Moïse Bombito del Quebec, preso di mira da attacchi razzisti

-

(Atlanta) Il quebecchese Moïse Bombito è stato bersaglio di attacchi razzisti sui social network da parte dei tifosi argentini dopo la partita dell’Albiceleste contro il Canada giovedì sera.


Pubblicato alle 10:10

Aggiornato alle 13:50

All’origine di questo odio – parliamo della parola N, foto di scimmie – un placcaggio su Lionel Messi, nell’82e minuto della prima partita della Copa América, giocata ad Atlanta.

Bombito ha toccato per primo la palla, mandandola lontano dalla portata dell’argentino, prima di entrare in contatto con lui. Messi prosegue l’azione, poi resta a terra per qualche istante dopo la successiva parata di Maxime Crépeau. Ha terminato la partita senza problemi apparenti e non sono stati fischiati falli durante il gioco.

Canada Soccer ha denunciato gli attacchi contro il suo giocatore, pubblicando nella notte un comunicato stampa.

“Canada Soccer è consapevole ed è profondamente turbato dai commenti razzisti fatti online e diretti verso uno dei giocatori della nostra nazionale maschile [à la suite du] la partita di stasera. Siamo in contatto con CONCACAF e CONMEBOL su questo argomento. »

Per fugare ogni dubbio sull’identità di questo giocatore, Bombito ha inviato questo conciso messaggio storia dal suo account Instagram: “Il mio bellissimo Canada. Non c’è spazio per questa merda [no room for that BS]. »

IMMAGINE DELLO SCHERMO

storia tratto dall’account Instagram di Moïse Bombito

La CONCACAF ha inoltre confermato di “unirsi” a Canada Soccer per “condannare i messaggi di odio pubblicati sui social network contro Moïse Bombito”.

“Il razzismo non ha posto nel nostro sport o nella società”, aggiunge la confederazione, che afferma di “lavorare” con CONMEBOL e FIFA per “trovare modi per indagare sui resoconti” che creano “materiale razzista”.

Bombito, difensore centrale, sta vivendo gli inizi della sua carriera internazionale, mentre sta sbocciando sia con il Canada che con i Colorado Rapids, in MLS. Alcune voci lo mandano già in Europa, se continuerà a fare buone prestazioni per la foglia d’acero, soprattutto in questa Copa.

A 24 anni, dopo un tortuoso percorso verso i professionisti, eccolo, uomo di fiducia di coach Jesse Marsch in difesa, e giovedì sera contro i campioni del mondo non ha fatto una bella figura.

Terreno “inadatto”.

Vi avevamo parlato all’inizio di questa settimana del campo naturale installato in tutta fretta sopra il solito sintetico al Mercedes-Benz Stadium dopo la partita della MLS di sabato scorso. Mercoledì, alla vigilia della sfida Argentina-Canada, le due squadre avrebbero dovuto prendere confidenza con il campo. Ma l’attività è stata annullata, probabilmente per tutelare il più possibile la superficie.

Risultato: la prima volta che i giocatori hanno potuto testare il campo è stato durante il riscaldamento pre-partita. Dopo la partita, entrambe le squadre sono state critiche nei confronti della superficie di gioco.

“Il campo è stato un disastro”, ha detto Emiliano Martinez, commento riportato dall’Associated Press. Sembrava un trampolino di lancio, con una palla che rimbalzava. Devono correggere la situazione. Altrimenti la Copa América sarà sempre a un livello inferiore rispetto all’Euro. »

“Siamo stati fortunati a vincere”, ha aggiunto il tecnico dell’Argentina Lionel Scaloni. Altrimenti sarebbe stata una pessima scusa. […] Sapevano da sette mesi che avremmo giocato qui e hanno installato la superficie pochi giorni fa. Non è una scusa, ma non era una buona proposta. Non era adatto a questi giocatori. »

Anche in Canada ce ne siamo lamentati.

“Sembrava come se stessimo camminando su un palco, come se fosse vuoto”, ha detto il difensore Kamal Miller.

Crépeau “è diventato un uomo”

FOTO DALE ZANINE, USA TODAY SPORTS, FORNITA DA REUTERS

Lionel Messi tenta di contrastare il portiere Maxime Crépeau.

Giovedì sera si è parlato molto della genialità di Maxime Crépeau. Ma c’è una citazione di Jesse Marsch che non è stata inserita nel nostro resoconto della partita. I tifosi del CF Montreal probabilmente saranno interessati.

Abbiamo chiesto all’allenatore quali sono le ultime prestazioni del suo portiere, due anni dopo la frattura della gamba nella finale della Coppa MLS. Ma Marsch ci porta ancora oltre.

“Conosco bene Max”, ha detto in una conferenza stampa. Ero con il Montreal Impact quando firmò il suo primo contratto da professionista a 18 anni. Era un ragazzo maturo, aveva 18 anni. »

Dopo aver verificato, le date non coincidono perfettamente: Marsch ha lasciato il club nel novembre 2012, e Crépeau ha firmato il suo accordo nel marzo 2013. Ma capiamo che abbia avuto un ruolo nel suo percorso verso il patto.

«E adesso ha 30 anni, una famiglia, dei figli», continua l’americano. E puoi vedere che è diventato un uomo. Anche dopo la prima conversazione che ho avuto con lui, sono stato felice di notare quanto fosse cresciuto. Attraverso tutte le sfide che le persone affrontano, la chiave è emergere più forti. »

E pensare che Rémi Garde e l’Impact si sono sbarazzati di Maxime Crépeau, giocatore formatosi nel club dal potenziale ben lungi dall’essere raggiunto, per la magra cifra di 50.000 dollari di stanziamento mirato.

“Stiamo crescendo”

Con tutto ciò, nonostante le prestazioni incoraggianti, sono ancora tre partite senza gol con Jesse Marsch. Ma il tecnico non si preoccupa troppo, dice, per le opportunità che la sua squadra crea.

Giovedì Davies, Eustáquio, David e Larin avevano tutti la palla in buona posizione, non riuscendo né a raggiungere la porta né a contrastare l’ottimo Emiliano Martinez davanti alla porta argentina.

Ingresso di Jacob Shaffelburg a 59eal posto di Tajon Buchanan, poco decisivo sulla fascia destra, d’altra parte, secondo l’allenatore, “ha mosso l’ago” offensivo per il Canada.

“So che col tempo, quando avremo occasioni di questa qualità, finiremo per segnare abbastanza gol. Abbiamo abbastanza talento in campo per questo. Dobbiamo invece concentrarci sui dettagli, essere più precisi, più puliti tatticamente e non offrire occasioni così facili [à l’adversaire].

E Marsch ha aggiunto: “Siamo ancora una squadra giovane in fase di sviluppo e vogliamo essere sicuri di imparare dai nostri errori, evitando di essere ingenui. Cresciamo. »

Ultima nota, in chiusura. Per chi se lo chiedesse, giovedì sera è stato il capitano canadese Alphonso Davies a scambiare la maglia con Lionel Messi. Bel pezzo da collezione, comunque.

-

NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France