Guerra in Ucraina, giorno 805 | L’Ucraina si prepara alle interruzioni di corrente dopo il “massiccio” attacco

-

(Kiev) L’Ucraina ha annunciato mercoledì le restrizioni all’elettricità alla fine della giornata, dopo un nuovo “massiccio” attacco russo con droni e missili contro la sua rete energetica, che ha provocato almeno un morto e una decina di feriti.


Inserito alle 7:12

Aggiornato alle 11:28

Daria ANDRIIEVSKA

Agenzia media francese

Dall’inizio dell’anno gli impianti elettrici ucraini hanno subito diverse ondate di bombardamenti russi, che hanno causato gravi danni e interruzioni di corrente.

“Il nemico non rinuncia ai suoi piani volti a privare gli ucraini della luce. Un nuovo massiccio attacco alla nostra industria energetica”, ha scritto mercoledì su Telegram il ministro ucraino dell’Energia, German Galushchenko.

I siti di produzione e trasmissione di elettricità sono stati presi di mira nelle regioni di Poltava (est), Kirovograd (centro), Zaporizhia (sud), Lviv, Ivano-Frankivsk e Vinnytsia (ovest), ha detto.

Anche la città di Kherson, nel sud, è stata “parzialmente privata dell’elettricità” a causa di “attacchi nemici”, secondo il governatore locale.

Nel tardo pomeriggio la compagnia elettrica nazionale Ukrenergo ha comunicato che a causa dell’attacco dovrà limitare la fornitura di energia alle industrie e ai negozi tra le 18 e le 23.

“Le restrizioni saranno applicate allo stesso modo in tutte le regioni”, ha affermato l’operatore, invitando gli utenti a limitare il consumo di elettricità tra le 18:00 e le 23:00 per evitare tagli di emergenza.

Ukrenergo ha affermato che questo è il quinto attacco “massiccio” alla rete energetica dal 22 marzo.

A mezzogiorno, il Ministero dell’Energia ucraino ha affermato di aver ripristinato l’elettricità a più di 50.000 utenti temporaneamente privi di elettricità.

Da parte sua, l’esercito russo ha assicurato di aver effettuato attacchi contro la rete energetica ucraina e l’industria militare in risposta agli attacchi di Kiev contro le proprie installazioni.

“Terrore”

L’aeronautica ucraina ha affermato di aver abbattuto 39 dei 55 missili lanciati dalla Russia, nonché 20 dei 21 droni d’attacco.

Secondo la società DTEK, il più grande investitore privato nel settore energetico in Ucraina, tre centrali termoelettriche sono state “gravemente danneggiate”.

Secondo la procura locale, questi attacchi notturni hanno ucciso una donna di 65 anni in un villaggio nella regione meridionale di Kherson e ferito altre tre persone.

Una persona è rimasta ferita anche nella regione di Dnipropetrovsk (sud), due a Brovary, vicino a Kiev, almeno altre due nella capitale e un bambino di 8 anni nella regione di Kirovograd (al centro), secondo le autorità locali .

A metà giornata, un altro attacco russo ha colpito anche un campo sportivo a Kharkiv (nord-est), provocando sette feriti, tra cui quattro bambini, ha annunciato la procura locale.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha denunciato il “terrore russo” dopo questi attacchi e ha accusato il presidente russo Vladimir Putin di essere un “nazista”.

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO ANATOLII STEPANOV, AGENCE FRANCE-PRESSE

Nel villaggio di Krasylivka

Il primo ministro ucraino Denys Chmygal ha preso parte a un nuovo gruppo di lavoro governativo incaricato di preparare le imprese e le famiglie ai possibili tagli all’energia elettrica e al riscaldamento durante il prossimo autunno e inverno.

Su Telegram ha affermato che dall’invasione russa sono stati distrutti o danneggiati più di 800 impianti di riscaldamento e che il Paese ha perso fino a 8 gigawatt di produzione di elettricità.

Secondo lui, l’Ucraina avrà bisogno di circa un miliardo di dollari (1,37 miliardi di dollari canadesi) per ripristinare le sue capacità. Kiev ha già raccolto 410 milioni di euro (605 milioni di dollari canadesi) attraverso il “Fondo di sostegno per l’energia in Ucraina” e 190 milioni di dollari (260 milioni di dollari canadesi) attraverso il programma di sostegno dell’Agenzia per lo sviluppo degli Stati Uniti (USAID).

Arruolamento di detenuti

Sul fronte, Mosca ha rivendicato mercoledì la presa della città di Novokalynové, vicino ad Avdiïvka, conquistata a metà febbraio, nella regione di Donetsk (est).

Nelle ultime settimane l’esercito russo sta avanzando in questa zona, approfittando della carenza di uomini e armi delle truppe ucraine.

Per compensare queste carenze, i parlamentari ucraini hanno adottato mercoledì un testo che consente, in cambio del rilascio, di arruolare volontariamente i prigionieri nell’esercito per combattere, se hanno meno di tre anni da scontare.

Secondo la deputata Olena Chouliak, questa misura non sarà applicabile ai detenuti condannati per alcuni reati gravi – in particolare “omicidio intenzionale di più di due persone”, violenza sessuale, attacchi alla sicurezza nazionale – o colpiti da condanne “gravi” per corruzione .

Mosca ha già reclutato decine di migliaia di prigionieri dalle sue colonie penali inviati a combattere al fronte.

-

PREV Strike russo in un ipermercato in Ucraina: sale a 11 il bilancio delle vittime
NEXT In Nuova Caledonia, dopo la visita di Emmanuel Macron, i quartieri indipendentisti restano mobilitati