Sono oltre 7.500 le richieste di visto per parenti di canadesi nella Striscia di Gaza

Sono oltre 7.500 le richieste di visto per parenti di canadesi nella Striscia di Gaza
Sono oltre 7.500 le richieste di visto per parenti di canadesi nella Striscia di Gaza
-

Più di 7.500 canadesi si sono registrati per ottenere un visto federale per far uscire le loro famiglie dalla Striscia di Gaza, un processo che gli avvocati hanno descritto come costoso, caotico e quasi impossibile da seguire.

Le cifre ottenute da La stampa canadese attraverso una richiesta di libertà di informazione, che copre i primi tre mesi dell’anno, sono “scioccanti”, ha detto l’avvocato specializzato in immigrazione di Toronto Debbie Rachlis.

Secondo lei, queste cifre dimostrano che migliaia di canadesi in più si stanno affrettando per salvare i loro familiari vittime della guerra tra Israele e Hamas, rispetto a quanto Ottawa aveva inizialmente stimato al momento del lancio del programma a gennaio.

Me Rachlis, che rappresenta dozzine di richiedenti nel processo in più fasi, ha affermato che alcune domande coinvolgono sette o otto membri di una famiglia, il che significa che il numero di persone che vogliono entrare in Canada è ancora più alto.

“Per me, questa è solo un’altra indicazione della riluttanza di questo governo ad affrontare la difficile situazione di queste persone”, ha detto.

I dati mostrano che da quando il programma è stato lanciato dal 9 gennaio al 1 gennaio, i canadesi hanno presentato 7.549 richieste iniziali di visto per i propri cari bloccati nella Striscia di Gaza.ehm Lo scorso aprile.

Quando il ministro federale dell’immigrazione, Marc Miller, annunciò questo progetto di ricongiungimento familiare in dicembre, in una conferenza stampa stimò che si aspettava che il numero di persone che avrebbero potuto beneficiarne fosse “dell’ordine delle centinaia”.

Un portavoce del Dipartimento per l’Immigrazione, i Rifugiati e la Cittadinanza ha affermato che al 29 aprile solo 179 visti erano stati rilasciati da Ottawa agli abitanti di Gaza.

Il processo di richiesta di asilo prevede diverse fasi, a partire da una dichiarazione legale di un familiare canadese e un modulo online contenente i dettagli delle circostanze dei richiedenti. Successivamente, alcuni candidati ricevono un codice univoco che consente loro di passare alla seconda fase.

I familiari devono attraversare il confine egiziano da Rafah al Cairo per un controllo di sicurezza finale prima che venga loro rilasciato il visto, un passaggio che si è rivelato particolarmente difficile. La stampa canadese hanno parlato con diversi palestinesi che, frustrati dall’incapacità di Ottawa di aiutarli, hanno pagato migliaia di dollari ad una compagnia privata egiziana per farli attraversare il confine.

La presa del confine da parte di Israele martedì probabilmente renderà l’attraversamento ancora più difficile. “Ciò significa che non saremo in grado di far uscire le persone, e questo mi preoccupa molto”, ha detto martedì il ministro Miller.

I dati ottenuti la scorsa settimana mostrano che sono stati inviati 2755 codici univoci a 1ehm aprile a coloro che avevano depositato una dichiarazione solenne. Di coloro che hanno ottenuto i codici, il ministero ha ricevuto 1.977 domande per la seconda fase del processo.

Il Dipartimento federale per l’immigrazione inizialmente aveva detto che avrebbe esaminato solo 1.000 domande per il programma, ma da allora il ministro Miller ha affermato che il numero sarà rivisto al rialzo.

Il ministero ha dichiarato la scorsa settimana che erano in fase di elaborazione 986 domande “complete”. Le precedenti e-mail del ministero mostrano che il numero non è cambiato almeno dal 4 marzo.

Il Canada potrebbe fare di più?

Me Rachlis ha affermato che l’apparente esitazione del Canada ad agire con urgenza potrebbe essere attribuita in parte al non voler contribuire allo spopolamento di Gaza. E mentre ha definito il programma di visti del Canada un fallimento, ha detto che nessun altro paese ha lanciato una solida iniziativa da cui il Canada possa imparare. Inoltre, ritiene che non esista un sistema internazionale di protezione delle vittime di guerra con cui il Canada possa realmente collaborare.

Annie O’Dell, un avvocato specializzato in immigrazione originario della regione di St. John, Terranova e Labrador, con sede a Toronto, ritiene che il Canada potrebbe fare di più per eliminare alcuni dei requisiti di sicurezza eccessivi legati a questi visti – e quindi rilasciarli più rapidamente.

Lei sostiene che il governo canadese potrebbe smettere di richiedere ai richiedenti di andare al Cairo per la verifica finale, perché le persone che cercano di attraversare il confine con l’Egitto, a Rafah, potrebbero farlo più facilmente se avessero a portata di mano un visto canadese.

Me O’Dell rappresenta Sawsan Karashuli, un canadese palestinese che vive in Ontario, che ha richiesto un visto per suo fratello e sua nipote a gennaio. Il fratello è morto di fame nel nord della Striscia di Gaza, e sua figlia di 25 anni è stata lasciata lì sola, ha detto l’avvocato. Nessuno dei due ha ricevuto il visto.

“Mi chiedo quante di queste domande siano state inviate per persone che ora sono decedute”, ha lamentato M.e O’Dell in un’intervista. Direi che il governo canadese ha una certa responsabilità per i ritardi nei confronti di persone che non sono più a questo mondo. »

Da vedere in video

-

PREV Un nuovo piano strategico per “la più grande università del Canada”
NEXT Con le sue piccole isole paradisiache, questa città del Quebec non lontana da Montreal è la destinazione perfetta per prendere il sole