Questi svizzeri lanciano una piattaforma immobiliare per le api

-

La maggior parte dei fiori ha bisogno delle api per riprodursi. Le api, dal canto loro, hanno bisogno del nettare dei fiori per nutrirsi.Immagine: bienenschweiz

Colloquio

Quasi 300 specie di api selvatiche sono a rischio di estinzione in Svizzera. Perché e come possiamo limitare questo massacro? Risposta con Martin Schwegler, presidente di AbeilleSuisse.

Chantal Staubli

Seguimi

Le conosciamo tutti, quelle immagini di code interminabili per visionare un appartamento. Ora immagina la stessa situazione con gli insetti affamati. Questo è ciò che sta accadendo attualmente alle api.

Non solo mancano il cibo, ma anche le opportunità di nidificazione. Quasi la metà delle 600 specie di api selvatiche svizzere sono quindi a rischio di estinzione.

Per attirare l’attenzione su questo problema, AbeilleSuisse, l’organizzazione mantello delle sezioni degli apicoltori, lancia una piattaforma di alloggi per le api. Martin Schwegler, presidente centrale di AbeilleSuisse, ci spiega come sostenere le api nella ricerca di alloggio e cibo.

Samstag, 15.04.23, Grindelwald, chrisroosfotografie.ch (2023)

Martin Schwegler, presidente di AbeilleSuisse.

Signor Schwegler, perché alle api mancano cibo e habitat?
Ciò è dovuto principalmente all’urbanizzazione, all’agricoltura intensiva e ai paesaggi disboscati, ovvero paesaggi coltivati ​​che sono stati distrutti o riportati ad uno stato innaturale a fini di un utilizzo più intensivo del territorio.

“Anche l’offerta di fiori è diminuita notevolmente”

Ma la presenza dei pollini è sempre più intensa e dura anche di più?
La varietà dei fiori in primavera inganna: quando a giugno i prati vengono falciati, gli alberi da frutto e i campi di colza appassiscono, le api selvatiche e mellifere trovano poco cibo. Parliamo allora di un deserto verde.

Flora del miele

Le piante mellifere sono piante che producono buone quantità di nettare e polline di buona qualità e sono accessibili alle api.

Quali sono i luoghi in cui il cibo e l’habitat sono più carenti?
In paesaggi monotoni dove l’agricoltura è intensiva e in luoghi dove il terreno è fortemente impermeabilizzato. Anche i giardini con erba inglese e poche piante autoctone non sono attraenti per le api.

Dove stanno meglio le api in Svizzera?
Le api selvatiche e mellifere si sentono bene nei luoghi dove c’è la massima varietà di cibo possibile sotto forma di fiori autoctoni. Poiché molte api selvatiche non volano su lunghe distanze, hanno bisogno anche di possibilità di nidificazione nelle vicinanze, dove possano allevare la covata, in legno morto, in luoghi aperti sul terreno o in steli di piante morte – cosa che manca anche nel paesaggio attuale.

Per quello?
Ciò è dovuto principalmente al fatto che tendiamo a pulire tutto. Nei giardini, i gambi delle piante morte vengono tagliati in autunno, le aree marroni sul terreno devono essere immediatamente piantate o ricoperte con erba. Anche il legno morto viene spesso considerato antiestetico e smaltito. In sintesi: servono paesaggi ricchi di struttura, che offrano un mosaico di elementi diversi come fiori, siepi, zone aperte di terreno e legno morto.

Più fiori per le api.

Più fiori per le api.Immagine: bienenschweiz

Cosa possiamo fare per aiutare le api?
Tutti possiamo migliorare la fornitura di fiori, anche un piccolo vaso di fiori autoctoni sul balcone può essere una preziosa fonte di polline e nettare per questi appassionati impollinatori. Spesso meno è meglio: un giardino leggermente disordinato offre un habitat prezioso. Con legno morto, steli di piante morte, steli di terreno aperto ed “erbacce” in fiore.

Quali fiori sono più adatti a questo scopo?
Le piante autoctone sono piante amiche delle api. Uno dei vantaggi delle piante selvatiche autoctone è che possiamo sostenere in modo specifico alcune specie specializzate di api selvatiche.

«In Svizzera, ad esempio, sei specie di api selvatiche sono specializzate nella produzione di fiori di campanula»

Ciò significa che queste api selvatiche, come le api forbici campanule (Chelostoma rapunculi), raccolgono solo il polline di questa pianta per la loro prole. Con una trentina di specie di campanule autoctone, ce n’è per tutti i gusti.

Ce ne sono altri?
La campanula a foglie di pesco, la campanula a foglie di ortica (ideale per i luoghi ombreggiati) o la campanula a foglie tonde, ad esempio, sono molto facili da curare. Quest’ultima è una vera pianta a fioritura continua e prospera sia al sole che all’ombra parziale. E hanno un altro vantaggio.

I quali?
Possono fornire più del semplice cibo: i fiori offrono alle api selvatiche un luogo di riposo protetto, che a volte viene utilizzato anche da più individui contemporaneamente.

“Con le campanule il vostro balcone delizierà le api giorno e notte”

Campanule viola.

Campanule viola.Immagine: Shutterstock

Vale la pena comprare un alveare?
I cosiddetti hotel delle api privilegiano solo le specie che nidificano nei fusti cavi delle piante. Tuttavia, il 75% delle api selvatiche nidifica nel terreno e sono particolarmente minacciate. Oltre al famoso “albergo” per gli insetti, imprescindibile è anche il “ristorante”. Un albergo per le api o un’opportunità di nidificazione è prezioso solo se nelle vicinanze c’è abbastanza cibo sotto forma di piante da fiore.

Nuova piattaforma per le api

Non sono solo gli esseri umani a soffrire di carenza di alloggi, anche le api soffrono di una grave carenza di habitat. Per attirare l’attenzione su questo problema, AbeilleSuisse ha lanciato sotto immobienen.ch la prima piattaforma abitativa per le api. Il sito, solo in tedesco, è concepito come piattaforma immobiliare. Su una mappa potete vedere l’entità delle riserve di cibo e il numero dei luoghi di nidificazione. E’ possibile acquistare o affittare una “Immobiene”.

Cosa succede se la morte delle api continua? Le nostre api sono essenziali per il corretto funzionamento dell’ecosistema. Impollinano le piante selvatiche, ma anche gran parte delle nostre piante coltivate. Senza l’impollinazione da parte di api e altri insetti, i raccolti diminuirebbero drasticamente.

Le api hanno una voce potente in politica?
AbeilleSuisse è politicamente attiva e si impegna affinché anche i politici sostengano i nostri sforzi. Una mozione del consigliere agli Stati Peter Hegglin, anch’egli apicoltore, verrà esaminata nella sessione estiva. L’obiettivo della mozione è garantire l’impollinazione delle piante, il che implica in particolare il monitoraggio delle api e il rafforzamento della ricerca sull’impollinazione.

La novità in Svizzera è qui

Mostra tutti gli articoli

-

PREV Sciopero dei traghetti: il CAQ deve “togliersi le dita dal naso”, proclamano i sindacalisti
NEXT Il Canada impone sanzioni economiche a tre capibanda ad Haiti