i risultati completi del primo turno nella tua città e nelle 577 circoscrizioni elettorali

i risultati completi del primo turno nella tua città e nelle 577 circoscrizioni elettorali
i risultati completi del primo turno nella tua città e nelle 577 circoscrizioni elettorali
-

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

POLITICA – La situazione è drammatica. Il primo turno delle elezioni legislative indetto in tutta fretta da Emmanuel Macron dopo le elezioni europee si è concluso domenica 30 giugno alle 20 con la chiusura degli ultimi seggi elettorali nelle grandi città. Emerge una prima tendenza chiara: la vittoria e il dominio della RN al primo turno.

In attesa del ballottaggio dalla posta storica, sono ora disponibili i risultati completi dei 577 collegi elettorali che voteranno domenica 30 giugno. Scopri qui sotto i risultati del primo turno di votazione vicino a te e in tutte le città della Francia, in questa mappa interattiva con il suo motore di ricerca, realizzata dai Décoders du Mondo :

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

Questa infografica è stata aggiornata in diretta nel corso della serata e della notte elettorale, in quanto i risultati ufficiali delle elezioni legislative per città e dipartimenti sono stati pubblicati sul sito web del Mondo.

Molti triangolari

Secondo le prime stime nazionali, il partito di estrema destra di Jordan Bardella e Marine Le Pen viene quindi accreditato con circa il 33% dei voti. A sinistra il RN precede il Nuovo Fronte Popolare, che ottiene poco più del 28% dei voti. Molto più avanti del campo di Emmanuel Macron (21-22,1%), che vedrà il suo numero di deputati notevolmente ridotto, suggellando il fallimento della scommessa del capo dello Stato che ha sciolto l’Assemblea nazionale il 9 giugno. I repubblicani, che non si sono alleati con la RN, sono intorno al 10%.

La partecipazione ha superato ogni record, come ha dimostrato il numero di delegati registrati (quasi 3 milioni dal 9 giugno) durante questa vorticosa campagna durata tre settimane. Alle 17:00 era quasi al 60%. Questa significativa mobilitazione degli elettori configura anche il secondo turno: consente di restare a più candidati (per questo era necessario ottenere un numero di voti superiore al 12,5% degli iscritti). Ciò aumenta notevolmente il numero dei triangolari con tre candidati al secondo turno: su 577 collegi elettorali, quasi 300 dovrebbero essere interessati da una situazione del genere, secondo i dati dell’AFP pubblicati nella notte tra domenica e lunedì.

Questi triangolari e i possibili scenari di ritiro di un candidato per evitare la vittoria di un candidato della RN, fanno ancora proiezioni di come dovrebbe essere la futura Assemblea nazionale.

Secondo le proiezioni dell’Assemblea dell’istituto Ifop, la RN potrebbe rivendicare 270 seggi, mentre Ipsos ne prevede altri 10, ovvero 280. Harris ed Elabe dal canto loro collocano il primato per la RN, che si stima possa vincere tra 295 e 310 posti. Proiezioni basate su scenari di ritiro e rapporti di forza elettorali.

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

È ancora troppo presto perché il RN possa rivendicare la maggioranza assoluta dopo il 7 luglio: cioè riesca a eleggere 289 deputati. Ma lo scenario è possibile, e nella mente di tutti, a cominciare da Emmanuel Macron, che domenica sera ha convocato un “grande raduno” contro il RN. “Nessun voto dovrebbe andare al Raduno Nazionale” al ballottaggio ha dichiarato anche il primo ministro Gabriel Attal di Matignon.

A sinistra, le istruzioni erano simili: “Secondo i nostri principi e le nostre posizioni costanti in tutte le precedenti elezioni, non permetteremo mai che la RN vinca, ed è per questo che, nel caso in cui fosse arrivata prima, mentre non vorremmo che fosse terza, lo faremo ritirare la nostra candidatura”, ha dichiarato Jean-Luc Mélenchon dopo l’annuncio dei risultati. Sulla stessa linea gli altri leader del partito NFP, Olivier Faure, Fabien Roussel e Marine Tondelier.

Vedi anche su L’HuffPost:

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

-

PREV Euro 2024: la Spagna domina la Francia 2-1 e arriva in finale
NEXT Sabrina Agresti-Roubache, terza nella sua circoscrizione elettorale a Marsiglia, si ritira