Dichiarazione congiunta sulla situazione in Myanmar

Dichiarazione congiunta sulla situazione in Myanmar
Dichiarazione congiunta sulla situazione in Myanmar
-

Oggi Canada, Australia, Unione Europea, Repubblica di Corea, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti hanno rilasciato la seguente dichiarazione sulla situazione in Myanmar:

“Noi, Australia, Canada, Unione Europea, Repubblica di Corea, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti, siamo profondamente preoccupati per l’escalation del conflitto in Myanmar e, in particolare, per il crescente danno causato alla popolazione civile, il che sta portando ad un peggioramento e al deterioramento della situazione dei diritti umani e ad una crisi umanitaria in tutto il paese.

“Dal colpo di stato del febbraio 2021, il numero di persone bisognose di assistenza umanitaria è aumentato da 1 milione a 18,6 milioni. Esistono rapporti credibili di violazioni dei diritti umani e abusi contro la popolazione civile, compresi attacchi aerei su case, scuole, luoghi di culto e ospedali, nonché torture, uso di civili come scudi umani e violenza sessuale e di genere contro donne e bambini . Mentre il conflitto continua a inasprirsi, le comunità in tutto il Myanmar sono soggette a ulteriori sfollamenti.

“Il regime militare limita sistematicamente l’accesso agli aiuti umanitari vitali. Siamo preoccupati per la crescente carenza di acqua e cibo e per il diffuso rifiuto di accesso all’assistenza sanitaria, ai medicinali e ai servizi umanitari salvavita. Il blocco permanente delle strade e delle telecomunicazioni nelle zone di conflitto ostacola la fornitura di aiuti umanitari e l’accesso alle informazioni.

“In tutto il Paese, nel 2023, più di 1.000 civili sono stati uccisi o mutilati dalle mine terrestri e il numero delle vittime sta aumentando rapidamente. Un numero crescente di persone viene trafficato e detenuto contro la propria volontà. Tutte le parti devono garantire di dare priorità alla protezione della popolazione civile.

“Siamo profondamente preoccupati per l’attuazione da parte del regime militare della legge sulla coscrizione del 2010, che sta aumentando il numero di sfollati. Questa misura continua a tentare di dividere le comunità e incitare alla violenza basata sull’identità in tutto il Myanmar.

“Nello Stato di Rakhine, città e villaggi sono stati sistematicamente presi di mira dal regime militare e dai gruppi armati. Siamo preoccupati per le recenti notizie di alti livelli di sfollamento a Buthidaung. Chiediamo a tutti gli attori armati di garantire la protezione della popolazione civile. L’uso deliberato della disinformazione, della disinformazione e dell’incitamento all’odio alimenta conflitti settari e intercomunali. Le segnalazioni di reclutamento forzato, in particolare di Rohingya, dividono ulteriormente le comunità, alimentano le tensioni e suscitano sfiducia. Tutte le popolazioni si trovano ad affrontare livelli estremi di insicurezza alimentare. La situazione è sempre più pericolosa per l’intera popolazione civile, compresi i Rakhine, i Rohingya e altre comunità etniche.

“I responsabili di tutte le atrocità commesse in Myanmar devono essere chiamati a risponderne. Ricordiamo l’ordinanza di misure provvisorie della Corte internazionale di giustizia e la necessità di rispettarle, per salvaguardare i diritti umani e prevenirne le violazioni.

“Accogliamo con favore la risoluzione 2669 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla situazione in Myanmar, che chiede la fine immediata di tutte le forme di violenza ed esorta tutte le parti a rispettare i diritti umani e consentire il pieno accesso umanitario, sicuro e senza ostacoli.

“Accogliamo con favore la nomina dell’Inviato Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per il Myanmar (UNSE) e gli sforzi concertati dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico (ASEAN), dell’UNSE e degli attori regionali per risolvere la crisi. Riaffermiamo la necessità di rafforzare la leadership delle Nazioni Unite nel Paese.

“Ribadiamo il nostro appello a tutti gli Stati affinché impediscano o cessino il flusso di armi o attrezzature militari e a duplice uso, compreso il carburante per l’aviazione, all’esercito del Myanmar.

“Il regime militare deve rilasciare tutti coloro che sono detenuti arbitrariamente e attuare pienamente il Consenso in cinque punti dell’ASEAN. Chiediamo a tutte le parti di creare spazio per un dialogo significativo e inclusivo, in modo che la democrazia possa essere pienamente ripristinata.

“Rimaniamo impegnati a sostenere tutti coloro che sono impegnati a lavorare pacificamente verso un futuro inclusivo, non violento e democratico per il popolo del Myanmar. »

-

NEXT Marchand convinto che Legault dirà sì a tutte le fasi