Parigi: dai bordelli ai coworking di tendenza, la Porte de Clichy tra gentrificazione e sanificazione

Parigi: dai bordelli ai coworking di tendenza, la Porte de Clichy tra gentrificazione e sanificazione
Parigi: dai bordelli ai coworking di tendenza, la Porte de Clichy tra gentrificazione e sanificazione
-

Di

Antonio Blanchet

pubblicato su

17 giugno 2024 alle 6:04

Vedi le mie notizie
Segui le notizie di Parigi

È un edificio gigantesco che si è alzato gradualmente da terra Porta Clichy, a Parigi (17). Nel 2018, ha aperto i battenti il ​​nuovo tribunale giudiziario, e ha innescato un rinnovamento economico in un quartiere noto per essere popolare. A questo arrivo si aggiunge quello della linea 14 della metropolitana nel 2021. Si può parlare oggi di un quartiere signorile?

Industrie e prostituzione

Anche alla fine del secolo Porte de Clichy era una zona molto industriale. La SNCF vi disponeva di un deposito abbastanza grande e gli alloggi dei lavoratori erano molto presenti. Esisteva anche una fabbrica metallurgica fino alla sua chiusura negli anni ’70.

Una cosa è certa, il quartiere è cambiato notevolmente in circa dieci anni. “Quando sono arrivato, era un quartiere molto operaio. Là la prostituzione era molto presente, fino alla porta della Cappella. In rue Fragonard, dove mi sono trasferita, diversi anni fa c’era un bordello! », descrive Jean-Philippe, presente nel quartiere dal 1990.

L’apertura del Martin Luther King Park

Non godendo di un’ottima reputazione, il quartiere vivrà comunque esperienza negli anni 2000 grandi trasformazioni. Il primo nel 2007: la creazione del Martin-Luther-King Park. Quest’ultimo, situato in rue Cardinet a sud e in boulevard Berthier a nord, è uno spazio che originariamente doveva essere sviluppato come potenziale villaggio olimpico durante la candidatura della Francia ai Giochi del 2012.

Mentre la fiamma alla fine si spostò a Londra, lo spazio divenne il Martin Luther King Park, circondato da condomini. “Ho apprezzato il lato popolare del quartiere, che è scomparso, ma bisogna riconoscere che il parco è molto piacevole. Anche se il lavoro è stato lungo, camminare lì è un vero vantaggio“, stima Géraldine, che vive nel quartiere da una ventina di anni.

Video: attualmente su Actu

La corte, fucina economica

Dopo la vegetazione, il cemento. Nel 2018 è stato completato il nuovo tribunale giudiziario di Parigi. Firmato Renzo Piano, la gigantesca torre porta ulteriore attività. Per riempire lo stomaco dei magistrati, ma anche degli agenti di polizia i cui locali si stanno trasferendo accanto al nuovo tribunale, stanno aprendo diversi ristoranti. I negozi di alimentari continuano ad apparire nel quartiere e nei dintorni di Clichy (Hauts-de-Seine). Uno stabilimento da 130 posti, Le Palais, ha aperto di recente vicino al tribunale.

Per rafforzare questa rinnovata attrattiva, trasporto pubblico sono cresciuti notevolmente. Il tram è quindi arrivato contemporaneamente al tribunale. Ed è quindi comparsa la nuova fermata della recente linea 14. Un sollievo per residenti e lavoratori della zona. “Riconosco che è una benedizione, quando conosciamo le qualità della linea 13 che era l’unica linea del quartiere…”, sorride Géraldine.

“C’è stato un miglioramento del quartiere”

Da allora, le gru funzionano a tutta velocità. L’estate scorsa, l’azienda OVH ha aperto un nuovo edificio per uffici nella zona. Delle spazi di coworking quelli alla moda stanno gradualmente emergendo. Accanto a questi uffici vengono realizzati anche spazi di relax e intrattenimento. Nel giugno 2023, il sindaco (LR) del distretto, Geoffroy Boulard, ha inaugurato Costruzione del flusso. Il complesso offre un tetto, microbirrifici e un business hotel.

Ovviamente, questo afflusso di imprese ha avuto un impatto sui residenti del quartiere. “È innegabile, c’è stato un miglioramento del quartiere. Anche i prezzi sono aumentati notevolmente”, spiega Jean-Philippe.

“Già quando è stata annunciata la costruzione del tribunale e della metropolitana, il mercato immobiliare ha registrato una crescita. Successivamente, molte persone che lavoravano nella città giudiziaria si sono rese conto che era bello vivere nel quartiere, il che ha creato un nuovo aumento dei prezzi”, ci spiega l’agenzia immobiliare Laforêt del 17° arrondissement.


“Ho l’impressione che sia tutto igienizzato”

L’ex quartiere operaio, un po’ appartato, è quindi diventato nel giro di pochi anni il nuovo cuore economico della capitale. Un cambiamento positivo per alcuni, ma venato di amarezza per altri. ” Ci sono stati una sorta di pulizia forzata, con l’aggiunta di importanti opere concrete. I nuovi uffici sono completamente vuoti. Mi sento come se tutto fosse igienizzato. Ammetto di rimpiangere prima il lato più spontaneo del quartiere”, dice Jean-Philippe.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

-

PREV I vigili del fuoco intervengono 30 volte per un violento temporale a Vienne – Angers Info
NEXT L’impasse del Nuovo Fronte Popolare rispetto al Labour britannico