Vaucluse: il mondo del vino alla (ri)conquista al Festival della Vite e del Vino

Vaucluse: il mondo del vino alla (ri)conquista al Festival della Vite e del Vino
Vaucluse: il mondo del vino alla (ri)conquista al Festival della Vite e del Vino
-

C’era il bel tempo, splendeva la Festa della Vite e del Vino. Quello che quest’anno festeggia i suoi 30 anni ha potuto deliziare, seppur con moderazione, i numerosi palazzi che hanno sfilato dalle 16 fino a tarda serata questo venerdì 10 maggio sulla Place du Palais des Papes, ad Avignone.

Ma al di là dell’aspetto festoso sulla carta, questo incontro è stato soprattutto l’occasione per una decina di professionisti del settore vitivinicolo di lanciare un’operazione di seduzione tra i consumatori che oggi si rivelano meno entusiasti di degustare vino rosso, bianco o rosato.

“A molte persone piace, ma consumano solo occasionalmente, e il potere d’acquisto non aiuta necessariamentericonosce Martine Richaud, presidente del comitato organizzatore della Festa della vite e del vino. Lì l’obiettivo è far conoscere i vini e le cooperative. Soprattutto perché questo tipo di eventi piace.”

“Non siamo grandi dilettanti ma il vino è una cosa che fa sempre piacere”, dicevano una coppia tedesca sulla cinquantina di passaggio per qualche giorno ad Avignone. “Possiamo imbatterci in belle sorprese”, ha continuato, ascoltando la conversazione, René, un frequentatore abituale che non ha esitato a spiegare le sottigliezze della corretta degustazione di un vino.

“Trova cose innovative”

Nel frattempo gli operatori del settore cercano di giocare una carta diversa per presentare i loro nuovi prodotti.

“Il lato tradizionale del vino non andrà perso, ma dobbiamo cercare di trovare cose innovative o nuovi modi per intrattenere le persone. Soprattutto per i principianti. Quest’anno, ad esempio, abbiamo lanciato un vino rosso leggero con zucchero per attirare questo gruppo di persone”ha spiegato Vincent André, direttore della Cave du Luberon.

“Non siamo qui per fare numeri, ma piuttosto per farci conoscere affinché le persone possano poi venire da noi”ha aggiunto Colin Hubert, il presidente della cantina La Romaine che scopre per la prima volta l’atmosfera di Avignone.

La Festa della Vite e del Vino continua questo sabato 11 maggio nelle cantine e nelle tenute Sylla ad Apt, Rhonéa a Beaumes-de-Venise, Vacqueyras, Rasteau e Visan, la cantina di Beaumont-du-Ventoux, i viticoltori del Mont Ventoux a Bédoin, il Cellier de Princes a Courthézon, il mas des Flauzières a Entrechaux, la cantina Gigondas, la tenuta Pleine Pagnier a Mazan, la cantina Luberon a Maubec, il Domaine Meillan-Pagès a Oppède, la cantina Comtadine de Puyméras, il Les La cantina Vignerons du Gravillas a Sablet, il Domaine Moun Panta a Sainte-Cécile les vignes, Rasteau Bienvenue, la cantina Les Vignerons a Roaix-Séguret, la cantina Romaine a Vaison, la casa Sérina a Sérignan du Comtat e la grotta TerraVentoux a Villes -sur-Auzon.

#French

-

PREV I cavalieri resistono ai guerrieri | Coppa commemorativa 2024
NEXT Diario di tribunale, giorno 2: Gomma da masticare, lettera a Berset, autogoal e altri missili al processo di Tariq Ramadan