo giovedì 23 maggio sera. Ma gran parte potrebbe essere evitata adottando misure igieniche e vaccinali.

Se “La resistenza agli antibiotici è attualmente sotto controllo nei nostri paesi e in particolare in Francia”, sottolinea a Pubblicazione Philippe Glaser, specialista in questo campo presso l’Institut Pasteur, “la situazione sta peggiorando in molti altri Paesi”, avvisa. La tendenza è forte. Ad esempio, il numero di infezioni del sangue dovute a Staphylococcus aureus in Europa è aumentato del 51% tra il 2007 e il 2015. Più recentemente, sempre nel Vecchio Continente, il numero di ricoveri in terapia intensiva per un’infezione del sangue causata da un altro batterio resistente, Acinetobacter, aumentato del 144% tra il 2018-2019 e il 2020-2021.

Secondo i dati pubblicati in La Lancetta, I bambini sono i più a rischio, con un terzo dei decessi causati da infezioni. Tra il 2018 e il 2020, secondo uno studio condotto in undici paesi di tutti i continenti, il 18% dei neonati con infezione generalizzata (sepsi) non è sopravvissuto nonostante il trattamento con antibiotici. Anche gli anziani e i pazienti con malattie croniche corrono un rischio maggiore di contrarre questo tipo di agente patogeno. La resistenza agli antibiotici aumenta il rischio di infezioni nosocomiali (contratte in ambiente ospedaliero) e rappresenta un pericolo per i pazienti sottoposti a chemioterapia o che ricevono donazioni di organi.

“La resistenza antimicrobica è in aumento – accelerata dall’uso inappropriato di antibiotici durante la pandemia di Covid – minacciando la spina dorsale della medicina moderna e già provocando morti e malattie che in passato avrebbero potuto essere prevenute” , si rammarica in un comunicato stampa uno dei coautori della serie di articoli, la professoressa Iruka Okeke dell’Università di Ibadan, Nigeria.

Tre obiettivi entro il 2030

Per limitare la comparsa di batteri resistenti, i suoi colleghi hanno fissato tre obiettivi specifici per il 2030: ridurre del 10% la mortalità causata da questi agenti patogeni, ridurre del 20% l’uso di antibiotici nell’uomo e del 30% negli animali.

Perché la resistenza agli antibiotici non è inevitabile. Secondo la modellizzazione proposta in La Lancetta, 750.000 di questi decessi potrebbero essere evitati con la generalizzazione di semplici misure. Per gli autori di questa ricerca, la migliore strategia contro queste infezioni resta la prevenzione: migliorare l’igiene e la sterilizzazione all’interno delle strutture sanitarie salverebbe 337.000 vite all’anno. L’accesso universale all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari eviterebbe 247.800 morti all’anno. Infine, un uso più ampio di alcuni vaccini contro pneumococchi, meningite o virus respiratorio sinciziale potrebbe proteggere 181.500 persone in più.

Risultati che, secondo il coautore degli articoli, Yewande Alimi, specialista della questione presso il Centro africano per il controllo e la prevenzione delle malattie, “dimostrano che le azioni di sanità pubblica per prevenire le infezioni dovrebbero avere la priorità nella strategia per combattere la resistenza antimicrobica”. Gli scienziati si stanno ora mobilitando per influenzare la prossima assemblea generale delle Nazioni Unite prevista per settembre, che dovrà affrontare il problema della resistenza agli antibiotici.

Detto questo, anche gli investimenti nella ricerca di nuovi antibiotici devono essere reinventati. La sola ricerca del profitto da parte del sistema farmaceutico rende i nuovi antibiotici inaccessibili in molti paesi. I partenariati pubblico-privato della fase di ricerca potrebbero contribuire a superare questa difficoltà. Lo ricorda Ramanan Laxminarayan, professore di Princeton e coautore dello studio “Se l’accesso e l’accessibilità economica non sono garantiti, il gran numero di decessi dovuti a infezioni batteriche resistenti continuerà senza sosta”.

-

PREV Giovani e droga
NEXT I danni causati dalle zanzare stanno diventando sempre più costosi