Maine-et-Loire: più di 6.000 persone sono ancora presenti questo venerdì a un rave party non dichiarato

Maine-et-Loire: più di 6.000 persone sono ancora presenti questo venerdì a un rave party non dichiarato
Descriptive text here
-

Secondo la stampa locale sarebbero ancora circa 6.500. Un rave party continua questo venerdì a Parnay, nel sud-est del Maine-et-Loire. Secondo Ouest-France è possibile ascoltare la musica a diversi chilometri di distanza. Per il momento non è prevista l’evacuazione, i gendarmi si accontentano di monitorare la manifestazione a distanza, continua France 3 Pays de la Loire.

Il rave party è iniziato nella notte tra mercoledì e giovedì, quando diverse migliaia di persone e diverse centinaia di veicoli si sono diretti a Parnay, un piccolo villaggio nel Maine-et-Loire. “Un partito libero” è stato organizzato “illegalmente su terreni agricoli”, ha dichiarato giovedì la prefettura del dipartimento in un comunicato stampa. Dovrebbe concludersi questa domenica, secondo Ouest-France.

La cittadina vicina di Souzay-Champigny ha avvertito giovedì i suoi abitanti sulla sua pagina Facebook che questo “rave party non dichiarato si svolge attualmente a sud di Souzay-Champigny in un’area aperta e durerà fino a domenica”, mettendo in guardia contro suoni insoliti e fastidiosi flussi di persone.

“Questo grande raduno non è stato infatti oggetto di alcuna preparazione da parte degli organizzatori con i servizi statali e le comunità. Inoltre, la presenza di stupefacenti e alcol sul sito presenta rischi elevati per la sicurezza personale”, deplora la prefettura del Maine-et-Loire.

Il prefetto del dipartimento, Philippe Chopin, “invita il pubblico a non unirsi al luogo” di questo raduno illegale e avverte che “qualsiasi partecipante è esposto a sanzioni”.

Come in molti altri dipartimenti dell’ovest della Francia, dove tali feste libere erano temute durante il periodo del Ponte dell’Ascensione, il prefetto del Maine-et-Loire aveva emesso un’ordinanza che vietava qualsiasi raduno festivo musicale di tipo rave party fino a lunedì 13 maggio.

I servizi della prefettura, la gendarmeria dipartimentale, i vigili del fuoco e la sicurezza civile si stanno mobilitando con le comunità interessate e la procura di Saumur per garantire la sicurezza di questo incontro, sottolinea la prefettura. Secondo il municipio di Souzay-Champigny, i gendarmi hanno messo in atto un sistema per mettere in sicurezza il sito ed effettuare controlli.

-

PREV Inflazione in Marocco e reddito pro capite – Discovery Morocco
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News