È morta Marie-France Garaud, ex consigliera di Georges Pompidou e Jacques Chirac

È morta Marie-France Garaud, ex consigliera di Georges Pompidou e Jacques Chirac
È morta Marie-France Garaud, ex consigliera di Georges Pompidou e Jacques Chirac
-
>>

Marie-France Garaud, candidata alle elezioni presidenziali, parla durante una visita al Club della Stampa, a Rennes, nel dicembre 1980.

Marie-France Garaud, candidata alle elezioni presidenziali, parla durante una visita al Club della Stampa, a Rennes, nel dicembre 1980. JEAN PIERRE PREVEL/AFP

“Brogue in sottoveste” per alcuni, “Padre Giuseppe al femminile” per altri, o anche “Crudelia” per i più severi, fu una politica influente che ricoprì questo ruolo con Georges Pompidou e Jacques Chirac. Marie-France Garaud è morta mercoledì 22 maggio, all’età di 90 anni, come ha annunciato il giorno dopo suo figlio all’Agence France-Presse.

Nata il 6 marzo 1934 a Poitiers, figlia di un avvocato, consigliere generale, Marie-France Quintard ha conseguito il diploma di studi superiori in diritto privato, diritto pubblico e storia del diritto presso la facoltà di Poitiers. Fu in questa città che divenne avvocato (1954-1957). Nel 1959 sposò Louis Garaud, anche lui avvocato, dal quale ebbe due figli. Dopo un periodo al Ministero della Marina, il suo ex professore di diritto, Jean Foyer, la portò nel suo ufficio al Ministero della Cooperazione (1961-1962), poi a quello della Giustizia (1962-1967). Nell’aprile 1967, Pierre Juillet (1921-1999), consigliere politico del primo ministro Georges Pompidou, la assunse come responsabile della missione. Il duo (ben presto formidabile) si forma e Marie-France Garaud inizia la sua fuga politica.

“Valchiria guerriera”

Il suo primo compito è riportare i centristi nella maggioranza. Eletto presidente, Georges Pompidou la nomina consigliere tecnico del segretariato generale della presidenza. Con Pierre Juillet, Marie-France Garaud condivide l’ufficio e una passione assoluta per la Francia. Preferendo rimanere nell’ombra, Juillet mandò al fuoco “Marie-la-France”, come la soprannominarono i giornalisti. Nel suo libro Uomini liberi (Plon, 1973), Arthur Conte dipinge un ritratto accattivante: a “bella donna dai capelli scuri, viso tondo, bianchissimo, occhi da impala, bocca piccola, che parla velocemente e in modo melodioso. Respira calda amicizia”. Ma è anche un “Valchiria guerriera, feroce in battaglia”.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati “Marie-France Garaud ha creato un mito: quello dell’eminenza grigia francese”: estratti da “La Conseillère”, di Olivier Faye

Aggiungi alle tue selezioni

Familiare con i castelli, la caccia e il tiro, frequentatore di antiquari e grandi stilisti, questo contadino dall’elegante crocchia – che produce noci e alleva pecore nel Poitou – ama gli intrighi. Senza compromessi, facilmente fragile, è stata una pioniera nel ruolo delle donne politiche. Nel 1973, Newsweek lo descrive come “ la donna più potente di Francia ».

Leggi anche | Marie-France Garaud, in buona memoria di Jacques Chirac

Aggiungi alle tue selezioni

Quando Pompidou morì, fu il presidente ad interim della Repubblica, il centrista Alain Poher, a nominarla, il 4 maggio 1974, consigliera referendaria della Corte dei Conti. A partire da luglio, Marie-France Garaud mette gli occhi su Jacques Chirac, che spinge ad abbandonare il gollista Jacques Chaban-Delmas per sostenere la candidatura all’Eliseo di Valéry Giscard d’Estaing. Suo “piccolo pulcino” è diventato primo ministro, rifiuta di essere il suo capo di gabinetto – “Non volevo essere bardato come un cavallo” – ma è all’origine di numerosi colpi: il terremoto del 1976 quando Chirac chiuse la porta di Matignon, la fondazione della RPR, l’assalto al municipio di Parigi e, nel dicembre 1978, “l’appello di Cochin”, violenta anti -Accusa europea che il tandem ha fatto firmare al sindaco della capitale, ricoverato in ospedale dopo un incidente stradale.

Ti resta il 31,33% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

PREV Gli “intensi” combattimenti a Rafah “stanno per finire”
NEXT Costringe la Germania a esultare per il pareggio, la piccola vittoria della Svizzera a Euro 2024