“Il Senegal non deve più esportare tutti i minerali estratti dal suo sottosuolo” (Ngagne Demba)

“Il Senegal non deve più esportare tutti i minerali estratti dal suo sottosuolo” (Ngagne Demba)
“Il Senegal non deve più esportare tutti i minerali estratti dal suo sottosuolo” (Ngagne Demba)
-

Ora è ufficiale! Ngagne Demba Touré è entrato in carica presso la Société des Mines du Senegal (SOMISEN). Senza indugio, il nuovo direttore generale ha valutato “l’importanza delle risorse del sottosuolo senegalese”. “Il sottosuolo senegalese è ricco di importanti risorse minerarie. Si tratta di un potenziale immenso di sostanze minerali che offrono nicchie per la creazione di ricchezza, posti di lavoro, infrastrutture vitali e uno sviluppo endogeno e sostenibile”, ha dichiarato Ngagne Demba Touré, durante il passaggio di consegne direttore, Ousmane Cissé.

Ha aggiunto: “dai metalli preziosi come oro e platino ai minerali pesanti come zircone, ilmenite e rutilo, ai minerali strategici come uranio, litio, manganese o bauxite, metalli vili come rame, nichel, piombo, cromo e barite, senza dimenticare i fosfati di ferro, calcare, calce e allumina, fino ai materiali da costruzione come basalto, arenarie e sabbie dunali, pietre ornamentali come marmi e granitoidi o ancora ceramiche o argille industriali e sabbie silicee per la lavorazione del vetro.

Ngagne Demba Touré, nel suo comunicato per l’occasione, non ha mancato di elencare i mali degli agenti della società. “L’inefficacia delle funzioni di rappresentanza e di gestione delle partecipazioni statali nelle società minerarie, la mancanza di risorse finanziarie sufficienti per portare a termine adeguatamente gli ambiziosi programmi di ricerca, valorizzazione e sfruttamento delle sostanze minerali che esso intraprende.” è accertato, il assenza di sostegno politico da parte della sua supervisione tecnica e finanziaria per operare in conformità con il ruolo strategico e gli obiettivi economici che gli sono stati assegnati”, ha sottolineato. Prima di aggiungere al suo elenco “la forte disparità tra il valore della produzione, la ricchezza creata dalle imprese e il reddito di cui beneficia lo Stato”.

Sostenendo la sua visione, sottolinea che “il Paese non deve più esportare tutti i minerali estratti dal suo sottosuolo per poi importare prodotti finiti da questi stessi minerali” “Il gioielliere senegalese non deve più prendere un aereo, fare migliaia di chilometri per raggiungere Dubai in ricerca di gioielli.

Nella sua missione, Ngagne Demba Touré considera che “il gioielliere senegalese non deve più prendere un aereo, percorrere migliaia di chilometri per raggiungere Dubai in cerca di gioielli mentre l’oro estratto qui a Kédougou lascia il Paese per essere raffinato in Svizzera o in Canada. In breve, ha sostenuto, la mia ambizione è che SOMISEN passi da azienda permanentemente sostenuta dallo Stato a mucca da latte che apporta centinaia di miliardi al suo fondo.

Con l’intenzione di adottare una “gestione partecipativa”, il signor Touré vuole fare, dice, di SOMISEN un esempio di governance nel settore parapubblico, un fiore all’occhiello dell’economia nazionale e un leader nello sfruttamento responsabile e sostenibile delle risorse naturali in Africa.

-

PREV Con oltre 3.800 posti di lavoro da coprire a Paca, Proman e La Poste uniscono le forze per reclutare nella regione
NEXT L’associazione Hygie Sport, organizzatrice degli API DAYS, premiata dalla Banque Populaire Occitane