Lettera americana | Erba blu e banjo

-

(Lexington, Kentucky) Cody Dugger apre la valigetta e scopre il prezioso oggetto annidato in un peluche arancione.


Inserito alle 1:32

Aggiornato alle 5:00

“Il manico è stato rifatto, ma la canna risale agli anni ’30, quando Gibson produceva banjo”, mi ha detto il musicista 32enne.

Siamo nell’immenso Horse Park di Lexington, la capitale mondiale del cavallo da corsa. Ma oggi è l’iconica capitale mondiale della musica del Kentucky: il festival Spirit in the Bluegrass festeggia il suo cinquantesimo anniversarioe compleanno.

Di giorno, Cody Dugger è quella che chiameresti una super infermiera. La sera suona il banjo con la sua band Hancock e Shoushe. È stato Patrice Béliveau, un ortopedico del Quebec andato in esilio nel Kentucky nel 1997, a presentarmelo, al St. Joseph Catholic Hospital, nella piccola città di Londra.

FOTO YVES BOISVERT, LA STAMPA

Cody Dugger

Dico a Cody quanto amo il banjo. Gli chiedo di definire il bluegrass, la musica dei bianchi degli Appalachi, letteralmente “Hillbillies”, questi discendenti degli hillbillies del Kentucky. È così che sono stato invitato al festival, perché il campo vale mille definizioni.

“Politicamente sarà piuttosto repubblicano, immagino?

– Per niente ! Vedrai, è una banda di hippy, è molto bello. »

Eccomi quindi al campeggio Horse Park, perché i veri festivalieri trascorrono qui tre giorni, fresco, barbecue, drink inebrianti e, in alcuni angoli, odore di erba a tarda notte, e non blu.

FOTO YVES BOISVERT, LA STAMPA

Annalisa McDonald e il suo violino a cinque corde

“Hai mai mangiato un pomodoro dell’orto?” Hai presente, quando è ancora caldo e l’hai appena raccolto? mi chiede Annalisa McDonald, tenendo in mano il suo violino a cinque corde come se fosse il suo sesto figlio.

– Ehm sì…

— Vengo dall’Alaska e suonavo bluegrass. Mi piaceva, ma era come un pomodoro del supermercato d’inverno, sai? Sono venuto in Kentucky, ho suonato con musicisti bluegrass. Ho capito che sapore ha un pomodoro. Viene direttamente dalla terra da qui. »

D’altra parte, la moglie del suonatore di banjo, Kasey Dugger, odiava questa musica prima di incontrare Cody.

FOTO YVES BOISVERT, LA STAMPA

Kasey Dugger

“Diciamo solo che alle ragazze delle superiori non piacciono molto i suonatori di banjo… Sembrava la musica dei vecchi. Ma nuovi artisti come Tyler Childers, che mescola country, folk e bluegrass, hanno portato una nuova generazione”, mi dice il convertito.

“È nella nostra anima. Quando sento il mandolino mi viene la pelle d’oca”, dice il mio vicino che ha bevuto qualche birra, e non so se è questo che gli fa venire le lacrime agli occhi, o se è il suo modo di esprimere il traboccare di emozioni.

È musica piena di montagne, nebbie, carbone. Ma scivoliamo, o meglio acceleriamo sulla tristezza, come per ingannare la nostalgia. Il ritmo aumenta e la gioia sale in superficie.

“Il country si gioca così [il se penche en arrière]il bluegrass si suona così [il incline son corps vers l’avant] “, mi ha detto Frank Powell, un liutaio nel tempo libero, per mostrare come ci precipitiamo negli accordi con il pedale completamente abbassato.

“Cresce come un’erbaccia su di te, non puoi mai sbarazzartene. »

Il termine “bluegrass” è emerso negli anni ’40, quando il fondatore Bill Monroe formò i Blue Grass Boys, e si cercava un nome per questa sottocategoria di musica di questo stato famoso anche per questo tipo di erba. Né veramente folk né perfettamente western, anche se un po’ di entrambi, e mescolati con la musica tradizionale delle isole britanniche.

Con il suo cappello da cowboy e la sua voce acuta, Monroe imponeva regole implicite allo stile acustico. Un mandolino, un banjo, una chitarra, un violino e un contrabbasso. Lo stile si ispira ai reels scozzesi e alle danze di piazza inglesi dei pionieri degli Appalachi. Ma prende in prestito anche dalla musica afroamericana, poiché il banjo, suonato dagli schiavi, deriva dagli strumenti a corda africani.

Luna Blu del Kentucky di Monroe fu coperto da Elvis Presley in una delle sue prime registrazioni.

“Come tutta la grande musica americana, ha origini africane”, afferma Dave Howard, che ha fondato la Louisville Folk School. L’obiettivo è trasmettere e far rivivere il patrimonio musicale originale del Kentucky, ma anche insegnare altre tradizioni musicali.

FOTO YVES BOISVERT, LA STAMPA

Dave Howard, fondatore della Louisville Folk School

“Siamo molto orgogliosi della nostra musica e vogliamo farla conoscere, ma è uguale per tutte le persone, per questo insegniamo anche musica afrocubana e dell’Africa occidentale. »

Davanti al palco sono state disposte in fila centinaia di sedie pieghevoli. Dietro le roulotte e le tende, i musicisti improvvisano e scaldano la voce, sapendo che da un momento all’altro potrebbe presentarsi uno sconosciuto con la sua chitarra e rovinare le prove, ma non è un grosso problema.

Quest’anno il festival rende omaggio a JD Crow, morto durante la pandemia. Il ragazzo ha suonato il banjo così velocemente Non funzionerà domani quella si potrebbe pensare come una canzone felice, poiché racconta la storia di un ragazzo che ha perso la sua ragazza, ha perso tutti i suoi soldi facendo shopping e ha lasciato il lavoro per andare in giro per il mondo e diffondere il suo dolore.

Se lo chiedo a Cody, mi dice che la folla è per l’80% “di sinistra” (lo stato ha votato per il 62% Trump, per il 36% Biden nel 2020). Altri mi dicono “50-50”.

Un ragazzo che ha fatto fortuna nel settore delle autostrade mi ha detto: “Tutti quelli che conosco votano per Trump. Con tutti i soldi che gli ho mandato, spero proprio che vinca. Dice sempre cose stupide, non mi piace per niente, ma non mi piacciono le tasse. »

Avrei voluto dirgli che senza le tasse forse non avrebbe guadagnato tanti soldi costruendo strade, ma il gruppo successivo sarebbe salito sul palco, e già parlare di politica a un festival è un disastro. Ho interrotto il mio sondaggio.

In un articolo del Revisione politica di Harvard1, la musicologa Chloe Levine osserva che i temi tradizionali del bluegrass, le cui stelle sono quasi esclusivamente bianche, trovano un’eco nel discorso conservatore (nostalgia dei bei vecchi tempi, valori tradizionali, religione). Ma una nuova generazione urbana sta dando nuovo slancio al genere, reinventandone il contenuto e mescolando questioni contemporanee con l’aria di montagna.

Dopotutto, il Kentucky ha dato vita anche a gente di protesta, come quella di Sarah Ogan Gunning, che ha cantato Ragazza dal dolore costante la fame dei minatori e lo sfruttamento dei lavoratori quasi 100 anni fa.

Quindi il bluegrass è blu o rosso? Chi lo sa. Stasera la notte è tranquilla, la musica suona bene, il pubblico è rilassato. Bluegrass è anche “bevande fredde, banjo e amici”.

Tra le nuvole appare la luna, perché, ti ricordo, sono nellaIl vecchio Kentucky dove il cielo è sempre azzurro.

1. Consultare l’articolo in Revisione politica di Harvard

-

NEXT Sabrina Agresti-Roubache, terza nella sua circoscrizione elettorale a Marsiglia, si ritira