Lavatrice gratuita | Le speranze del canadese per il draft

Lavatrice gratuita | Le speranze del canadese per il draft
Lavatrice gratuita | Le speranze del canadese per il draft
-

Kent Hughes non sembrava un perdente martedì sera dopo la lotteria NHL. Nemmeno il co-capo reclutatore del canadese Martin Lapointe.


Inserito alle 10:37

I membri della dirigenza della squadra sembravano sollevati di mantenere la quinta scelta, ovviamente una posizione strategica per loro. E questo posto non è stato acquisito. Il CH aveva il 17,3% di possibilità di vincere uno dei primi due lotti, ma soprattutto il 58,2% di perdere una o due posizioni.

A giudicare dal linguaggio del corpo del GM dei Canadiens, sembravamo convinti di poter mettere le mani sul prospect preso di mira al quinto posto.

Hughes ha detto poco e molto durante la conferenza stampa di martedì. Procediamo per eliminazione per cercare di individuare gli obiettivi della squadra.

“Con un talento più o meno uguale, sceglieremmo un attaccante”, ha detto Kent Hughes. Non dobbiamo assolutamente privilegiare l’attaccante a discapito del difensore, ma abbiamo già molta profondità in difesa, soprattutto a sinistra. Quindi l’idea di aggiungere sei migliori attaccanti alla nostra organizzazione è interessante. Ma potrebbe anche essere un difensore destro se è il miglior giocatore disponibile nel nostro ranking. »

Riassumendo brevemente le dichiarazioni del direttore generale del canadese, che non ha l’abitudine di ingannare i giornalisti, possiamo quindi escludere i difensori mancini Zeev Buium, Sam Dickinson e Anton Silayev.

A quale difensore destro si riferiva Hughes? Senza ombra di dubbio Artyom Levshunov, già esiliato dalla Russia per due anni, 1,80, 209 libbre, 35 punti in 39 partite nella sua prima stagione al Michigan State, in NCAA. Ma a meno di grandi sorprese, non sarà disponibile al quinto posto.

Un altro difensore destro, Zayne Parekh, sta facendo girare la testa per i suoi 96 punti, inclusi 33 gol, in sole 66 partite con Saginaw nella Ontario Junior League, ma le sue carenze difensive sono preoccupanti.

Arrivano gli aggressori. Il russo Ivan Demidov è probabilmente il più talentuoso dopo il consenso di Macklin Celebrini, il cui cognome è probabilmente già ricamato sul retro della maglia vincitrice della lotteria dei San Jose Sharks.

I Chicago Blackhawks, detentori della seconda scelta, potrebbero quindi mettere gli occhi su Demidov, 5 piedi e 11 pollici per 168 libbre, scandalosamente dominante nel circuito junior russo con 60 punti in 30 partite e sotto contratto solo per un’ulteriore stagione. Demidov sarebbe un buon partner di linea per il centro Connor Bedard. Ma Chicago potrebbe anche rivolgersi al difensore destro Levshunov.

Gli Anaheim Ducks sono terzi al draft. I club generalmente ci dicono che sceglieranno il miglior giocatore disponibile e non sceglieranno in base alle esigenze dell’organizzazione, ma il passato spesso ci dimostra il contrario: si contorcono per aggirare i loro nobili principi.

Anaheim è ben fornito di centri, con Mason McTavish e Leo Carlsson, e non mancano gli attaccanti che possono ricoprire questa posizione con Cutter Gauthier e Trevor Zegras. In difesa, Pavel Mintyukov, mancino, è già una stella nascente. Dietro di lui, Olen Zellweger, un piccolo difensore offensivo, è sulla buona strada per affermarsi nella NHL.

A destra nei progetti a lungo termine c’è Tristan Luneau. Jamie Drysdale è stato ceduto ai Flyers per ottenere Gauthier. Il GM dei Ducks Pat Verbeek ha recentemente detto che stava cercando un ottimo difensore destro e un attaccante destro. Se Demidov verrà scelto da Chicago, è difficile vedere i Ducks voltare le spalle a Levshunov, il miglior difensore a disposizione agli occhi di molti.

Rimarrebbe un club da arruolare prima del CH, i Columbus Blue Jackets. Qui il mistero persiste. Columbus non ha ancora un direttore generale. Per il momento, Ville Siren è sopravvissuta al licenziamento del suo complice, l’estromesso direttore generale Jarmo Kekalainen. L’ex capo reclutatore dei Canadien, Trevor Timmins, è il suo vice.

Hughes e la dirigenza canadese, immaginiamo, vorrebbero vedere Columbus rivolgersi a un difensore. Le giacche blu sembrano a loro agio con i loro centri a posto. Adam Fantilli, la terza scelta assoluta del 2023, è già numero uno a 19 anni. Cole Sillinger sta progredendo bene. Aveva 32 punti l’anno scorso alla sua terza stagione, a 20 anni. Il capitano Boone Jenner, 30 anni, è sotto contratto per altre due stagioni. Gavin Brindley ha appena segnato 53 punti in 40 partite all’Università del Michigan. C’è anche Luca Del Bel Belluz e Luca Pinelli.

In difesa Zach Werenski, mancino, è il numero uno indiscusso e ha solo 26 anni. Denton Mateychuk, anche lui mancino, prima scelta, dodicesimo assoluto, nel 2022, ha appena disputato una grande stagione offensiva nella Western Junior League. David Jiricek, la sesta scelta assoluta nel 2022, è il grande potenziale cliente sulla destra. Columbus potrebbe aumentare le sue prospettive nella difesa e il CH probabilmente lo indovina.

Se le cose andassero come previsto al vertice, Cayden Lindstrom, Tij Iginla e Beckett Sennecke sarebbero quindi ancora disponibili. Lindstrom si adatta al profilo che l’organizzazione sta cercando. Questo centro mancino è già alto 6 piedi e 4 e pesa 215 libbre. Ha accumulato 46 punti, di cui 27 gol, in 32 partite a Medicine Hat, nella Western Junior League, in una stagione segnata da diversi infortuni.

Con diversi attaccanti sotto il metro e ottanta nella formazione attuale, Cole Caufield, Nick Suzuki, Alex Newhook, Montreal non eviterebbe l’arrivo di un forte attaccante per ingrossare le fila in compagnia di Kirby Dach e Juraj Slafkovsky, tra gli altri.

Ci sono alcuni punti interrogativi che circondano Lindstrom. Ha giocato poco nella seconda metà della stagione a causa di infortuni. Non aveva una bella figura nei playoff, ma probabilmente non era in buona salute. Successivamente ha saltato il Campionato del Mondo Under 18. Ma il potenziale è innegabile.

Ripartito proporzionalmente su un’intera stagione di 68 partite, Lindstrom avrebbe accumulato 98 punti. È enorme per un centro di 6 piedi e 4 con mani del genere nel suo anno idoneo al draft (ha compiuto 18 anni a febbraio).

Iginla, figlio dell’ex capitano dei Calgary Flames Jarome, sarebbe un interessante piano B. Questo attaccante alto un metro e ottanta e pesa 186 libbre ha segnato 47 gol a Kelowna, nella Western Junior League. Tifosi di Cole Eiserman, a rischio di deludervi, le possibilità di vederlo finire a Montreal sono quasi pari a zero.

Ottawa manterrà la sua scelta

Al termine della lotteria non vi è stato alcun movimento in classifica. Gli Ottawa Senators mantengono il settimo posto. Non sorprende che manterranno la loro scelta. Per chi se ne fosse dimenticato, i senatori dovranno rinunciare alla scelta del primo turno nel 2024, 2025 o 2026 per la loro mancanza di trasparenza nel dossier contrattuale di Evgenii Dadonov.

Aveva una clausola di divieto di scambio parziale che non fu rivelata ai Golden Knights durante una transazione tra Las Vegas e Ottawa. Due anni dopo, Dadonov invocò questa clausola segreta per interrompere uno scambio dai Golden Knights agli Anaheim Ducks.

Ovviamente vogliamo vedere i Senatori risalire la classifica nelle prossime due stagioni per non sacrificare una delle migliori scelte. Questa organizzazione non ha draftato al primo turno nelle ultime due annate e la prima scelta del 2021, decima assoluta, Tyler Boucher, non annuncia nulla di interessante.

-

PREV la nostra decrittazione con un esperto
NEXT Zelenskyj rivendica “risultati tangibili” nella regione di Kharkiv