Gennevilliers: prima mobilitazione XXL contro il gigantesco progetto del magazzino Green Dock

-

Il nome stesso del progetto è per i suoi detrattori il simbolo assoluto del “greenwashing”, ovvero del fatto di spacciare per virtuosa ed ecologica un’azione che non lo è. Il progetto in questione è Green Dock, questo gigantesco magazzino di 90.000 m2 la cui costruzione è prevista sulla strada numero 6 del porto di Gennevilliers. Un colosso lungo 600 metri e alto 25 che i suoi detrattori paragonano a due Stades de France affiancati sulle rive della Senna e affacciati su L’Île-Saint-Denis e Épinay-sur-Seine (Seine-Saint-Denis) .

Un progetto che deve ancora essere sottoposto a un’inchiesta pubblica e che ormai mobilita ben oltre i dipartimenti dell’Ile-de-France interessati. Questo sabato, una grande manifestazione, che ha riunito un migliaio di persone, ha lasciato il municipio di Gennevilliers per raggiungere L’Île-Saint-Denis. “Si passa da un municipio che sostiene il progetto ad uno che non lo vuole”, hanno sintetizzato i gruppi presenti.

Nel corteo, gli eletti di Seine-Saint-Denis e Val-d’Oise, ma nessuno dell’Hauts-de-Seine, quindi, così come le associazioni di residenti e i collettivi nazionali di difesa ambientale, a cominciare da Earth Uspirings (SLT) e Rivoluzione ecologica per i viventi (REV).

“Green Dock è semplicemente il mondo della grande mossa capitalista che rafforza il traffico stradale”

“I pacchetti sono per Parigi, i guai sono per Seine-Saint-Denis”, si lamenta Léna Lazare, portavoce delle Rivolte, che lì hanno organizzato la loro prima azione in un ambiente urbano. “Questo progetto è una bugia perché Green Dock fa 1.200 camion al giorno, è il simbolo di un’industria mortale ed è l’aria degli abitanti di Seine-Saint-Denis che sarà ancora più inquinata”, insiste. “Quando costruiamo una bomba, non ci interessa se è realizzata con materiali riciclati”, afferma Azelma Sigaux, portavoce di REV.

Éric Coquerel, deputato (LFI) di Épinay e L’Île-Saint-Denis, ha invitato il sindaco (PCF) di Gennevilliers a chiedergli di rifiutare il permesso di costruire per il porto di Haropa che porta avanti il ​​progetto. LP/Philippe Labrosse

Da parte sua, Éric Coquerel, deputato della LFI per Épinay e L’Île-Saint-Denis, ha invitato il sindaco (PCF) di Gennevilliers a chiedergli di rifiutare il permesso di costruzione del porto di Haropa che porta avanti il ​​progetto. “Questo progetto non interessa perché non favorisce il trasporto fluviale poiché nessuna chiatta avrà accesso diretto ai magazzini”, assicura il parlamentare. Green Dock è proprio il mondo della grande mossa capitalista che rafforza il traffico stradale. »

“Éric Coquerel dovrebbe conoscere la legge”, risponde Patrice Leclerc, che non ha partecipato ai discorsi davanti al municipio. Per ironia della sorte, la città di Gennevilliers ha organizzato questo sabato al Parc des Sévines la “Primavera dell’ecologia”. «Non si può rifiutare una concessione edilizia se non rispetta le regole», aggiunge l’assessore. Questo è l’oggetto delle attuali istruzioni. Se mi rifiuto senza questa istruzione e senza valido motivo, il ricorso annullerà la mia cancellazione e farà sì che il Comune paghi i danni. »

Negli scontri una persona è rimasta ferita

Se per questa manifestazione le associazioni nazionali di difesa dell’ambiente hanno mobilitato in gran parte le loro truppe, alcune delle quali hanno scoperto il progetto grazie ai volantini distribuiti sul posto, erano presenti anche i residenti direttamente interessati. Come Antoine Gaudin, presidente dell’associazione Protection Berges de Seine, uno dei primi a mettere in guardia dalle conseguenze di un simile progetto, in particolare nella zona Natura 2000, sulla punta dell’isola di Saint-Denis, dove nidificano i cormorani e il martin pescatore.

Le associazioni nazionali di difesa ambientale hanno mobilitato in gran parte le loro truppe per questa manifestazione. LP/Philippe Labrosse

“Questa mobilitazione è un punto di svolta perché abbiamo portato avanti questa azione per tre anni, con relativamente poche speranze data la portata di questo progetto di 150 milioni di euro”, ricorda Antoine Gaudin. Oggi abbiamo la sensazione che il Dock Verde sia considerato una questione pubblica nazionale e non più solo locale. Si pone la questione di quale modello di sviluppo vogliamo in un contesto di crisi climatica. »

Se l’inizio della manifestazione si è svolto in un clima bonario, la situazione è improvvisamente degenerata al Parc des Chanteraines, sul Boulevard Charles-de-Gaulle, dopo che un piccolo gruppo di manifestanti si è staccato dal corteo per attraversare il parco dipartimentale e provate a dirigervi non più verso L’Île-Saint-Denis ma verso il porto di Gennevilliers.

Con 58 arresti pesanti e altrettanti arresti di polizia. Così come un membro della squadra “Medic” (responsabile del soccorso durante le manifestazioni) ferito e trasportato in ospedale, secondo gli organizzatori. Non è stato notato alcun danno.

-

PREV Festival di Nîmes: Grand Corps Malade offre uno slam che si tinge di “modestia e personalità”
NEXT Le attività marittime saranno autorizzate attorno e all’interno del parco eolico nella baia di Saint-Brieuc