Il numero di studenti che svapano nei CEGEP e nelle università è molto alto, ma perché?

Il numero di studenti che svapano nei CEGEP e nelle università è molto alto, ma perché?
Il numero di studenti che svapano nei CEGEP e nelle università è molto alto, ma perché?
-

Nei CEGEP e nelle università, sempre più studenti svapano. È tra i giovani di età compresa tra i 20 e i 24 anni che il numero di utenti di prodotti da svapo sta aumentando più rapidamente in Canada. Uno dei motivi per cui questi giovani adulti svapano: ridurre lo stress.

Nel suo documento intitolato Ritratto del consumo di sostanze psicoattive tra gli studenti universitari e universitari, 2019-2020, l’INSPQ ha rivelato che il 17% delle persone che frequentano un istituto di istruzione superiore in Canada aveva utilizzato prodotti per lo svapo nei 30 giorni precedenti. Questi risultati sono confrontabili con quelli ottenuti tra i 20 e i 24 anni nell’ambito del Canadian Tobacco and Nicotine Survey (CTNS) nel 2022. Anche la percentuale di giovani adulti che svapano è in aumento in questa fascia di età (+ 4% tra il 2020 e il 2022) , il che preoccupa molti.

Studenti universitari e dipendenti e stressati

L’ECTN fornisce alcune risposte sui motivi che spingono i giovani adulti a svapare. Mentre un quarto di loro (24,9%) ha affermato di utilizzare le sigarette elettroniche per piacere, un terzo (33%) ha affermato di utilizzarle per ridurre lo stress.

Secondo la credenza popolare, la nicotina aiuta le persone che fumano o svapano a controllare lo stress. Sarebbe però piuttosto il contrario: porterebbe nell’individuo uno stato di mancanza che ne è la causa. Quando questa persona consuma nuovamente nicotina attraverso una sigaretta, elettronica o meno, il suo stress diminuisce rapidamente. Si instaura quindi il circolo vizioso della dipendenza, rafforzando così l’idea che la nicotina allevia lo stress.

Uno studio pubblicato nel 2018 sulla rivista Psichiatria molecolare è andato ancora oltre dimostrando che, nei topi, l’esposizione alla nicotina aumenta la suscettibilità allo stress e costituisce un fattore di rischio per lo sviluppo di disturbi correlati. Attivando alcuni neuroni del cervello associati alla vigilanza, all’attenzione e alla ricompensa, la nicotina fornisce una sensazione di benessere che riduce lo stress della persona che fuma o svapa.

Questi risultati si riflettono anche nel rapporto INSPQ. Quest’ultimo ha rivelato che la percentuale di consumatori di sigarette elettroniche nei college e nei campus universitari tende ad aumentare con il peggioramento della salute mentale.

Aiutare gli studenti a superare la dipendenza dalla nicotina

Sbarazzarsi delle sigarette elettroniche è un modo per ridurre lo stress associato alla dipendenza e all’astinenza da nicotina. Smettendo di svapare, gli studenti stanno mettendo dalla loro parte tutte le possibilità di migliorare la propria salute mentale.

Una revisione Cochrane ha anche dimostrato gli effetti positivi della cessazione del fumo sulla salute mentale. L’analisi ha mostrato che le persone che hanno smesso di fumare hanno riscontrato una maggiore riduzione dello stress, dell’ansia e dei sintomi depressivi rispetto a coloro che continuavano a fumare. Si sentivano anche più ottimisti e riferivano di provare un maggiore benessere mentale.

Tuttavia, liberarsi da una dipendenza può essere difficile. In questo contesto, i college e i campus universitari possono aiutare i propri studenti a smettere di fumare elettronicamente in diversi modi.

Dal novembre 2017, il Ministero della sanità e dei servizi sociali del Quebec ha richiesto agli istituti di istruzione superiore di adottare una politica antifumo. Oltre a incoraggiare la creazione di ambienti e ambienti di vita privi di fumo, questa politica deve promuovere il non fumo e incoraggiare la cessazione del fumo tra studenti, insegnanti e personale. Concretamente, la politica dell’istituto potrebbe, ad esempio, fornire sostegno alle persone che desiderano smettere di svapare e distribuire un elenco di risorse per aiutare a smettere di fumare e svapare.

L’attuazione delle politiche antifumo da parte degli istituti di istruzione superiore del Quebec ha richiesto tempo. Tuttavia, al 31 marzo 2020, quasi tutte le università pubbliche e i CEGEP (66/68) hanno vietato le sigarette e lo svapo sul proprio territorio (questa proporzione scende a 82/151 se si includono le università private e governative). A livello nazionale, la Canadian Cancer Society ha riferito nel 2022 che almeno 95 università e college erano ora al 100% senza fumo.

Nell’ambito della loro politica anti-tabacco, diversi istituti di istruzione superiore hanno anche introdotto misure per sostenere gli studenti nei loro sforzi per smettere di fumare o svapare, ad esempio indirizzandoli a risorse esterne per smettere di fumare. Considerando l’aumento del numero di studenti che svapano nei campus, la dipendenza multifattoriale dalla nicotina e i numerosi tentativi, spesso inevitabili, di smettere di fumare, queste varie misure antitabacco attuate dai CEGEP e dalle università del paese costituiscono un primo passo verso un’inversione di tendenza.

Katia Vermette, ed. ha.

-

PREV Meater2 Plus | Capace di sopportarlo, calore
NEXT Sempre più colori scuri nel guardaroba degli svizzeri