Elezioni legislative 2024 in Dordogna: una decina di badanti del Périgord chiedono di bloccare l’estrema destra

Elezioni legislative 2024 in Dordogna: una decina di badanti del Périgord chiedono di bloccare l’estrema destra
Elezioni legislative 2024 in Dordogna: una decina di badanti del Périgord chiedono di bloccare l’estrema destra
-

Una decina di operatori sanitari del Périgord si stanno mobilitando contro l’estrema destra. Una settimana prima del primo turno delle elezioni legislative, medici, infermieri, dentisti, di Périgueux, Ribérac, Saint-Médard-de-Mussidan o anche Champcevinelhanno firmato un articolo pubblicato sabato sul blog Mediapart.

3.600 operatori sanitari da tutta la Francia scrivono che l’arrivo dell’estrema destra al potere “peggiorerebbe lo stato di un sistema sanitario e di supporto medico-sociale indebolito già da molti anni”. Questi badanti chiamata a votare per il Nuovo Fronte Popolare : “Votare per i partiti di sinistra significa scegliere di preservare l’accesso universale a cure di qualità per tutti, e agire così per la stabilità e la pace sociale nel nostro Paese”.

“Metterebbe a rischio la salute di tutti”

I firmatari temono che si applichi l’estrema destra “una politica xenofoba o discriminatoria che porta alla soppressione dei diritti sociali e sanitari basati su criteri di origine o nazionalità”Che cosa “metterebbe in pericolo la salute pubblica e quindi potenzialmente la salute di tutti”.

Gli operatori sanitari denunciano anche i programmi anti-immigrazione del Raggruppamento Nazionale e dei suoi alleati. Temono che gli operatori sanitari provenienti da un contesto di immigrazione non possano più esercitare in Francia. “Privarsi di queste preziose competenze e contributi, in professioni essenziali e difficili, non farebbe altro che peggiorare le disfunzioni e le carenze del nostro sistema sanitario e medico-sociale”affermano i firmatari della piattaforma.

-

PREV Assemblea: l’ecologista Cyrielle Chatelain candidata “possibile” al trespolo: Notizie
NEXT Il diritto di manifestare diminuisce ovunque, anche in Svizzera