La Svizzera farà come la Danimarca sei anni fa?

La Svizzera farà come la Danimarca sei anni fa?
La Svizzera farà come la Danimarca sei anni fa?
-

Sabato (18.20) la Svizzera si prepara ad affrontare il Canada nella semifinale dei Mondiali di Praga. Battuti 3-2 nella fase a gironi, gli uomini di Patrick Fischer vogliono prendersi la rivincita.

Canadesi e svizzeri si ritrovano sei giorni dopo essersi affrontati.

CHIAVE DI PIETRA

La Svizzera ha ottenuto il diritto di disputare giovedì a Ostrava la quinta semifinale della sua storia ai Mondiali. Ha perso quelli del 1992, anno dell’introduzione dei quarti di finale nella forma che l’ogn conosce, e del 1998 a Zurigo, ma ha vinto gli ultimi due nel 2013 a Stoccolma e nel 2018 a Copenaghen.

In Danimarca, la squadra di Patrick Fischer ha avuto un’ottima partita contro il Canada di Connor McDavid. La Svizzera vince 3-2 limitando ad un assist l’impatto del centro di Edmonton. Tristan Scherwey ha aperto le marcature, poi Grégory Hofmann e Gaëtan Haas hanno aggiunto due successi in power-play.

I Fribourgeois e i Biennois sono ancora epici nella Repubblica Ceca, così come Roman Josi, Dean Kukan, Michael Fora, Sven Andrighetto, Kevin Fiala, Nino Niederreiter, Reto Berra e Leonardo Genoni. E se torniamo al 2013, erano presenti Josi, Niederreiter e Berra, oltre ad Andres Ambühl.

Intensità e velocità

Questa lista di giocatori presenti sei o undici anni fa, Patrick Fischer non la tiene preziosamente in un angolo della sua mente. Al contrario. Per l’allenatore dello Zugo è inutile paragonare le squadre a sei anni di distanza: “Le squadre sono completamente diverse. Ciò che non cambia, però, è che il Canada ha sempre una grande squadra. Mi aspetto un incontro con molta intensità e velocità. Dovremo essere migliori nel primo controllo rispetto al precedente incontro contro di loro”.

Se il confronto con il 2018 non lo convince, che dire del primo duello contro la scelta di André Tourigny? La Svizzera ha perso 3-2 domenica scorsa nella fase a gironi, l’unica sconfitta finora nel torneo.

Mentre era in vantaggio per 2-1 nel secondo terzo e sembrava avere un piccolo vantaggio psicologico sull’avversario, la Svizzera ha subito due gol da short-handed dopo che Kevin Fiala si è preso un rigore di cinque minuti con un ritorno prematuro negli spogliatoi per un colpo al ginocchio su un canadese .

La sconfitta? Una bella lezione

“Penso che sia stata una lezione molto importante per noi”, ha detto Patrick Fischer. Abbiamo visto cosa può succedere quando perdiamo la concentrazione. Questo è stato così per circa dieci minuti e abbiamo visto il risultato”.

Ottima 5 contro 5, la Svizzera ha subito solo quattro gol in questa fase di gioco: uno contro la Norvegia nella partita d’esordio e tre contro gli austriaci in una partita un po’ folle. Da allora, la base difensiva ha fatto miracoli. Nelle ultime sei partite ha subito solo sei gol, tutti in inferiorità numerica.

Cosa temere per l’allenatore? “È ancora un tema importante”, osserva Fischer. Sappiamo che giocare short-handed è fondamentale in questo momento della competizione. Ma penso che contro la Germania siamo stati bravi. Quindi ovviamente prendiamo questo gol di Kahun in 4 contro 5, ma è dopo un impegno e avremmo potuto subirlo a parità di numero allo stesso modo. E’ ovvio che contro il Canada le situazioni particolari saranno molto importanti e dovremo fare meglio che nei quarti in power play.

jfd, ats

-

PREV Da La Bocca a Maradona, Julien Oheix, residente a Cannes, ripercorre la sua vita in mongolfiera
NEXT Mélenchon a Matignon (o no), dialogo a Courbevoie, lupi a Thoiry e N’Golo Kanté ovunque