Nessuna sepoltura sul terreno SAQ

Nessuna sepoltura sul terreno SAQ
Nessuna sepoltura sul terreno SAQ
-

(Montreal) I lavori sul nuovo centro di distribuzione possono riprendere, dopo che un inventario archeologico non ha individuato ossa umane nel sito.


Inserito alle 19:16

Lo ha annunciato giovedì la Société des alcools du Québec (SAQ) in un comunicato stampa.

Gli studi effettuati dalla società di consulenza archeologica Arkéos hanno rivelato che non sono state rinvenute sepolture sul terreno situato vicino all’ex ospedale di Saint-Jean-de-Dieu.

Sul sito sono state trovate ossa, ma sono più di origine animale. Secondo gli esperti archeologici consultati dall’azienda statale, l’area indagata era strettamente utilizzata per scopi agricoli, fino alla sua vendita alla SAQ.

Il cantiere è fermo dall’inizio di gennaio, su richiesta del Comitato degli Orfani Istituzionalizzati di Duplessis e Kanien’keha: ka Kahnistensera, un gruppo di attiviste indigene comunemente chiamate “Madri Mohawk”, che sospettavano la presenza di resti umani sul sito.

I lavori da 300 milioni di dollari previsti per l’espansione del centro riprenderanno la settimana del 13 maggio.

La fine di a dubbio

Il centro di distribuzione e la sede centrale della SAQ si trovano nella zona est della città, vicino al ponte-tunnel Louis-Hippolyte-La Fontaine. I lavori di ampliamento consentiranno alla SAQ di incrementare la propria offerta online fino a raggiungere 20.000 prodotti, aumentare la velocità di esecuzione in magazzino e offrire la consegna entro 24 ore.

In una lettera inviata al SAQ lo scorso gennaio, i due gruppi firmatari sospettavano che il terreno del nuovo centro fungesse da cimitero informale per i corpi non reclamati dei pazienti deceduti all’ospedale Saint-Jean-de-Dieu.

“Oltre a includere sepolture anonime di bambini, in particolare degli orfani di Duplessis, c’è una forte probabilità che anche bambini indigeni siano stati sepolti nel sito”, hanno suggerito, chiedendo alla SAQ di sospendere i lavori, tempo per mettere “precauzioni di base” a posto.

Oltre agli esperti di archeologia di Arkeos, la SAQ si è avvalsa di due bioarcheologi esterni all’azienda e di uno zooarcheologo, che hanno analizzato le ossa e i frammenti ossei in base a diversi fattori, come il colore e le dimensioni.

Anche se non sono state ritrovate ossa umane, l’ente statale ha annunciato nel suo comunicato stampa che costruirà uno spazio commemorativo in collaborazione con i due gruppi firmatari, per riconoscere la “parte dolorosa della storia” che ha potuto verificarsi in quel giorno. terra.

Secondo la SAQ, il lavoro di inventario archeologico si è svolto interamente alla presenza di osservatori rappresentanti degli orfani istituzionalizzati di Duplessis e delle Madri Mohawk.

-

PREV Sud America: l’Argentina rallenta durante un nuovo sciopero generale
NEXT “Banda di idioti ignoranti”, Élie Semoun perde la pazienza sui social contro gli studenti di Sciences Po