Divieto di caccia tradizionale: i cacciatori del Lot-et-Garonne vogliono incontrare il Presidente della Repubblica

Divieto di caccia tradizionale: i cacciatori del Lot-et-Garonne vogliono incontrare il Presidente della Repubblica
Divieto di caccia tradizionale: i cacciatori del Lot-et-Garonne vogliono incontrare il Presidente della Repubblica
-

l’essenziale
Venerdì 24 maggio, i cacciatori di allodole hanno ottenuto un appuntamento con il prefetto di Lot-et-Garonne. Hanno chiesto di incontrare il Presidente della Repubblica affinché possa riconsiderare il divieto della tradizionale caccia alle allodole, annunciato all’inizio di maggio.

Una delegazione si è presentata alla prefettura di Lot-et-Garonne, ad Agen, venerdì 24 maggio. In discussione, il loro malcontento dopo il divieto della caccia tradizionale da parte del Consiglio di Stato. Lunedì 6 maggio il Consiglio di Stato, infatti, ha deciso di annullare definitivamente i decreti che autorizzano pantes e matoles nelle Landes, Pirenei Atlantici, Gironda e Lot-et-Garonne. L’udienza di giudizio è stata fissata per giovedì 4 aprile.

Una decisione che Laurent Vicini, presidente della federazione dipartimentale dei cacciatori, non accetta: “Stiamo abbandonando tutte le nostre tradizioni e annientando il mondo rurale. Non facciamo del male a nessuno, chiediamo solo di poter caccia con calma.” Hanno così avuto un incontro con il prefetto. Obiettivo di questo incontro, ottenere un appuntamento con il Presidente della Repubblica.

“Gli animali non li interessano”

Concretamente, i cacciatori di allodole possono ora cacciare esclusivamente con il fucile o con la razza. “Siamo disprezzati. Sono state inviate lettere senza risposta”, continua Laurent Vicini.

Per loro sono vittime di diverse associazioni cosiddette “ecologiste”. “Con il pretesto che ci sono altri modi, dobbiamo eliminare le tradizioni. Non permetteremo che ciò accada, esistono da secoli, lamenta il presidente. Non è mai stato fatto nessuno studio per vedere se la popolazione se la cava meglio perché non gli diamo la caccia. Gli animali non li interessano nemmeno.” Ce ne sono un centinaio a caccia nel dipartimento.

Altre azioni previste

In questa dinamica, i cacciatori ci assicurano fino a nuovo avviso: “Sospendiamo tutta la trasmissione dei dati sulla raccolta della selvaggina grossa e sui danni ai servizi statali; sospendiamo tutta la trasmissione dei dati Sylvatub ai servizi statali. Stato; tutta la partecipazione alle commissioni amministrative di Sylvatub è sospesa. ” In altre parole, tratterranno le informazioni.

“Per quanto riguarda la tubercolosi bovina, a livello dei tassi, faremo la conservazione. Non forniremo alcun dato. Lo stesso vale per i campioni di cinghiali”, assicura Laurent Vicini. Uno stallo che continua e potrebbe diventare più duro.

In seno a queste associazioni la paura dei cacciatori si rivolge anche verso il colombaccio. «Anche questa è una caccia tradizionale, quindi è anche minacciata. Se perdiamo definitivamente l’allodola, finirà male. Per il colombaccio siamo 6.000. , sarà peggio.” Altre azioni, ancora segrete, sono previste nei prossimi giorni.

-

PREV Furti d’auto, una vera piaga in Canada
NEXT Friburgo: uno spazio di consumo sicuro per i tossicodipendenti friburghesi