Razzismo, minacce, misoginia: in classe si tollera un vero e proprio “clima di paura”.

-

Minacce, gesti violenti, commenti razzisti, parole misogine e fatofobiche fanno parte di ciò che è stato tollerato dall’inizio del 2024 in una classe del Centre Polymétier di Rouyn-Noranda. Uno studente con precedenti penali gravi ha creato un vero e proprio clima di terrore all’interno della sua classe. Tuttavia, nonostante le numerose denunce, non è mai stato sospeso dalla direzione e ha potuto continuare la sua formazione. Conclusione: questi sono altri studenti che hanno finalmente deciso di abbandonare gli studi.

Non metterò mai più piede in questa struttura in vita mia, ci racconta Audrey Pelletier, una delle studentesse che hanno abbandonato il corso al Centre Polymétier di Rouyn-Noranda. Dice di aver lasciato lo stabilimento perché altro che un clima di paura e intimidazione lì regnò.

Uno studente in particolare è fonte di preoccupazione per molti.

Dall’inizio dell’anno scolastico, lo studente in questione si presenta apertamente come un mascolinista del Quebec. È un movimento che afferma che gli uomini sono cattivi e le donne sono un ostacolo allo sviluppo personale. Sulla pagina Facebook del gruppo studentesco Rouyn-Noranda, condivide regolarmente articoli su Andrew Tate, un influencer che si batte attivamente per questo movimento.

AVVERTIMENTO :

I seguenti commenti potrebbero scioccare alcune persone. Preferiamo avvisarvi.

Informata da una studentessa del disagio che prova riguardo a queste pubblicazioni, risponde: Le donne purtroppo sono il punto debole dell’uomo nella vita. Non intendo avviare un dibattito e rispetto l’opinione di tutti, ma quando non hai distrazioni nella vita vai avanti più velocemente.

Il disagio si tradurrà rapidamente in classe poiché lo studente fa regolarmente commenti misogini e razzisti davanti a tutti.

Joanie*, una studentessa che ha richiesto l’anonimato perché teme ritorsioni da parte di questo studente e dell’amministrazione, ha notato numerosi esempi di ciò che questo studente ha detto in classe. Questi commenti sono stati confermati da altri tre studenti con i quali abbiamo potuto parlare.

Esempi di commenti fatti in classe:

  • Yule. Ti odio così tanto, mio ​​tabarnak”,”testo”:”Ti spacco l’occhio. Ti odio così tanto, mio ​​tabarnak”}}”>Ti spacco la pelle occhio. Ti odio così tanto, mio ​​Tabarnak;
  • Togliti dalla mia faccia prima che ti schiacci;
  • Estie de femmine;
  • Ebbene sì, non ci interessaquando un professore ha sottolineato la Giornata internazionale della donna;
  • Era la festa del grasso, quella;
  • Estie d’Inuit;
  • Sentiti pazzo;
  • Le ragazze non hanno posto qui.

Secondo quanto riferito, lo studente in questione faceva regolarmente gesti di rabbia, compreso colpire l’attrezzatura.

Apri in modalità a schermo intero

La direzione del centro Polymétier afferma di aver preso delle misure, ma non dice altro.

Foto: Radio-Canada / Jean-Marc Belzile

: “Dall’estie mongolo”, lui vargait come un malato in classe e il professore non ha detto niente”,”testo”:”Una volta mi sono opposto a lui e mi ha chiamato: “Sei un mongolo”, girovagava come un malato in classe e l’insegnante non ha detto niente”}}”>Una volta gli ho tenuto testa e lui mi ha chiamato: “Dannato mongolo”, lui vargait come se una persona malata in classe e l’insegnante non dicesse nulla, ci racconta Sandra Belaskie, anche lei parte del gruppo di studenti. Deplora che giovani di età inferiore ai 18 anni siano stati testimoni di questa situazione.

Sandra Belaskie crede che anche gli insegnanti avessero paura di lui.

Era tutto incentrato su tutti, è diventato rapidamente un ambiente molto teso, era molto stressante e a volte gli insegnanti si sentivano a disagio nel fare qualsiasi cosa perché in questa classe siamo tutti adulti e c’è qualcuno che minaccia, anche lui adulto, gli insegnanti erano hanno paura di se stessiaggiunge Audrey Pelletier.

Minacce in classe

All’inizio di marzo la situazione peggiorerà ulteriormente.

Ha minacciato un altro studente dicendogli che gli avrebbe fatto saltare i denti e gli avrebbe spaccato la faccia. Eravamo a scuola nel fine settimana, quindi non erano presenti altre autorità nell’istituto. Metà della classe ha deciso di andarsene e di non tornare, data l’intensità dell’atmosfera e la mancanza di interventoci spiega Joanie.

Non ho mai subito così tanti abusi verbali in tutta la mia vitaspiega un altro studente, che ha chiesto l’anonimato per paura di ritorsioni.

Ha anche minacciato di morte, dicendo: “Ho ucciso prima e non ho paura di farlo di nuovo”. Afferma anche che non ha finito con la persona che ha minacciato, è stato abbastanza violento alle mie orecchie.

Una citazione da Joanie*uno studente che ha chiesto l’anonimato

Lo studente in questione ha gravi trascorsi criminali e ha numerosi precedenti penali. In precedenza si era dichiarato colpevole di omicidio colposo, reato per il quale era stato condannato a cinque anni di carcere.

Apri in modalità a schermo intero

Numerosi manifesti contro il bullismo sono visibili al Centre Polymétier di Rouyn-Noranda.

Foto per gentile concessione

Da allora ha sommato le condanne. Rapina, sequestro di persona, molestie criminali, numerosi furti ed effrazioni, falsificazione di prove, ostruzione a funzionari pubblici o agenti di pace, possesso di armi proibite rientrano nella sua fedina penale.

Uno degli studenti venne anche a conoscenza del passato criminale dell’uomo, cosa che causò ancora più preoccupazione nella classe.

Dopo aver visto la sua fedina penale, ti direi che è stato davvero spaventosodice Audrey Pelletier.

Forse non sta scherzando, forse non è solo un sentito dire se vuoi, quando dice che vuole essere violento con noi, quindi sì eravamo preoccupati, ecco perché anche noi non eravamo a nostro agio ad andare alla polizia, avevamo paura, perché siamo stati obbligati a fornire il nostro nome per presentare un reclamoaggiunge Joanie.

gli insegnanti ne avevano paura. Non hanno nemmeno osato dire nulla. Era lui a guidare la classe, ce n’è voluto 1mese. Manipolava tutti”,”testo”:”I due insegnanti avevano paura di lui. Non hanno nemmeno osato dire nulla. Era lui a guidare la classe, ci è voluto 1 mese. Ha manipolato tutti”}}”>I due insegnanti ne avevano paura. Non hanno nemmeno osato dire nulla. Era lui a guidare la classe, ci è voluto un mese. Ha manipolato tuttiaggiunge Sandra Belaskie.

Tre studenti ci hanno detto che anche il vicepreside della scuola è stato preso di mira da questo studente.

Sandra Belaskie ha detto di aver incontrato la Sûreté du Québec, che le ha detto di passare attraverso la direzione della scuola.

Presentate numerose denunce

Dopo gli avvenimenti di marzo, almeno sei studenti hanno presentato diverse denunce.

Hanno incontrato il vicedirettore Yvan Gauthier, la direttrice del Polymétier Marie-Pierre Godbout e la direttrice generale del Centro Servizi Scolastici Rouyn-Noranda Anne-Frédérique Karsenti.

In un’intervista, il direttore generale della scuola ha assicurato di aver preso sul serio la situazione.

Il mio assistente ha subito incontrato gli studenti, ha verificato i fatti, cosa era successo e abbiamo intrapreso una prima serie di azionispiega, ma precisa che non può dire di più per motivi di riservatezza.

La direttrice del Polymétier Marie-Pierre Godbout in attesa di farsi fotografare.

Apri in modalità a schermo intero

La direttrice del Polymétier, Marie-Pierre Godbout, assicura di aver preso sul serio la situazione.

Foto: Radio-Canada / Jean-Marc Belzile

Ciò che penso possa essere inquietante è che forse ci saremmo aspettati sanzioni più severe da parte nostra, ma d’altra parte abbiamo una gradazione di sanzioni da rispettare, obblighi, quindi abbiamo fatto i primi passi dell’intervento.

Una citazione da Marie-Pierre Godbout, direttrice del Polymétier

Lo studente in questione è rimasto in classe dopo, cosa che ha di fatto disturbato molti altri studenti.

scherzi per loro”,”text”:”Quelli che erano preoccupati si prendevano solo gioco dicendo che avevano avuto delle lamentele e che per loro eravamo degli scherzi”}}”>Coloro che erano preoccupati si sono limitati a prenderlo in giro dicendo che loro avevano avuto delle denunce e noi sì battute per lorodice Audrey Pelletier.

marciare e continuare, per dare una possibilità al corridore, per permettere alla gente di recuperare”,”testo”:”La direzione ci ha chiesto di agire come se nulla fosse successo il 3 marzo e di continuare, per dare una possibilità al corridore, per permettere alle persone di aggiornarsi”}}”>La direzione ci ha chiesto di fare come se nulla fosse successo il 3 marzo e di continuare, per dare una possibilità al corridore, per permettere alla gente di recuperarespecifica Joanie.

Il ragazzo è un misogino, chiama le donne per nome e [fait des remarques racistes]minaccia apertamente le persone e noi lo trattiamo come un caso di bullismo nella piccola scuolaaggiunge uno degli studenti del corso.

Una questione di soldi?

Quando me ne sono andato, ho incontrato il regista. Mi ha detto che era una questione di soldi perché avevano i sussidi statali, non volevano licenziare i giovani per poter essere pagati, questo mi rivela la verità perché non volevano prendere misure disciplinari avanzateci racconta Audrey Pelletier, che non è l’unica studentessa a menzionare di aver ricevuto questo argomento dal vicedirettore.

Argomentazione smentita dalla dirigenza che assicura che l’uomo sarebbe stato sospeso se la conseguenza fosse stata necessaria. Alla fine negli ultimi giorni gli sono state trasferite le lezioni, ma non è mai stato sospeso.

Niente ci portava a credere in quel momento che esistesse la probabilità di una minaccia imminente che richiedesse il completamento dell’addestramento. Quando giudicheremo che è opportuno, potremo farlo, lo abbiamo fatto in altre situazioni in cui temevamo per l’incolumità degli studentiassicura Marie-Pierre Godbout.

Ci ha causato molta ansia e stress nel cercare di trovare soluzioni da soli, nel sentirci sicuri venendo a scuola ogni giorno circondati da violenza o discriminazioneconclude Joanie, che non riesce a credere a tutto ciò che è stato tollerato in questa classe.

*Nome fittizio

-

PREV Gioco di fuga a Caen: quest’estate, fuggi dalle segrete dell’Abbaye-aux-Dames, a partire da mercoledì!
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France