In Quebec strade distorte dalla segnaletica in inglese

In Quebec strade distorte dalla segnaletica in inglese
In Quebec strade distorte dalla segnaletica in inglese
-

Un degrado lessicale spudorato, un fastidio dovuto tra l’altro al lassismo di questa legge 101 appena modificata con la legge 96. Ma basterà questo a contrastare l’anglomania galoppante?

Una cosa è certa, il turista che cammina per le strade della Côte de la Montagne, Saint-Jean, Saint-Louis o Saint-Paul per ritrovare la patina linguistica”tipicamente francese» così ricercato, rimarrà sicuramente deluso nel vedere come sono i manifesti quasi monolingue in inglese dei franchise senz’anima Mary’s Popcorn, Mango Tea, Cool as a Moose, Sugar Daddy, David’s Tea, ecc., potrebbe facilmente sostituire quello francese degli affascinanti bistrot di un tempo.

E ciò che vale per la segnaletica commerciale esterna vale anche per le indicazioni di pubblica utilità, eventi culturali, (Festival, Settimana …), menù dei ristoranti, programmi.

È un cancro le cui metastasi si sono diffuse in tutta la città bassa e anche nel Faubourg St-Jean Baptiste, un quartiere (il mio) noto per essere molto militante, dove vetrine come Stay Sharp, Golden Rice e Barber Shop danno la replica al Armadi North Face e Vape Shop di questo mondo. Cos’è la “diversità linguistica”!

E l’ironia di tutto ciò è che purtroppo spesso i manifesti incriminati sgambettano innocentemente accanto ai gagliardetti e ai palloncini con la scritta “accento locale” disseminati ovunque dal Comune in uno sforzo di promozione economica e sociale. Frenglish come “accento locale”, davvero?

Inglese, come il poligono giapponese

In effetti, ho l’impressione che la segnaletica inglese sia diventata pessima quanto il poligono giapponese in termini di colonizzazione del campo visivo della Capitale Nazionale. Se tagli uno stelo, dallo stesso rizoma ricrescono quattro steli. Così, di recente, dopo aver presentato una denuncia all’Ufficio Québécois de la Langue Française (OQLF), siamo riusciti nel mio quartiere a spingere un commerciante “delinquente” a rifare la sua insegna in francese. Tutti erano contenti, a cominciare dal proprietario stesso, solo che appena tre settimane dopo tre nuove attività nella stessa zona furono pomposamente pubblicizzate in inglese. Come il poligono, ti dico… Scoraggiante!

>>>>>>

(Foto fornita da Gilles Simard)

Ma com’è possibile che possiamo contare solo sulla denuncia dei cittadini e sulle sanzioni (spesso ridicole) dell’OQLF per mettere in ginocchio i commercianti incoscienti o senza scrupoli? Cosa rende così facile per un commerciante non rispettoso della legge ottenere un permesso di esercizio in Quebec, un centro di storia e cultura?

Allora perché aspettare sempre di agire a valle (con l’OQLF) quando sarebbe così semplice, a monte, se i comuni, le società di sviluppo commerciale (DSC) e le altre organizzazioni interessate realizzassero insieme vere e proprie campagne di sensibilizzazione sulla segnaletica commerciale in Francese?

Cosa aspettiamo ad agire invece di scaricare la responsabilità quando le cose sfuggono di mano? E i nostri funzionari eletti, a tutti i livelli, stanno dormendo? Non ne vale la pena?

Infine, adottata di recente, la Legge 96 dovrà diventare pienamente operativa nel giugno 2025, in materia di esposizione. Fino ad allora, sperando che basti a porre fine a tutto ciò, spero solo che il Quebec e il suo “accento americano” non soffrano troppo. È già abbastanza globulare indigesto così.

Gilles Simard, cittadino del Quebec

-

PREV VIDEO. Il sindaco di Charleville-Mézières fa il bagno nella Mosa, “pulito e senza rischi per la salute”
NEXT La situazione delle donne oggi